PlayerUnknown's Battlegrounds Adesso online

Un'oretta di gioco a sorpresa

Steam Machines: parlano alcuni produttori hardware

di

Frank Azor, general manager della divisione giochi di Alienware, ha espresso al Wall Street Journal alcune perplessità riguardo la possibilità di guadagnare denaro con le Steam Machines. La società americana è ben contenta di essere stata scelta come partner di Valve ma dal punto di vista strettamente economico, Alienware non si aspetta grandi guadagni da ogni macchina venduta. Anche Kelt Reeves, CEO di Falcon Northwest Computer Systems, si dice dubbioso riguardo al fatto di riuscire a incassare grandi cifre, mentre Tuan Nguyen di iBuyPower è convinto che l'enorme varietà di Steam Machines finirà per danneggiare il mercato, solo i produttori con più risorse economiche a disposizione potranno continuare a competere, mentre i piccoli dovranno necessariamente arrendersi.

La situazione ricorda quella dei dispositivi Android, con tanti modelli a disposizione dalle caratteristiche tecniche più disparate. Questo aspetto ha finito per confondere i consumatori e mettere in difficoltà gli sviluppatori. Se Valve dovesse in futuro produrre la sua Steam Machine (per ora non ci sono piani in merito), conclude Tuan Nguyen, per gli altri non resterebbero che le briciole di un segmento di business ancora tutto da scoprire.