(Dis)Comfort Zone: Outlast 2 Oggi alle ore 21:00

Nuovo episodio della (dis)Comfort Zone dedicata ad Outlast 2

Xbox One: un commissario federale tedesco esprime le sue preoccupazioni sul nuovo Kinect

di

Peter Schaar, commissario federale tedesco per la protezione dei dati e la libertà di informazione, è preoccupato sulle possibili violazioni della privacy relative alle funzioni del nuovo Kinect per Xbox One. Su Spiegel, Schaar spiega che la possibilità che la periferica, ora parte integrante del sistema, possa ascoltare e registrare le attività che avvengono in salotto anche a console spenta, potrebbe violare la privacy degli utenti.
"L' Xbox One potrebbe registrare ogni sorta di informazione personale che mi riguarda: le mie reazioni, i miei stati emozionali. Il tutto viene poi processato su un server remoto ed i dati potrebbero essere ceduti a compagnie terze parti. Anche se i dati venissero cancellati, la persona interessata non ha alcuna influenza nel processo."
A differenza di Xbox 360, Xbox One richiede necessariamente Kinectper funzionale, ma Microsoft ha confermato che esistono opzioni per modificare l'utilizzo di Kinect. Le preoccupazioni di Schaar sembrano dunque un po' troppo eccessive: lo scenario da "Gran Fratello" sembra ancora lontano.