Deep Down: svelati nuovi dettagli

di

Sony Computer Entertainment Japan e Asia e Capcom hanno rilasciato una serie di dettagli riguardanti Deep Down, RPG in esclusiva per PlayStation 4. Tra i vari temi affrontati, gli sviluppatori del gioco hanno parlato delle potenzialità hardware della console di nuova generazione, oltre a rivelare ulteriori informazioni sull'utilizzo di DualShock 4 e della funzione di Remote Play con PSVita. Vi abbiamo incuriosito? Allora leggete tutto l'elenco delle novità dopo la pausa.

  • Il gioco è ambientato nella New York del 2094. I membri di un gruppo chiamato "Ravens" hanno la particolare abilità di viaggiare indietro nel tempo con la lettura della memoria insita negli oggetti e ascoltando la voce del passato. Possono visitare le età più disparate basandosi su questo tipo di lettura. 
  • Il titolo, secondo gli sviluppatori, appartiene al genere dei "Reading RPG" per due motivi: primo, per 'idea della lettura delle memorie citata in precedenza; secondo, a causa del tema delle emozioni. Quest'ultimo aspetto deriva dal fatto che i vari dungeon corrispondono alle diverse sensazioni. Ad esempio, semplicemente toccando una statua e leggendo le sue emozioni si potranno sentire rancori e vizi di chi l'ha posseduta, caratterizzando di conseguenza le ambientazioni.
  • Lo scopo dei Ravens è quello di conoscere la verità del passato.
  • Capcom ha voluto realizzare un gioco online diverso dalle esperienze di Monster Hunter e Dragon's Dogma, facendo in modo di non avere restrizioni di sorta su una piattaforma (la PS4) che ha un rapporto inscindibile con la rete. 
  • Giocando con gli amici ci si potrà scambiare le informazioni raccolte nei dungeon e cercare di risolvere il mistero che si cela dietro Deep Down.
  • E' possibile giocare da soli, oltre ad essere decisamente consigliabile nelle prime ore per familiarizzare con la struttura del titolo. Successivamente, si dovrebbero esplorare le ambientazioni insieme ad altre persone.
  • Gli sviluppatori stanno cercando di abbattere le barriere esistenti tra gioco online e le persone che non amano questo tipo di giocabilità. 
  • Il gioco godrà di aggiornamenti regolari e di grandi dimensioni, in modo che gli utenti potranno percepire con mano importanti cambiamenti nel titolo.
  • Ci sarà una beta, e la software house sta lavorando per pubblicarla subito dopo il lancio di PS4.
  • Rispetto alla precedente generazione, Sony ha creato un ambiente di sviluppo più semplice per PlayStation 4. 
  • Saranno presenti anche i 60 fotogrammi al secondo.
  • I dungeon vengono generati casualmente grazie all'architettura di PS4 molto simile al PC. Ovviamente non sarà tutto randomico, ma costruito automaticamente sulla base di determinati parametri. 
  • La rappresentazione delle ambientazioni è quasi fotorealistica, e gli elementi come il degrado di armi e armature sarà visualizzato graficamente. La console di Sony ha infatti permesso agli sviluppatori di curare dettagli impressionanti, come l'accumulo di muffa, sporcizia e ruggine sulle varie attrezzature, dandoci la sensazione che questi elementi esistono sul serio nel mondo di gioco.
  • La barra luminosa del DualShock 4 rappresenterà le emozioni del dungeon che stiamo esplorando. Quando un Raven ascolta la voce del passato, essa verrà diffusa dagli speaker nel controller al fine di aumentare il coinvolgimento. Il touchpad, invece, sarà utilizzato anche per caratteristiche tattili. 
  • La riproduzione remota con PSVita verrà pienamente supportata, e gli sviluppatori stanno anche pensando al modo migliore di utilizzare smartphone e tablet.