Dig Rush: il primo videogioco terapeutico basato su un metodo brevettato per la cura dell'ambliopia

di
INFORMAZIONI GIOCO

Ubisoft e Amblyotech Inc. annunciano di aver collaborato allo sviluppo di Dig Rush, il primo videogioco basato su un metodo brevettato in esclusiva per la cura dell’ambliopia, una condizione conosciuta anche come “occhio pigro”.

Utilizzando alcune innovazioni brevettate inizialmente dai dottori Robert Hess, Benjamin Thompson, Behzad Mansouri, Jeremy Cooperstock, Long To e Jeff Blum alla McGill University, e successivamente concesse in licenza alla Amblyotech, Ubisoft sta utilizzando un’esperienza di gioco per creare un metodo d’intrattenimento che possa migliorare il coinvolgimento e l’esperienza dei pazienti durante le terapie per la cura dell’ambliopia. Il nuovo titolo offre una potenziale cura di lunga durata per questo particolare disturbo. “Mentre le diverse cure attuali, come l’uso di una benda, forniscono un sollievo limitato e sono poco gradite dai pazienti per via di un certo disagio sociale, la terapia elettronica e brevettata di Amblyotech è stata testata clinicamente ed è riuscita a migliorare notevolmente l’acutezza visiva sia di bambini che di adulti, senza l’utilizzo di una benda. Grazie all’accordo con Ubisoft, siamo in grado di fornire ai medici un quadro preciso e completo della cura, per aiutarli a monitorare i progressi dei pazienti attraverso la terapia”, ha dichiarato Joseph Koziak, CEO di Amblyotech.

“Lo sviluppo di Dig Rush è stata un’ottima opportunità per incrementare le nostre conoscenze e abilità nella creazione di titoli in grado di offrire un trattamento medico innovativo”, ha dichiarato Mathieu Ferland, Senior Producer di Ubisoft. “Il team di Ubisoft Montreal è stato in grado di creare un’esperienza avvincente e piacevole per tutti i pazienti in cura per l’ambliopia, e siamo davvero orgogliosi di essere stati coinvolti in una manifestazione così positiva della tecnologia videoludica.” Invece di allenare solo l’occhio pigro, il nuovo gioco sfrutta entrambi gli occhi, a livello binoculare, per addestrare il cervello a migliorare l’acutezza visiva del paziente, utilizzando livelli di contrasto di rosso e blu differenti, che possono essere percepiti tramite l’uso di occhiali stereoscopici. Utilizzando questo metodo, il medico può regolare le impostazioni del gioco in base alla debolezza dell’occhio del paziente, consentendo a entrambi gli occhi di usufruire dell’esperienza di gioco.

“La McGill University vanta una storia gloriosa di innovazioni e sviluppo di prodotti in numerosi campi, in particolare nelle scienze della vita. Siamo davvero lieti di vedere una delle tecnologie di nostra invenzione fare il passo successivo verso la commercializzazione”, ha dichiarato il dottor Michèle Beaulieu, Direttore Associato dell’Invention Development and Entrepreneurship Assistance Team dell’Office of Innovation and Partnership della McGill University. L’ambliopia è un disturbo visivo che causa un deficit nella capacità visiva di un occhio, come risultato di un occhio pigro o un errore di rifrazione disuguale (in pratica, un occhio è più forte dell’altro). Le cure tradizionali, che includono l’uso di una benda sull’occhio normale, hanno effetti scarsi e creano problemi di natura sociale, oltre a tempi di cura più lunghi e un elevato tasso di ricaduta tra gli adolescenti e gli adulti. Questo disturbo colpisce fino al 3% dei bambini di tutto il mondo e se non curato con successo, può portare alla cecità in età adulta.

Amblyotech cercherà di ottenere l’autorizzazione della FDA per commerciare la cura negli Stati Uniti. Una volta ricevute le approvazioni regolamentari, la cura sarà disponibile in tutto il mondo.

Dig Rush: il primo videogioco terapeutico basato su un metodo brevettato per la cura dell'ambliopia