PlayStation 3: gli avvocati di GeoHot accusano Sony di falso

di

Dopo il pugno duro di Sony contro l'hacker GeoHot, accusato di essere un personaggio chiave nella realizzazione del PS Jailbreak, si fa sentire oggi la difesa di George Francis Hotz. Gli avvocati del ragazzo hanno accusato Sony Computer America di aver dichiarato il falso nel corso dell'iter giudiziario che vedrà presto GeoHot e il colosso dell'elettronica fronteggiarsi in tribunale. Secondo i legali il Software Development Kit utilizzato dall'hacker non apparterrebbe alla divisione americana di Sony Computer Entertainment, ma piuttosto a quella giapponese. Non sarebbero legittimate dunque le molteplici azioni della multinazionale (come il sequestro degli hard disk e dell'account PayPal) per stabilire che il processo di tenda nella giurisdizione della California. Sony ha già risposto alle accuse, dichiarando che indipendentemente dalle origini dell'SDK, il suo uso avrebbe comunque coinvolto il ramo americano dell'azienda. ì