Scandalo scommesse nel mondo degli eSport: 8 arresti

di
Il pubblico ministero della provincia del Changwon (Sud Corea) ha recentemente fatto luce su un giro di scommesse e di incontri truccati che ha portato all'arresto di otto persone, tra cui alcuni giocatori professionisti di StarCraft II.

Stando all'organo coreano, le cui dichiarazioni sono state tradotte e pubblicate sul sito web di Team Liquid, due giocatori professionisti, conosciuti nel mondo degli eSport, sono stati condannati a pagare un'ammenda di circa 55.000 Euro per aver truccato due partite; oltre a loro un altro giocatore dovrà pagare 23.000 Euro per aver venduto un match ed altre sei persone, tra mediatori e finanziatori, sono stati arrestati con l'accusa di aver favorito la compravendita di incontri truccati a scopo di lucro sull'industria delle scommesse. Gli otto arrestati fanno parte di un gruppo di undici individui di cui due se la sono cavata con una semplice multa mentre uno è ancora a piede libero. Con la velocissima espansione dell'universo degli eSport e la crescita esponenziale dei suoi appassionati, non sorprende che alcuni professionisti vengano tentati in azioni illegali (oltre che antisportive) da soggetti interessati al giro di soldi generato dagli sport elettronici.