GIOCHI PC

: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Diablo 3 > Recensione
84 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Diablo 3 - Recensione

Inviato il da Andrea Schwendimann
Recensione in tre parti
Per offrirvi in tempi record il nostro giudizio, la recensione è stata divisa in tre parti, di cui questa è quella finale.

Diablo 3 - Recensione, prima parte; prima parte della nostra recensione contenente l'analisi del lancio, di Battle.net e le prime valutazioni sul gameplay.

Diablo 3 - Intervista agli sviluppatori; una chiaccherata post-lancio con due Lead Designer, in cui discutiamo dei problemi di lag e dei contenuti futuri.
Sembra quasi surreale giocare a Diablo 3. Dopo tutti questi anni non sembra vero avviare il seguito del titolo che inventò un genere e al contempo sancì l'uscita del primo portale di gaming massivo in assoluto (in contemporanea con Ultima Online, nel lontano 1997). Battle.net uscì col primo Diablo, titolo da sempre legato a doppio filo alla rete e per questo la scelta della connessione permanente non stupisce, anche se di certo fa storcere il naso pericolosamente verso l'acronimo DRM. In questa seconda parte della recensione analizzeremo più classicamente il titolo Blizzard, forti di averlo terminato tre volte sulle quattro consigliate. Per quest'ultima occorreranno altre concitatissime ore, tra centinaia di nemici e milioni di click del mouse. Un vero e proprio Inferno.
 
La tredicesima fatica di Ercole
Vai avanti che ti seguo
In Diablo 3 sono presenti i cosiddetti Follower, o seguaci. Questi sono compagni d'avventura controllati completamente dal computer che potremo portarci appresso solo se non affronteremo il gioco online. Proprio per questo crediamo che così come sono stati implementati risultino quasi superflui e fruibili solamente da una piccolissima parte di giocatori non intenzionata nemmeno a provare una volta le partite co-op, punta di diamante del gioco, senza contare che i livelli di difficoltà Hell e Inferno sono impossibili da affrontare in singleplayer (almeno per ora che il livello di equip è di media molto basso). In ogni caso i Follower sono 3: Templare, Incantatrice e Ladro. Sono dotati ciascuno di cinque abilità e progrediscono di livello insieme al giocatore stesso, modificandosi automaticamente nell'aspetto insieme a lui. Non ci dilungheremo sulla loro descrizione perchè risultano più un cammeo che una vera e propria risorsa. Peccato.
Come ci hanno risposto i simpatici programmatori nella nostra intervista, per sviluppare Diablo 3 non ci sono voluti i dieci anni che sono intercorsi dall'uscita dell'espansione del secondo capitolo. Dopo i problemi di gestione interna degli studi di sviluppo e la chiusura di Blizzard North (padri della serie), ci sono voluti tre anni prima di riorganizzarsi. Sei anni di sviluppo sono comunque moltissimi e ci è venuto naturale chiedere quale fosse stata la difficoltà più grande durante lo sviluppo. La risposta è stata la creazione dello skill-system, rifatto completamente per ben quindici volte. Ma il risultato è davvero sopraffino.

Iniziando dalla cittadina di New Tristram procederemo lungo la main quest totalmente lineare e senza bivi di sorta, alternata solamente da alcune missioni secondarie da scoprire nelle mappe generate casualmente. Ne esistono circa quattro per ogni atto, ma ne troveremo solo un paio per ogni playthrough essendo incluse anch'esse a caso. La struttura di Diablo è dunque piuttosto lineare, ma non è certo su questo aspetto che dobbiamo soffermarci. In ogni caso potremo anche in qualunque momento caricare la partita da una certa quest in avanti, fatto che allieva in parte la pesante scelta di non poter saltare il livello di difficoltà Normale. Comunque dal sesto livello avremo un'idea più precisa di quello che ci aspetta a livello di gameplay.
L'idea di base è di allontanarsi dal classico sistema di punteggi per dare in mano al giocatore la scelta d'intervenire direttamente sulle azioni compiute dal proprio personaggio. Niente più punti da distribuire quindi e niente più schemi ad albero, ma circa venti skill attive divise in sei categorie (Primarie, Secondarie e quattro specifiche per ogni classe) tra cui selezionarne sei, modificandole in seguito con un dettagliato sistema di Rune. Ciascuna delle cinque classi selezionabili si basa su una statistica principale da aumentare per migliorarne il danno. Le statistiche sono anch'esse cinque e ciascuna aumenta una caratteristica difensiva per tutti e il danno per la classe legata ad essa. In generale la Forza aumenta l'armatura; la Destrezza aumenta la schivata (dodge), ovvero la probabilità di evitare un attacco; l'Intelligenza aumenta le resistenze ai sei elementi delle magie di gioco; infine la Vitalità aumenta i punti ferita totali.


BARBARIAN

Statistica principale: Forza
Armi di classe: le cosiddette Mighty Weapons, ovvero grosse e pesanti armi impossibili da maneggiare per le altre classi, come asce bipenni ed enormi falci.
Risorsa usata: Furia; ad ogni colpo inferto con le abilità Primarie viene generato un quantitativo di punti che poi possono essere spesi usando le altre abilità. Scende se non si è in combattimento.
Particolarità: Alti punti ferita; combattimento corpo a corpo basato su colpi lenti e incisivi; alta resistenza e armatura; brutalità garantita da botte incredibili e nemici che volano via dallo schermo su una scia di sangue
Abilità significative: Whirlwind, il barbaro inizia a girare voritcosamente su sè stesso falciando i nemici in un vortice di morte; Ignore Pain, invocando la sua incredibile forza di volontà, il barbaro ignora il 65% dei danni che gli vengono inflitti per pochi secondi; Call of the Ancients, un richiamo ancestrale che invoca gli antenati guerrieri del barbaro, tre pesonaggi che combatteranno per un breve periodo al fianco del giocatore.


MONK


Statistica principale: Destrezza
Armi di classe: Pugni d'acciaio e Daibo, ovvero dei letali bastoni a doppia punta.
Risorsa usata: Spirito; come per il Barbaro, ad ogni colpo inferto viene generato un certo quantitativo di Spirito da utilizzare in seguito per le abilità più potenti, tuttavia lo Spirito accumulato non scende nel tempo.
Particolarità: Il più veloce sul campo di battaglia; difficile da colpire; tecniche corpo a corpo perfette per gestire innumerevoli nemici; detiene le cure di gruppo più forti; rapidissime combo di arti marziali
Abilità significative: Way of the Thousand Fists, un'abilità che permette di generare Spirito attaccando violentemente gli avversari con precisione chirurgica in un nugolo di pugni rapidissimi; Seven-sided Strike, il colpo delle sette vie, il Monaco scompare e ricompare sette volte colpendo i nemici una volta ciascuna, con sette tecniche differenti; Mantra of Retribution, un canto silenzioso costantemente intonato dal Monaco che avvolge i compagni in un'aura protettiva, riflettendo parte del danno che ricevono direttamente indietro ai nemici.


WITCH DOCTOR

Statistica principale: Intelligenza
Armi di classe: Coltelli cerimoniali e Mojo, ovvero le classiche e immancabili bamboline voodoo
Risorsa usata: Mana; ogni incantesimo ne costa un determinato quantitativo e si ricarica passivamente nel tempo.
Particolarità: Può evocare i morti al suo servizio; maledizioni e magie per supportare i compagni e dannare i nemici; predilezione per veleni e malocchi; le bamboline voodoo e le maschere è sempre un piacere usarle
Abilità significative: Plague of Toads, una pioggia di rane venefiche scagliata contro i nemici che può essere modificata in una rana gigante da cavalcare; Wall of Zombies, una linea di zombie esce dalla terra di fronte al Witch Doctor, bloccando gli avversari e attaccandoli; Gargantuan, un'evocazione voodoo di un mostro gigantesco composto di cadaveri nemici, un golem putrescente che combatte al fianco del Witch Doctor devastando gli avversari.


DEMON HUNTER

Statistica principale: Destrezza
Armi di classe: Archi e balestre
Risorsa usata: Ne usa due: Odio, che si rigenera velocemente e serve per le abilità offensive; Disciplina, che invece si rigenera molto lentamente e viene usata per le abilità difensive.
Particolarità: Altissimo potenziale offensivo e buona capacità d'evasione; ottimo controllo del campo di battaglia grazie a trappole, bombe e torrette difensive; invisibilità temporanea; la versione femminile offre pericolosi spacchi e scollature
Abilità significative: Rapid Fire, una raffica in linea retta di frecce che annichilisce i nemici; Sentry, il Demon Hunter evoca una torretta con diverse abilità da usare sul campo, molto efficace per proteggere i compagni intorno; Rain of Vengeance, un nugolo di frecce piove dal cielo per devastare i nemici; Smoke Screen, una bomba fumogena che permette al cacciatore di scomprarire per una serie di secondi diventando invisibile.


WIZARD

Statistica principale: Intelligenza
Armi di classe: Staffe e bacchette magiche
Risorsa usata: Forza Arcana, come il mana viene usato per lanciare le magie e si ricarica passivamente nel tempo
Particolarità: il classico "cannone di vetro" che lancia devastanti magie, ma farebbe bene a tenersi distante da qualsiasi nemico; effetti drelloe abilità davvero incredibili e apocalittici; tra meteore di fuoco, dardi di ghiaccio, bolle di energia e raggi laser non saprete decidere come massacrare i nemici
Abilità significative: Disintegrate, un raggio enorme parte dalle mani del Wizard per polverizzare i nemici con un effetto anche visivamente violento; Blizzard, un incantesimo tradizionale per molti motivi che scaglia una pioggia di ghiaccio sui enmici facendo danno e rallentandoli; Archon, il Wizard si trasforma in una creatura magica con un intero nuovo set di abilità uniche da usare, tra cui un raggio gigantesco che infligge cento volte il danno base del personaggio.


Ogni classe presenta quindi caratteristiche uniche per un approccio alle diverse tattiche di gioco piuttosto differente. Dopo innumerevoli ore comunque le meccaniche non cambieranno e in sostanza gli approcci in combattimento tra keybind e furiosi click del mouse rimarranno più o meno simili. Tuttavia l'uso delle abilità al momento giusto regala parecchie soddisfazioni, dato che queste sono ben differenziate soprattutto visivamente.
Proprio lo skill-system è dunque il fiore all'occhiello di questo Diablo 3, un successo cercato e auspicato, che ha fatto soffrire mamma Blizzard più del dovuto. Le abilità sono divise in sei categorie più una settima dedicata esclusivamente alle skill passive. Ogni categoria è caratterizzata da un tema comune, come i Mantra del Monk o le abilità da cacciatore del Demon Hunter, ed ogni abilità che vi apprtiene è selezionabile solo per alcuni tasti dedicati.
"Non sentiamo assolutamente la mancanza di poter assegnare manualmente i punti alle statistiche, anche perchè in realtà Diablo è sempre stato più legato all'equipaggiamento che allo skill system."
In pratica l'unica barra disponibile dove posizionare le skill contiene sette spazi, di cui uno dedicato esclusivamente alle pozioni (tasto Q), quattro invece per un certo tipo di abilità (i tasti dall'1 al 4) e gli ultimi due invece utilizzabili con i due tasti del mouse. Progredendo nel gioco sbloccheremo pian piano ogni skill in modo automatico e dovremo effettuare delle scelte ben ponderate dato che gli spazi disponibili sono solo sei. In origine ognuna delle sei categorie corrisponde direttamente ad uno dei sei tasti, non permettendo al giocatore di selezionare due skill apparteneneti a una singola tipologia. Tra le opzioni troviamo però una voce a spunta da abilitare denominata Elective Mode che permette di assegnare le skill ai tasti come meglio crediamo e dunque di assegnare più skill dello stesso ramo da usare insieme, garantendoci pieno controllo delle abilità. Esistono però alcuni limiti ineliminabili: innanzitutto alcune skill si sovrascrivono e i loro effetti non è consentito usarli assieme (come i Mantra del Monk); in seguito molte si possono assegnare solamente o ai tasti numerati o ai due tasti del mouse, limitando ulteriormente la scelta. In sostanza la progressione e l'utilizzo delle skill sono legate a doppio mandata all'interfaccia, caratteristica peculiare per un RPG, sebbene già vista in molti altri titoli action, soprattutto per piattaforma console. Sembra quasi che Blizzard sia riuscita nell'impresa impossibile di trasformare la tastiera e il mouse in uno strano joypad: il risultato ottenuto è incredibilmente efficace e divertente!
La vera novità però riguarda il sistema di Rune. Le venti abilità non ci metteremo tantissimo a sbloccarle e su sessanta livelli disponibili si ha la necessità di avere a disposizione una varietà ben maggiore. Unito alla riuscitissima nuova concezione del sistema di controllo appena descritta, il Rune system sancisce l'eccellenza del gameplay di Diablo 3. Si tratta di alcune sotto-abilità legate a ciascuna abilità principale da selezionare ulteriormente per aumentare certi particolari aspetti della magia o del colpo in questione. Si può selezionare una sola Runa per ogni abilità e ne esistono cinque per ciascuna. Con un rapido calcolo si arriva a una media di circa 100 abilità uniche per personaggio, per un numero di combinazioni sui sei slot ancora maggiore: un'incredibile profondità che annulla qualsiasi critica mossa da parte dei
"Il risultato è pura eccitazione e una straordinaria confusione durante le battaglie di Diablo 3. Una sinfonia di morte, un'epifania della devastazione, una splendida egida creata in nome del divertimento più frenetico, la potenza espressa da un gameplay che nessun altro riesce a offrire"
detrattori
che nell'ultimo periodo vociavano delusi riguardo a una fantomatica "semplificazione", o addirittura a una non auspicabile "consolizzazione". Queste illazioni non corrispondono alla realtà anche eprchè la maggior parte delle rune -non tutte- tramutano completamente la magia lanciata. Ad esempio il Wizard può evocare il cosiddetto famiglio, che di norma attacca il nemico; usando però la runa Ancient Guardian la creatura muta aspetto e funzione e comincerà ad assorbire completamente un colpo a noi inflitto ogni sei secondi, senza attaccare. Cambiamenti più radicali per la Plague of Toads del Witch Doctor: normalmente la spell evoca una pioggia acida sotto forma di rane, ma grazie alla runa Toad of Hugeness invece di centinaia di piccole rane ne evoca una sola enorme che comincia a iongoiare i nemici digerendoli pian piano e vomitandoli non appena sazia. Un terzo esempio che vi offriamo per farvi capire la varietà incredibile che abbiamo davanti, è la runa Explosive Light dell'abilità Wave of Light del Monk. Quest'ultima in rpatica evoca un'enorme campana vicino al personaggio, atterrando pesantemente in testa ai nemici circostanti, mentre il Monaco stesso gli sferra un calcio che la incrina, facendo sì che le onde sonore generate si propaghino in orizzontale atterrando tutti i nemici davanti. Una simile abilità già di base suona davvero peculiare e quasi assurda. Grazie alla runa però la campana atterrerà esattemnte in testa al Monk, aumentando il suo potenziale offensivo a tal punto da sdoppiarsi in otto copie di energia che rapidissime devasteranno tutto quello che sta intorno.

Aggiungiamo infine a tutto questo l'ultima categoria di abilità passive: sono circa 15 per ogni classe e se ne possono usare solo tre contemporaneamente. Queste alterano in modi ancora differenti la classe che stiamo giocando, modificando l'approccio generale del gioco. Ad esempio il Barbaro possiede una passiva detta Brawler che aumenta il danno inflitto se il perosnaggio è circondato da almeno tre nemici. Inutile dire che se selezionata cercheremo sempre di trovarci in mezzo alla mischia, preferendo un tipo di combattimento sul danno ad area invece che a colpo diretto. Un altro splendido esempio è l'Archery del Demon Hunter, una skill passiva che dà bonus differenti a seconda del tipo di arma imbracciata, aumentando o il danno critico o la probabilità di effettuare colpi critici. Usandola, la scelta dell'equipaggiamento diverrà cruciale: accumulare statistiche per avere una percentuale di critico molto alta ci porterà ad usare armi differenti.
In definitiva ciascun personaggio risulta concepito in modo tale da offrire una personalizzazione molto profonda adottando diversi stili di gioco. Quindi non sentiamo assolutamente la mancanza di poter assegnare manualmente i punti alle statistiche, anche perchè in realtà Diablo è sempre stato più legato all'equipaggiamento che allo skill system. Che quest'ultimo quindi si sia evoluto per accomodare questa caratteristica è non solo una lieta novità, ma a nostro giudizio anche un risultato eccezionale di game design, che aumenta esponenzialmente il divertimento. Non potrete più farne a meno, ne siamo certi.

INVIA COMMENTO

Diablo 3

Disponibile per: PC | XBOX 360 | PS4 | PS3 | Xbox One
Genere: Action RPG
Sviluppatore: Blizzard
Distributore: Activision-Blizzard
Publisher: Activision-Blizzard
Pegi: 16+
Lingua: Inglese con Sottotitoli in Italiano
M. Cooperativa: Multiplayer Cooperativa Online
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione:
PC: 15/05/2012   
XBOX 360: 03/09/2013   
PS3: 03/09/2013   
PS4: 19/08/2014   
Xbox One: 19/08/2014   
Minimi:
OS: Windows® XP/Vista/7 (latest service packs) with DX 9.0c
CPU: Intel Pentium® D 2.8 GHz or AMD Athlon™ 64 X2 4400+
GPU: NVIDIA® GeForce® 7800 GT or ATI Radeon™ X1950 Pro or better
RAM: 1 GB RAM (XP), 1.5 GB (Vista/7)
HDD: 12 GB available HD space
NET: Internet connection

Consigliati
OS: Windows® Vista/7 (latest service packs)
CPU: Intel® Core 2 Duo 2.4 GHz or AMD Athlon™ 64 X2 5600+ 2.8 GHz
GPU: NVIDIA® GeForce® 260 or ATI Radeon™ HD 4870 or better
RAM: 2 GB
HDD: 12 GB available HD space
NET: Broadband Internet connection
Diablo 3
9
10
10
9.5
164 voti
7.9
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
platinum
Dopo 12 infiniti anni di attesa, Blizzard finalmente pronta a rilasciare il nuovo capitolo della saga di Diablo, ovvero Diablo 3. Considerata la cr...[Continua a Leggere]
10
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD