Paradox Interactive vorrebbe sviluppare sulle console next-gen, ma chiede una maggiore apertura verso il mercato digitale

di
INFORMAZIONI GIOCO

Paradox Interactive, publisher specializzato nello sviluppo di videogiochi digital delivery per Personal Computer, vorrebbe sviluppare in futuro anche sulle console di prossima generazione. Il CEO Fredrik Wester, in un'intervista a Gamasutra, ha spiegato come il supporto della compagnia al mercato home console sia stato bruscamente arrestato dalla chiusura delle compagnie al mercato digital delivery.

"Se avessi una lista dei desideri, metterei la maggiore disponibilità da parte di Microsoft e Sony nel rendere più facile a tutti i tipi di compagnia pubblicare contenuti online. L' executive ha affermato che per una compagnia hardware "i contenuti dovrebbero essere il target principale", e che la sua compagnia sarebbe felice di realizzare questi contenuti se ciò fosse possibile.
"Vorrei sviluppare giochi per le prossime console, e se ci fosse una piattaforma capace di ospitarci, sarebbe fantastico".
Ma Wester rimane abbastanza scettico, soprattutto esaminando le scelte che altre compagnie spesso definite "aperte", hanno attuato nel corso degli ultimi tempi. Il boss di Paradox si riferisce ad Apple e Valve:
"In passato, iOS era abbastanza aperta: non c'era tutta questa competizione, e tutti potevano pubblicare per quella piattaforma. Lo stesso si può dire per Windows, perché Steam era davvero aperta. Ora, è davvero difficile per gli studi indipendenti riuscire a pubblicare qualcosa. Hanno introdotto Greenlight per "scremare" ciò che pensano possa avere successo".
Wester ritiene che i costruttori di console possano guadagnare terreno realizzando piattaforme più aperte.
"Cinque anni fa il mercato PC era in declino, e i costruttori di console hanno mancato totalmente l'opportunità di sfruttare il mercato digitale, perché erano preoccupati di rivenditori retail. Ora hanno la possibilità di rifarsi".