GIOCHI PC

: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Proviamo il Racing Game di Ubisoft.
Batman: Arkham Origins > Recensione
6 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Batman: Arkham Origins - Recensione

Inviato il da Alessandro Sordelli
Negli ultimi dieci anni il genere supereroistico ha subito una brusca e ripida impennata, con un pubblico sempre più curioso e interessato ai protagonisti che hanno fatto la storia del comic americano. Gran parte del successo lo dobbiamo indubbiamente al cinema, a Marvel Entertainment, DC Comics, nonché a registi come Christopher Nolan, Sam Raimi, Jon Favreau e ancor prima di loro un Tim Burton che ha gettato importanti basi creative e di linguaggio, ridefinendo e influenzando a sua insaputa gli stessi fumetti che aveva preso come ispirazione e chiave di lettura per le sue opere cinematografiche (questo non solo grazie a Batman e Batman Forever, ma anche a gran parte della sua filmografia di regista esordiente). Tra i supereroi degli albi spillati, Batman è senza dubbio alcuno uno dei più amati dal pubblico, forse il più apprezzato in assoluto sin dalla Modern Age - da metà degli anni '80 circa - decennio caratterizzato da produzioni cupe, tenebrose, ricche di sangue e violenza, nelle quali spiccano The Dark Knight Returns di Miller, Swamp Thing di Moore e il fumetto maturo dell'etichetta indipendente Vertigo, nel quale militano svariati autori inglesi destinati a lasciare un grosso segno nel panorama fumettistico mondiale. Oggi crediamo non ci sia mezzo migliore del videogame per raccontare il supereroe più tenebroso che ci sia. Batman: Arkham Origins assurge così a diventare il titolo videoludico emblema del personaggio, il faro che nella notte proietta il simbolo del pipistrello sulle nubi di Gotham City, un action adventure dall'impostazione free roaming ambientato in una violenta e oscura metropoli dove è sempre notte, anche di giorno. Dopo aver irretito i giocatori con ben due capitoli, RockSteady Studios passa il testimone al publisher Warner Bros. Games, che delega lo studio di Montréal allo sviluppo di una terza IP, un prequel per l'esattezza, che racconti le vicende che hanno trasformato Batman da semplice vigilante a eroe e simbolo di Gotham City, nonché di un'intera generazione di nerd e videogiocatori.
 
IL CAVALIERE OSCURO COLPISCE ANCORA
Batman Arkham Origins - recensione - PC Lo sviluppo narrativo di Arkham Origins è molto semplice, e al pari dei precedenti episodi, è da considerarsi come un susseguirsi di incontri/scontri, alla stregua di un'annata di albi a fumetti che ci porta a visitare ogni remoto e fumoso angolo di Gotham City, incontrando molti dei più importanti villain affrontati dal cavaliere oscuro. Proprio come nei vecchi capitoli videoludici, i nemici da combattere sono moltissimi, e pur mancando qualche interessante super-cattivo come Two-Face, Scarecrow, Ra's Al Ghul e Mr. Freeze, il team di sviluppo ha pensato bene di inserire alcuni personaggi meno conosciuti dell'universo DC ma altrettanto efficaci, anche per dare un nuovo carattere all'impianto ludico-narrativo. Le vicende di Batman: Arkham Origins hanno luogo in una nevosa vigilia di Natale, la peggiore che si possa immaginare per via della criminalità dilagante, e nella quale la violenza e all'ordine del giorno. Nella prigione di Arkham il killer seriale noto con lo pseudonimo di Calendar Man sta per essere giustiziato. Ma qualcosa va storto e il carcere è preso d'assalto dagli uomini di Maschera Nera, intenti a liberare il loro boss. Ciò che ne segue lo possiamo benissimo immaginare: tutti sistemi di sicurezza del penitenziario vengono compromessi e i più pericolosi criminali di Gotham si riversano in città. Non è una novità, penserete voi, ma purtroppo qualcuno ha pensato bene di mettere una taglia sulla testa di Batman. In questo prequel videoludico, Bruce è ancora giovane ma tutt'altro che inesperto, appena rientrato a Wayne Mannor da un misterioso viaggio che l'ha portato ad apprendere nuove tecniche di combattimento e discipline d'arti marziali.
"Le vicende di Batman: Arkham Origins hanno luogo in una nevosa vigilia di Natale, la peggiore che si possa immaginare per via della criminalità dilagante, e nella quale la violenza e all'ordine del giorno."

Nonostante la natura free roaming del titolo, la storyline ad opera di Warner è sostanzialmente lineare, con una trama principale dalla quale si dipanano missioni secondarie e attività facoltative, in maniera non diversa da quanto visto nei precedenti episodi targati Rocksteady. Alla cattura di gran parte dei super-criminali di Gotham City, feccia della fumosa metropoli, si aggiungono i classici "collezionabili" ormai presenza fissa di ogni open world che si rispetti. Una delle novità più divertenti e interessanti sono le Missioni Detective, che ci portano ad investigare sulle scene del crimine di casi irrisolti, con le strumentazioni sofisticate e fantascientifiche che solo un milionario come Bruce Wayne può possedere. Infine non possiamo non menzionare i mini-giochi e le micro attività offrerte da Enigmista, moltissime, variegate e decisamente stimolanti. I personaggi sono, come in passato, eccezionalmente caratterizzati, a partire dal protagonista, fino ai personaggi secondari e ai nemici che dovremo affrontare. La visione videoludica del Batman di Warner (e prima di RockSteady Studios) è quella di un eroe misterioso, schivo, solitario, che preferisce agire di testa propria, spesso contravvenendo le regole e andando contro il sistema per cui combatte. Negli episodi precedenti abbiamo visto il cavaliere oscuro collaborare con il Commissario Gordon, Catwoman, Oracolo e altri personaggi del DC Universe, ma la sua natura di "eroe romantico" (quello tratteggiato da tanti autori negli ultimi decenni) lo vede vagare solitario tra gli altissimi palazzi di Gotham City, privato della consuetudinaria "spalla" conosciuta anche dal pubblico meno esperto con il nome di Robin. Alfred invece assurge classicamente a ruolo di coscienza: un po' come il Grillo Parlante per Pinocchio è la guida spirituale di Bruce Wayne/Batman, l'unica persona che lo conosce veramente e che ne custodisce i più intimi segreti e paure. Nell'universo videoludico realizzato da Warner, Alfred ha un passato nebuloso: prima di arrivare a casa Wayne infatti, pare aver militato tra agenzie governative e corpi speciali delle forze militari.

INVIA COMMENTO

Batman Arkham Origins

Disponibile per: XBOX 360 | PC | Wii U | PS3 | iPhone | iPad | Android Games
Genere: Azione
Sviluppatore: Warner Bros. Montreal
Publisher: Warner Bros. Interactive Entertainment
Data di Pubblicazione:
XBOX 360: 25/10/2013   
PC: 25/10/2013   
PS3: 25/10/2013   
Wii U: 08/11/2013   
Requisiti minimi:
OS: Windows Vista, Win 7, Win 8
Processore: Intel Core 2 Duo, 2.4 GHz / AMD Athlon X2, 2.8 GHz
Memoria: 2GB di RAM
Scheda grafica: NVIDIA GeForce 8800 GTS / AMD Radeon HD 3850 o superiore con 512MB di VRAM
DirectX 9.0c
Hard Disk: 20 GB di spazio su disco

Requisiti raccomandati:
OS: Windows Vista, Win 7, Win 8
Processore: Intel Core i5-750, 2.67 GHz / AMD Phenom II X4 965, 3.4 GHz
Memoria: 4GB di RAM
Scheda grafica: NVIDIA GeForce GTX 560 / AMD Radeon HD 6950 o superiore con 768 MB di VRAM
DirectX11
Hard Disk: 20 GB di spazio su disco
Batman Arkham Origins
9
9
9
8.5
40 voti
8.4
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD