What Remains of Edith Finch Oggi alle ore 16:00

Giochiamo in diretta con questa avventura dalle tinte oscure

Una donna su cinque molla il partner per colpa di internet e dei videogiochi

di

Una ricerca condotta da MyVoucherCodes ha concluso che una donna su cinque molla il proprio partner a causa delle sue abitudini di gioco o eccessivo utilizzo del web.
Dalla ricerca si è evinto che l'80% delle donne ritengono che il loro compagno passa troppo tempo a giocare o navigare in internet, di cui il 70% ammette che la dipendenza da gioco ha fatto da catalizzatore per i litigi all'interno della coppia.

A quanto pare, Call of Duty è il gioco più "maledetto", ovvero, quello che causa più dipendenza e quindi più litigi e separazioni.

Ma invertendo i ruoli, si evince che anche il 72% degli uomini ritiene che la loro compagna passa troppo tempo su internet, ma solo il 6% ha ritenuto interrompere la relazione per questo preciso motivo.

"Mentre gli uomini hanno più probabilità di trascorrere il loro tempo giocando a Call of Duty, le donne giustificano la grande quantità di tempo passata online a causa degli insoddisfacenti rapporti amorosi" ha affermato Mark Pearson, managing director di MyVoucherCodes "Io non sono un esperto di relazioni, ma sembra che più la tecnologia migliora, più diminuisce la qualità dei rapporti interpersonali".

Le donne sono comunque sempre più immerse nelle realtà videoludiche nonché nella cultura on-line, che in precedenza erano viste come fenomeni prettamente maschili.
All'inizio di questo mese, Nielsen ha riferito che negli Stati Uniti il 52% dei possessori di PSP erano donne, a novembre Nintendo ha rivelato che l'80% dell'utenza primaria del Wii era di sesso femminile, e nel mese di settembre Nielsen ha concluso che il 40% dei possessori di console negli Stati Uniti, aveva cromosomi XX.