Miyamoto e altri sviluppatori giapponesi augurano un felice 2010

di