Q&A Domande e Risposte Oggi alle ore 16:00

Rispondiamo in diretta a tutte le vostre domande e curiosità

Brexit: il commento dell'industria videoludica inglese

di
L'industria videoludica inglese ha voluto prendere posizioni in seguito ai risultati del referendum che ha decreto la volontà dei cittadini britannici di vedere il Regno Unito fuori dall'Unione Europea.

Richard Wilson (CEO di TIGA UK) ha dichiarato: "Il mercato dei videogiochi nel Regno Unito è un settore che fornisce lavoro a più di 30.000 persone. Il 95% degli studi operanti sul territorio lavora per committenti esteri, in seguito al Brexit sarà quindi molto importante rafforzare quei settori dove il nostro paese è molto competitivo, tra questi anche l'industria videoludica.
Si tratta di un settore importante ed è fondamentale che il governo continui a garantire appoggio economico a chi decide di investire in questo campo. Spero che i risultati del referendum non fermi l'arrivo di talenti dall'estero, questo sarebbe un grave danno per la nostra industria."

Anche Jo Twist, amministratore delegato del gruppo UKIE, ha voluto esprimere la sua opinione: "Spero che l'incertezza politica che si verificherà in seguito al referendum non abbia impatto sulle nostre imprese. Attualmente l'industria videoludica inglese si colloca ai massimi livelli in Europa e nel mondo intero."

Infine, un commento da Jason Kingsley, CEO di Rebellion, uno dei più quotati studi inglesi: "Nel Regno Unito abbiamo una forza lavoro altamente qualificata e un patrimonio fatto di oltre trent'anni di successo. L'incertezza è solitamente sgradita alle imprese ma l'industria videoludica britannica rimarrà forte, flessibile e competitiva."

FONTE: MCV UK Quanto è interessante?
0
Segnala Notizia Segnala Errori Vai ai commenti