Epic Games non supporta il disegno di legge "Stop Online Pirate Act"

di

Epic Games ha confermato che non supporterà la proposta di legge americana "Stop Online Pirate Act", che punta a fermare la pirateria online. Dana Cowley, senior PR manager della compagnia, ha diffuso un comunicato sul forum ufficiale di Epic, in cui spiega i motivi di questa astensione.
"Epic Games sostiene tutti gli sforzi che vogliono porre fine alle azioni illegali di siti stranieri che guadagno dalla versioni pirata dei nostri giochi, ma dobbiamo farlo in un modo che sia compatibile con la libertà di parola e con le procedure previste dalla legge. Per questo, non supporteremo la versione corrente di SOPA".

Cowley ha aggiunto che Epic fa parte dell'ESA, l'organizzazione commerciale che continua a  sostenere la proposta, e afferma che si sta lavorando con i legislatori per perfezionare il disegno di legge.
La proposta è assai controversa, in quanto, sebbene sia stata pensata per consentire ai detentori del copyright di chiudere siti che ospitano file torrent o materiale pirata, nella attuale stesura da in mano alle compagnie un potere censorio tale da minare i diritti di libertà sanciti dal Primo Emendamento.
Altre compagnie, come Nintendo, SCE, Microsoft, ed Electronic Arts hanno confermato di non appoggiare SOPA, così come Google, Yahoo! e Facebook.