Sony: c'è voluto del tempo per scoprire la compromissione dei dati personali degli utenti PSN

di

Patrick Seybold di Sony Computer Entertainment America ha risposto alle tante critiche che accusano la compagnia di aver aspettato troppo tempo prima di rivelare che i dati degli utenti PlayStation Network sono alla mercé di hacker e pirati informatici. Sony ha infatti confermato che l'attacco alla sua piattaforma è avvenuto tra il 17 e il 19 Aprile, ma solo ieri ha informato i giocatori di questo spiacevole inconveniente.

Seybold ha dichiarato che l'azienda ha scoperto solo ieri della compromissione dei i dati sensibili, tra cui rientrano anche i numeri delle carte di credito registrate negli account PSN.
"Ci sono voluti diversi giorni di indagini per scoprire cosa fosse realmente accaduto, e solo ieri i nostri esperti hanno scoperto l'obiettivo di questo attacco hacker. Subito dopo abbiamo informato prontamente i nostri consumatori dell'accaduto, inviando mail e pubblicando un aggiornamento sul PS Blog."
FONTE: PS Blog Quanto è interessante?
0
Segnala Notizia Segnala Errori Vai ai commenti
Sony: c'è voluto del tempo per scoprire la compromissione dei dati personali degli utenti PSN