GIOCHI PC

: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Confrontation > Recensione
9 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Confrontation - Recensione

Inviato il da Andrea "Algarde" Mazzocchetti
Le terre di Aarkalsh sono in fermento. Il Rag'narok è iniziato. Sotto questo nome si cela la più grande guerra che queste terre abbiano mai potuto sperimentare. Eroi scelti direttamente dagli Dei radunano i propri eserciti sotto le insegne dello Scorpione, del Grifone, dello Sciacallo e del Lupo, le quattro fazioni che si danno battaglia nel confronto finale per la supremazia. Confrontation, sviluppato da Cyanide (più nota per la serie Pro Cycling Manager) e distribuito da Focus Home Interactive, è direttamente ambientato nel mondo del gioco da tavolo omonimo, sfruttandone ogni singolo elemento di caratterizzazione.
 
Grifone contro scorpione
Confrontation - recensione - PC Nell'avventura, strutturata in varie missioni e capitoli, impersoneremo quattro eroi scelti per formare una squadra d'elite che avrà il compito di infiltrarsi oltre le linee nemiche dello Scorpione per porre fine alla tremenda minaccia portata da questa fazione.
Confrontation si presenta in teoria come un RPG tattico, dove ogni combattimento sarà svolto in tempo reale con l'ausilio della pausa, utile per assegnare delle sequenze di comandi ad ognuno dei membri del nostro party (un po' come accadeva nel celebre Knights of the Old Republic). Già dalla prima missione entreremo in contatto con tutti i nostri compagni, ognuno specializzato in un ambito particolare, con i suoi pro ed i suoi contro da metabolizzare al meglio per sfruttarne tutte le possibilità in combattimento.
Una volta radunata la squadra, seguendo gli obiettivi di volta in volta proposti, ci muoveremo su varie mappe, in visuale isometrica. Per avere la meglio sui nemici dello Scorpione, dovremo conoscere a fondo il sistema di combattimento del titolo che si basa sui duelli all'arma bianca oltre che su vari tipi differenti di incantesimi. Il tutto sarà radunato in diversi tipi di abilità: Danno, Cura e Supporto, Antimagia, Controllo, Effetti positivi ed Effetti negativi (ovvero Buff e Debuff così tradotti nella versione italiana del titolo). Sostanzialmente il nostro party sarà ben bilanciato, con un guerriero, un difensore (ovvero il tank), un mago ed un curatore. Confrontation però con il panorama RPG condivide solamente alcune cose, essendo di fatto etichettabile più come un Hack'n'Slash con elementi tattici che come un RPG vero e proprio, come se ne parla invece sul sito ufficiale. Non vi saranno dialoghi interattivi, non vi sarà possibilità di scelta nemmeno nella strada da percorrere lungo le scarne mappe di gioco che si presenteranno come dei lunghi corridoi pullulanti di nemici più o meno forti. Anzi, in questi casi va segnalato anche un pessimo pathfinding che ci costringerà più volte a muovere singolarmente ognuno dei quattro personaggi per uscire da situazioni che fanno più pensare ad un ingorgo da grande metropoli che altro, con grande frustrazione del giocatore di turno. Nessuna divagazione dunque, solamente la possibilità di andare avanti con la trama e con le missioni prefisse nel gioco.

I nostri eroi avranno la facoltà di vedere i nemici prima di quanto questi possano fare nei nostri confronti. Nelle intenzioni degli sviluppatori ciò dovrebbe dare un maggiore impulso all'elemento tattico, permettendoci di pianificare con attenzione le nostre mosse in base al numero ed al tipo di nemici che ci troveremo di fronte. Se teoricamente ciò ha un suo senso, all'atto pratico si rischia di svilire l'esperienza di gioco rendendola a tratti troppo facile. Nulla ci vieterà infatti di ordinare una serie di attacchi dalla distanza contro nemici che non sanno ancora della nostra presenza. Ovviamente non avremo immediatamente la vittoria in pugno dato che i nemici saranno sempre in buon numero e che alcuni di loro saranno in grado di provocare grandi danni ai nostri pg. Solo da questo momento in avanti entrerà in gioco l'elemento tattico. Necessariamente dovremo utilizzare al meglio le caratteristiche dei nostri eroi in quanto sarà impossibile vincere i combattimenti, ad eccezione dei primi scontri, mandando confusamente tutti all'attacco. In questo contesto si rivela discreta anche l'IA nemica che cercherà sempre di attaccare il membro più debole del gruppo, cambiando il suo obiettivo solamente quando il nemico in questione sarà circondato dai nostri o prossimo alla morte, in un ultimo disperato tentativo di difesa. E la morte di uno dei membri del nostro party sarà ovviamente da evitare quanto possibile. In questo caso il personaggio perderà i sensi e potrà essere sì riportato all'attività da uno dei restanti compagni, ma con grande dispendio di tempo e lasciandoci momentaneamente in inferiorità numerica. Inoltre chi cadrà in battaglia subirà una penalità all'acquisizione di Punti Esperienza fino a quando non avrà raggiunto una cosiddetta Zona Santuario. Queste ultime sono delle vere e proprie oasi di riposo per i nostri Eroi che potranno recuperare i punti vita persi nel combattimento ed eliminare la suddetta penalità acquisita con la morte in battaglia.

Parlando di Punti Esperienza non si può non parlare dell'evoluzione dei propri Eroi, che è similare a quanto avviene nei più comuni RPG (in questo caso il termine è usato nella sua giusta accezione). Al passaggio di ogni livello potremo incrementare le statistiche di ogni personaggio, tenendo sempre conto di quelle che sono le sue inclinazioni naturali peculiari. Ad esempio per il Difensore sarà necessario un punteggio in Costituzione più alto che per il Mago e così via. Un simile sistema di crescita riguarda anche la gestione delle armi e delle armature. Nel mondo di gioco non troveremo, come in altre decine di titoli simili, una vasta quantità di equipaggiamento da cambiare a piacimento. I nostri Eroi vestiranno sempre le stesse armature e manterranno sempre le stesse armi (alcuni di essi ne avranno due set differenti per differenti situazioni). Al ritrovamento di una rastrelliera però, accumuleremo dei punti Arma ed Armatura spendibili per il potenziamento delle suddette, seguendo un albero fatto di un buon numero di skill passive da attribuire per ogni singolo eroe. Se da un lato una gestione del genere sembra poter aggiungere qualcosa, dall'altro potrebbe scontentare chi è più avvezzo a scegliere tra decine e decine di oggetti differenti.
Presente anche la modalità multiplayer, entro cui potremo scegliere di impersonare gli Eroi di ognuna della quattro fazioni (e non solo dei Grifoni dunque).
Dal punto di vista del gameplay abbiamo quindi un buon Hack'n'Slash tattico con un plot e una presentazione abbastanza mediocri, mediocrità che poi si riflette anche nel mondo di gioco con mappe poco ispirate e varie. Non il massimo che si sarebbe potuto trarre dalla licenza di un gioco da tavolo come Confrontation.
Tecnicamente
E' dal punto di vista visivo però che Confrontation delude ampiamente. A dispetto delle qualità del gioco da tavolo da cui è tratto, e dal dettaglio delle sue miniaure in metallo, nel titolo Cyanide avremo dei personaggi quasi solo abbozzati. Il conteggio poligonale è scarso e la definizione delle texture altrettanto, con dettagli slavati, risultando in generale davvero poco ispirate. Scarsi anche gli effetti grafici delle magie, praticamente anonimi e di scarso impatto. Nel complesso l'aspetto visivo del titolo sarebbe giustificato se fosse uscito alcuni anni fa, ma non certo nel 2012. Appaiono quindi incomprensibili i lunghi caricamenti che affliggevano anche la versione di prova su macchine di fascia medio-alta.
Buon lavoro invece nel comparto audio, con una colonna sonora convincente che non riesce però a tenere in piedi le sorti di un comparto tecnico assolutamente insufficiente.
Confrontation è un titolo che non riesce a sfruttare appieno la licenza del gioco da tavolo di cui gode. Insufficiente sul versante tecnico, cosa che già da sola inficia la giocabilità ed il divertimento, non rivela nemmeno grandi meriti dal punto di vista del gameplay, abbastanza canonico e mai veramente accattivante, a tratti semplificato e con alcuni problemi (su tutti il pathfinding), a cui vanno aggiunti una regia appena sufficiente ed una componente RPG ridotta all'osso. Consigliato agli amanti del gioco da tavolo che volessero a tutti i costi provarlo.
VOTOGLOBALE6

INVIA COMMENTO

Confrontation

Disponibile per: PC
Genere: Strategico
Sviluppatore: Cyanide Studio
Lingua: Tutto in Inglese
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione: 05/04/2012
Confrontation
5
5.5
6.5
6.5
10 voti
5.6
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC - Partita Iva :05619350720
Link Utili: Redazione | FAQ | Contatti | Lavora | Adv | Partners
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD