GIOCHI PC

: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Cyberpunk 2077 > Speciale
9 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Cyberpunk 2077 - Speciale

Inviato il 14/01/2013 da Alessandro Sordelli
Nella loro brevità ed essenzialità, i teaser trailer nascondono spesso importanti e curiose informazioni relative ad un videogioco e alla sua realizzazione. E' il caso di Cyberpunk 2077, titolo in fase di sviluppo dal team indipendente CD Projekt RED, indubbiamente una della software house più talentuose ed eccezionali degli ultimi anni, che ha saputo dar prova di sé realizzando titoli di grande spessore narrativo e di notevole impatto grafico. Sono ancora poche le informazioni relative a questo intrigante progetto videoludico del team polacco: sappiamo che sarà un gioco di ruolo prettamente tecnico e che terrà fede al regolamento della versione cartacea di Cyberpunk, ma non siamo tuttavia a conoscenza del tipo di gameplay che esso presenterà, anche se è lecito supporre un titolo dalla componente action, come i precedenti capolavori realizzati dallo studio RED. Cerchiamo di capire cosa sono in grado di raccontarci questi 140 intensi secondi in computer grafica, ma soprattutto andiamo ad analizzare con scrupolo i singoli elementi messi in scena nel trailer, dall'incredibile design di ambienti e personaggi, fino ai poteri e peculiarità dei protagonisti di questo breve filmato.
DATA TRANSMISSION: RECEIVED
Cyberpunk 2077 - speciale - PC La cinematic si apre con due occhi celesti che si schiudono lentamente: lo sguardo intenso di una ragazza d'innegabile bellezza sulle note di Bullets del gruppo trip hop/progressive Archive. Un proiettile colpisce in pieno volto la donna, che però non si rivela tanto fragile e delicata come può sembrare: il pezzo di piombo si distrugge tra minuscole schegge dorate, lasciando solo un piccolo segno sulla guancia della donna. Dei primissimi piani mostrano alcuni poliziotti in tenuta anti-sommossa che impugnano fucili d'assalto, sparando raffiche di colpi su quello che ormai si è dimostrato essere tutto tranne che un normale essere umano. I proiettili volteggiano nell'aria, quasi come danzassero al ritmo della musica. Sul suolo bagnato dalla pioggia si riflettono le luci al neon di vertiginosi grattacieli, tanto alti da occultare la volta celeste, mentre una scarpetta rossa giace solitaria accanto ad una pozza di sangue. Il video mette in mostra una grande e abile regia, dalle scelte fotografiche al perfetto accompagnamento musciale. Ancora poche inquadrature e finalmente abbiamo un quadro chiaro della situazione: la donna è un cosiddetto Psycho, un essere umano impazzito a seguito di un abuso d'innesti cybernetici e modifiche corporee, una particolare dipendenza che spesso termina con atti di inumana e brutale violenza. Le braccia della donna sono completamente aperte, rivelando due impressionanti lame intrise di sangue. Un'auto della polizia in cui riecheggia Blade Runner, sorvola il luogo del misfatto, mentre gli abiti della donna ricordano quelli indossati da Milla Jovovich nei panni di Leloo in The Fifth Element. La scena è ripresa quasi completamente in slowmotion, per enfatizzare sulla drammaticità del momento.
"Il cielo sopra il porto aveva il colore della televisione sintonizzata su un canale morto. - William Gibson, Neuromante"
Anche il servizio giornalistico del notiziario mostra al pubblico la scena al rallenti, per una televisione non sembra voler risparmiare i dettagli più cruenti di una società che sembra aver perso ogni contatto con l'umanità. Ad un tratto compare un poliziotto di una speciale task force denominata "Psycho Squad", che punta una pistola alla tempia della donna e preme il grilletto. Un'ultima inquadratura agli occhi del cyborg e compare i titolo: Cyberpunk 2077. Ma è proprio quando tutto sembra finito che si riapre il sipario, sempre sul medesimo volto femminile rigato da un proiettile. Gli occhi della donna si aprono di nuovo, ma questa volta lo sguardo sembra meno impassibile e non tanto truce. Il letale androide dalle fattezze femminili si trova in un veicolo, presumibilmente una camionetta delle forze speciali di polizia. Di fronte alla donna c'è lo stesso agente che le puntava la pistola alla testa, mentre in sottofondo sentiamo il medesimo accompagnamento musicale, come un déjà vu che collega le due sequenze, come a voler riempire un vuoto narrativo che probabilmente scopriremo solo tra molto tempo.
Come si evince in fase d'analisi, gli occhi e lo sguardo hanno un ruolo centrale in questo trailer, sia perché sembrano rappresentare l'unico barlume d'umanità di una donna resa ormai completamente schiava del proprio corpo fatto di circuiti e servomotori, e secondo perché la città di Night City è visivamente spiazzante e irreale, tra luci coloratissime e intense in netto contrasto con l'ultraviolenza di un male banale e totalmente irrazionale. Negli occhi della donna si osserva ancora un barlume d'umanità, una scintilla quasi scomparsa, uno "spirito nel guscio" che assiste impotente alla scena. Il testo della canzone degli Archive dice "personal responsabilities", "responsabilità dell'individuo": in realtà le tematiche del filone cyberpunk ruotano attorno ad una collettività disumanizzata e tecnodipendente. Da notare che gli occhi della (cyber)ragazza sono gli unici visibili nel trailer, mentre tutti gli altri personaggi hanno il volto parzialmente coperto da caschi, elmetti e ottiche cybernetiche.
Il filmato si chiude con la frase "Coming: when it's ready." La frase ci ha strappato un sorriso, mentre alcuni l'hanno interpretata come un'uscita sfrontata e di cattivo gusto: in verità si tratta di pura e semplice verità, perché lo sviluppatore capo Mateusz Kanik ha annunciato in una recente intervista che il progetto Cyberpunk 2077 rimarrà in fase di lavorazione tutto il tempo necessario a raggiungere gli ambiziosi risultati che CD Projekt si è prefissata. La stessa intervista ha rivelato che la software house mira ad ottenere una qualità grafica molto vicina a quella del teaser trailer, traguardo davvero ambizioso, specialmente se c'è l'intento di approdare anche su di una next generation ormai vicina ma ancora avvolta nel mistero.
DE-HUMANIZED
Cyberpunk 2077 - speciale - PC Per chi non avesse letto il nostro precedente articolo d'anteprima, diciamo brevemente che il nuovo titolo fantascientifico di CD Project RED è liberamente tratto dal gioco di ruolo omonimo Cyberpunk 2020, giunto in realtà alla sua terza incarnazione regolistica ormai 7 anni fa. Il contesto non è solo ispirato ai complessi manuali che racchiudono una delle ambientazioni RPG più intriganti e amate di sempre, ma anche alla corrente letteraria nata sul finire degli anni '70 e che ha influenzato ogni media dal decennio '80 fino ad oggi. Il genere in questione dosa sapientemente la fantascienza al poliziesco, noir, il tutto condito da tematiche dall'indubbio spessore filosofico.
Nel trailer compaiono insegne luminose, pubblicità e riferimenti alle numerose corporazioni di quella che si prospetta essere un'ambientazione molto complessa e ricca di sfumature. Di questi nomi, alcuni compaiono anche nell'ambientazione del gioco di ruolo pen & paper originale. Al minuto 0:43 possiamo vedere un'insegna video della Dynalar Technologies, corporazione specializzata nella realizzazione di innesti cibernetici e impianti bionici. A fianco troviamo l'immagine di una donna con un arto robotico, reinterpretazione dell'illustrazione in apertura alla prima versione del manuale di Cyberpunk 2020.
Ma vediamo in dettaglio i riferimenti al gioco di ruolo cartaceo presenti nei due protagonisti di questo incredibile teaser trailer in computer grafica, saggiando quel che potremo giocare e vivere nel nuovo gioco futuristico di CD Projekt.

Polyderma: si tratta di un sottile strato sottocutaneo di materiali super resistenti tra i quali spiccano polimeri plastici ad alta densità e leghe metalliche. Grazie a questi impianti quasi invisibili - se non con occhio attento e preparato - il soggetto è protetto al pari di un'armatura leggera, anche se proiettili perforanti da distanze ravvicinate possono comunque penetrare la sottile corazza. Probabilmente la protagonista del trailer monta un equipaggiamento tecnologicamente più avanzato del normale.

Esoscheletro: Il nostro amico delle forze di polizia indossa invece qualcosa di un po' più sofisticato e decisamente più resistente: parliamo di uno spesso esoscheletro costruito con i più costosi ed esclusivi materiali disponibili sul mercato. Grazie a dei servomeccanismi e impianti idraulici, l'esoscheletro non fornisce solo un'eccezionale resistenza ai danni, quanto un'incredibile forza fisica, velocità e potenza ben al di sopra di un normale essere umano.

Cyberarti: gli arti cibernetici sono un'arma davvero potentissima e non solo per le battaglie corpo a corpo. Grazie alle nanotecnologie, muscoli in materiali neo-plastica e servomotori, costruiti su leggerissime ma resistenti leghe metalliche, gli arti metallici consentono di muoversi ad una velocità incredibile, svolgere lavori che solo una macchina potrebbe fare, resistere ad ingenti danni, il tutto senza subire alcun genere di dolore. Negli arti cibernetici possono nascondersi armi da taglio o da fuoco di notevole potenza.

Mano aculeo: un punteruolo o una lama in titanio fuoriescono direttamente dal polso o dal braccio per colpire il nemico con rapida e cieca ferocia. Solitamente sono considerati impianti illegali, motivo per il quale sono montati e utilizzati solo da criminali e feccia.

Cyberottica: Esistono vari tipi di ottiche, da quelle impiantate direttamente nel corpo come parte integrante del cyborg - sistemi oculari miniaturizzati - oppure sistemi esterni come quelli che si possono vedere nel trailer, in questo particolare caso dei veri e propri caschi che permettono al soggetto di osservare l'ambiente circostante in assenza di luce, con scansione termica, ma anche visualizzare informazioni sui nemici, come anagrafici e punti deboli.
Sono moltissime le informazioni ancora non pervenute relativamente all'ambizioso progetto dello studio rosso di CD Projekt, in particolare se la storyline vanterà un protagonista fisso o se avremo possibilità di costruire il nostro alter ego nella massima e totale libertà, un po' come è nel gioco cartaceo dal quale deriva il nuovo prodotto dello sviluppatore polacco. Una cosa è certa però: dato lo spessore di questo teaser trailer, è lecito aspettarsi un vero e proprio capolavoro del mondo videoludico.
Per concludere, vi confermiamo che il filmato nasconde un messaggio visibile in pochi fotogrammmi scorrendo il trailer al rallentatore (minuto 2:14): CD Projekt Red è infatti al lavoro su un altro titolo, un gioco di ruolo a mondo aperto, al momento in fase di sviluppo avanzata, almeno rispetto al futuristico Cyberpunk 2077 atteso non prima del 2014 su PC e probabilmente sulla nuova generazione di console. Qualcuno dice The Witcher 3 - anche in base ad alcune allusioni del team di sviluppo in una recente intervista - mentre altri preferiscono pensare a qualcosa di originale. Noi preferiamo non fare supposizioni: il 5 febbraio è ormai vicino, giorno in cui CD Projekt RED presenterà ufficialmente il suo nuovo gioco.
Alessandro Sordelli inizia la sua avventura videoludica ereditando un leggendario Commodore 64 a cassette magnetiche, computer che gli apre le porte ai giochi di ruolo e tutto ciò che è fantascienza. Pur nutrendo da sempre un particolare amore per la piattaforma PC, non disdegna il panorama console. E' in giro su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

INVIA COMMENTO

Cyberpunk 2077

Disponibile per: PC
Genere: Gioco di Ruolo
Sviluppatore: CD Projekt RED
ND.
Molto atteso
Media su 58 voti
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Cyberpunk 2077: Elenco Topic Ufficiali
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD