Itagaki lamenta l'atteggiamento passivo dei developers giapponesi

di
INFORMAZIONI GIOCO

L'ex capo di Team Ninja, Tomonobu Itagaki, durante un'intervista sulle pagine virtuali di Gamasutra, ha espresso il suo disappunto nei confronti dell'attuale industria videoludica giapponese. Se da un lato, ammette Itagaki, questa è in grado di riconoscere i propri errori, dall'altro non fa nulla per porvi rimedio: "Si lamentano molto, parlano un sacco, ma non si danno da fare: prima di parlar male o lamentarsi, 'Fa qualcosa!' è ciò che vorrei dirgli". Inoltre, il noto game designer dichiara che i giapponesi mancano anche di quelle "capacità sociali" che hanno invece gli americani o gli europei: "sai, forse non hanno humour, non sanno scherzare, forse è un problema di comportamento. Quindi, se queste persone non hanno le necessarie capacità sociali, se queste persone sono le stesse che sviluppano i giochi, non importa quanto provino a renderli globalmente acettati, a sviluppare giochi popolari in tutto il mondo, che funzionino in culture differenti, sarà sempre molto difficile".