Videogiochi: secondo uno studio australiano non hanno alcun legame con i comportamenti anti-sociali

di

Secondo un recente studio da parte di un'università australiana, i giochi violenti non hanno alcun impatto sui videogiocatori e non influiscono sui loro comportamenti sociali.

Il test ha messo alla prova 160 studenti, con età compresa tra i 17 e i 43 anni, il cui scopo era di giocare per 20 minuti a quattro giochi distinti da diverse inclinazioni "sociali": uno anti-sociale (Grand Theft Auto 4), uno violento (Call of Duty), uno non-violento (Portal 2) e uno pro-sociale (World of Zoo). Alla fine della sessione, agli studenti è stato chiesto di partecipare ad alcune attività comuni e si è notato come tutti si comportassero nel medesimo modo, aiutando il prossimo senza dimostrare comportamenti violenti o preoccupanti.
In un altro test, metà di loro è stata invitata a giocare a Grand Theft Auto 4 e l'altra metà a Portal 2, con risultati identici a quelli del test precedente. Stesso risultato con il terzo test, che richiedeva ai giocatori di testare Lemmings e la sua versione più "violenta" Lamers.
I test erano mascherati da semplici sondaggi, in cui si chiedeva il grado di apprezzamento di determinati giochi, ma in realtà gli studenti stavano mettendo alla prova i loro comportamenti in modo del tutto inconsapevole.
Secondo la relazione finale, gli studiosi non hanno registrato alcun comportamento sospetto tra i giocatori che hanno testato giochi più violenti, di conseguenza sono arrivati alla conclusione che non esiste alcun legame provato tra i videogiochi e i comportamenti anti-sociali. Pur utilizzando giochi nuovi e datati, pur avendo messo alla prova gli studenti con brevi e lunghe sessioni di gioco i risultati sono stati sempre gli stessi, anche se alla fine la relazione aggiunge "questo test forse non è la prova definitiva che i videogiochi non hanno alcun impatto sulle persone e sui loro comportamenti, ma riteniamo probabile che molte accuse e preoccupazioni nei loro confronti siano sbagliate o sproporzionate". Voi cosa ne pensate?FONTE: Gamespot