Hearthstone Adesso online

Seguiamo in diretta le fasi finali del Winter Championship!

Secondo un analista, l'esclusività temporale dei DLC potrebbe spostare gli equilibri del mercato

di

L'analista David Cole di DFC Intelligence ha espresso il suo parere riguardo le esclusive temporali dei giochi e gli accordi tra hardware house e publisher. Alla base della sua opinione, l'accordo siglato tra Microsoft e Square-Enix per Rise of the Tomb Raider, il quale sarebbe costato alla casa di Redmond circa 20 milioni di dollari.

Questa l'opinione di Cole:

"A mio avviso, l'accordo relativo a Rise of the Tomb Raider è stato incredibilmente svantaggioso per Square-Enix. L'azienda ha perso circa 150 milioni di dollari a seguito della mancata pubblicazione in contemporanea su PS4 e con l'uscita su PC, questa cifra sembra destinata ad aumentare. Il problema con le esclusive è dato dal fatto che esiste un leader unico e chiaro. Se non sei sulla piattaforma leader, stai perdendo una grande opportunità.

L'idea generale è che le esclusive possano aiutare a vendere hardware ma questo non è sempre vero. Nel caso di Xbox One, l'esclusiva temporale di Rise of the Tomb Raider non è bastata e l'unica cosa che ha fatto aumentare le vendite è stato il taglio di prezzo, unito a nuovi bundle. Ottenere delle esclusive per Microsoft è davvero costoso, mentre Sony, essendo leader di mercato, può ottenere accordi più vantaggiosi.

Avrebbe decisamente più senso investire denaro in DLC e contenuti extra in esclusiva temporale. Questo genere di accordi funziona bene e non è un grosso rischio per i publisher. Se un DLC in esclusiva temporale otterrà grande successo, sicuramente aumenteranno anche le vendite hardware, poichè i consumatori avranno l'impressione che un contenuto di qualità sia disponibile solo su una determinata piattaforma."

Cosa ne pensate di questa analisi?

FONTE: Gamasutra