Lo studio di Microsoft Lift London si dedicherà esclusivamente al gaming tramite cloud

di

Secondo il vice presidente di Microsoft Phil Harrison, il futuro dell'industria videoludica risiede nel cloud. In occasione della presentazione del nuovo studio londinese della compagnia, Lift London, Harrison ha delineato l'intenzione dell'azienda di dedicarsi al mercato e ai servizi offerti dal settore digitale.

"Ho voluto creare da zero uno studio del 21° secolo. Non uno studio che producesse prodotti reatil, ma uno che sviluppasse giochi per il cloud. Mettere insieme i più incredibili talenti visti in una start-up."
Ha poi aggiunto:"Ci sarà un cambio, dai prodotti pacchettizzati a quelli connessi alla rete. Continueremo sicuramente a supportare il mercato retail con i nostri prodotti. Ma stiamo per creare feature che saranno arricchite e migliorate dal network."
"Muoversi dall'essere un produttore di software pacchettizzati, a creatori di servizi connessi alla rete".
Lift London sarà guidato dal veterano di Rare Lee Schuneman, e a lui si sono uniti una serie di esponenti degli studi Microsoft del Regno Unito, tra cui Soho Productions, Lionhead Studios e la stessa Rare.
Schuneman ha dichiarato: "Lift London è costruita in una maniera innovativa e include il meglio del meglio per quanto riguarda il suo staff. Siamo qui per creare nuove IP con nuovi modelli di distribuzione. L'Europa rimarrà il nostro focus principale. Siamo qui per offrire intrattenimento come un servizio disponibile dove, quando e come vorrete. Supereremo i limiti imposti, e raggiungeremo tablet, dispositivi mobile e TV. Siamo a Londra, una città differente che offre un sacco di opportunità"
"Il modello di distribuzione tradizionale dei giochi retail, con i suoi ingenti costi di produzione, cambierà. Vedremo ancora grandi titoli blockbuster. Ma per la maggior parte dei giochi connessi alla rete, dobbiamo pensare a nuovi modelli di business."
Ma Harrison ha affermato che creare giochi per il mercato retail continuerà ad essere sull'agenda di Microsoft, e che impostare uno studio sullo sviluppo cloud non significa non avere più spazio per i giochi su disco.