Gamestop non teme il progetto "Ten Dollars" di Electronic Arts

di

Paul Raines, chief operating officer di GameStop ha parlato agli investitori ieri durante la conferenza per i risultati finanziari di fine anno fiscale, e ha dichiarato che il progetto "Ten Dollars" di Electronic Arts, che consiste nell'introdurre DLC gratuiti e l'accesso all'online dei titoli sportivi solo a coloro che acquistano giochi nuovi e non usati, non ha avuto nessun impatto negativo sul commercio, e che può essere uno spunto per educare il consumatore sulla fruizione dei contenuti aggiuntivi:

"Ci sono molti dubbi sul contenuti solo per gli acquirenti del nuovo e l'impatto che questo ha avuto sul nostro business. Al momento non abbiamo visto nessun impatto negativo sul nostro business, anzi lo vediamo come una possibilità di girarlo in modo positivo, grazie alla nostra possibilità di vendere DLC nei nostri store. Supporteremo la creazione di nuovi DLC per i franchise popolari, perché estendono la vita dei giochi e aumenta la base dei giocatori. Non crediamo che l'introduzione dell'Online Pass possa avere un impatto sul nostro mercato dell'usato, perché i giocatori che comprano usato ed utilizzano le modalità online sono molto pochi, e nel caso cresca il loro numero, i nostri modelli ci permettono di gestire i prezzi di vendita e acquisto in maniera dinamica."

La catena di negozi inoltre sta per lanciare un programma per promuovere l'acquisto dei DLC direttamente negli store, in collaborazione con Microsoft. Il programma punta a rendere più facile l'acquisto dei DLC.

"I negozi venderanno un quantitativo limitato di DLC e promuoverà i contenuti digitali ai consumatori. Gli acquirenti potranno acquistare i cotenuti con ogni forma di scambio possibile, anche attraverso il ritiro dei giochi. Questo processo eliminerà il muro di dover trovare e scoprire i contenuti online, e darà il potere ai consumatori di comprare, vendere e scambiare i contenuti digitali. Il periodo di prova si espanderà in diversi store durante l'estate, per giungere in ogni negozio americano in autunno."