GDC 2013

La molestia online nei videogiochi è un fenomeno che va compreso e contrastato, afferma la creatrice di Tropes vs. Women

di

Anita Sarkeesian, fondatrice del movimento Feminist Frequency e creatrice della serie di video Tropes vs. Women in Video Games, ritiene che la molestia online delle giocatrici di sesso femminile è un'usanza ben radicata nella cultura dei videogiochi, a causa di un mancato regolamento e di una non chiara comprensione del fenomeno. Intervenendo in una conferenza alla GDC 2013, Sarkeesian ha detto che l'industria ha bisogno di scavare in quel "pozzo nero" che emargina le donne e le minoranze del settore, e deve capire perché queste sacche di negatività esistono. Da lì, creare poi strategie efficaci per fermare le molestie. 

Dopo aver lanciato la campagna Kickstarter  per Tropes vs. Women in Video Games, Sarkeesian è stata minacciata personalmente sui social media da decine di individui anonimi, che hanno violato i suoi account online e hanno addirittura creato una finta pagina di Wikipedia su di lei. 
Sarkeesian ha detto che i suoi aggressori hanno costruito una sorta di "gioco multiplayer di massa", in cui lei era la cattiva che cercava di "distruggere" la percezione dei videogiochi.
"Non si tratta di alcune pecore nere, o di poche persone che causando disordine. Si tratta di un'organizzazione collettiva che cerca il supporto degli altri utenti. Forniscono l'incipit per portare avanti le molestie. Hanno un proprio pubblico." Sarkeesian ha detto che è importante capire perché il fenomeno delle molestie è così diffuso nella cultura dei videogiochi, per poi creare strategie per farvi fronte. Ha detto che la molestia ha un effetto "agghiacciante" che scoraggia le altre donne a partecipare al settore. 
"Non ho statistiche, ma vi garantisco che un gran numero di donne smettono o non hanno intenzione di iniziare, a causa di questo fenomeno. Queste tattiche di molestie online lavoro per normalizzare la cultura del sessismo".
Al fine di aiutare e ridurre il problema, Sarkeesian detto che tutti devono lavorare insieme, uomini e donne, e smettere di trattare la molestia come una componente  normale del settore. FONTE: Polygon