EA sostiene che non è il sessismo a tenere lontano le donne dall'industria videoludica

di

"Incolpare il sessismo per la quasi totale assenza di donne nell'industria videoludica è un grosso sbaglio", sostiene Gabrielle Toledano, vice presidente esecutivo EA, in un'intervista a Forbes."Se vogliamo più donne che lavorano con i videogame dobbiamo capire che il problema alla base non è il sessismo. Essendo una che ci lavora in questo mondo, trovo che pensarla in questo modo sia errato". Toledano, sostiene che non nega l'esistenza del sessismo, ma non pensa che il mondo dei videogiochi sia peggio di altri settori, dove la maggiore presenza maschile deriva principalmente da questo fattore:"Piuttosto che dare la colpa agli uomini, bisogna capire che la soluzione deve partire da noi donne".

Il dirigente EA ha poi detto che le donne amano giocare ai videogame e che l'industria del settore vorrebbe assumerne di più, ma non ne trova abbastanza. Ha poi invitato i suoi colleghi di altre aziende ad avviare delle campagne di reclutamento di studentesse presso gli istituti universitari:"Se le donne non ambiscono ad una carriera in questo mondo è perchè pensano che il sessismo possa limitarle, ma sbagliano. Se vogliamo che le cose cambino e che il rapporto tra uomini e donne cambi, dobbiamo iniziare a pensare che non ci sono limiti in una carriera del genere, pur essendo donne .Mettete da parte i preconcetti e cercate i posti e le opportunità giuste. Vi posso garantire in prima persona che le donne nel mondo dei videogames non sono solo le benvenute, ma sono necessarie e uguali agli uomini".
FONTE: VG247 Quanto è interessante?
0
Segnala Notizia Segnala Errori Vai ai commenti