GIOCHI PC

: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Un'ora dal vivo con il Free-Roaming firmato Monolith
Dragon Age: Origins > Recensione
0 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Dragon Age: Origins - Recensione

Inviato il da Marco Cifarelli
Che Bioware sia uno dei nomi più forti nel settore dei giochi di ruolo per computer è cosa nota ormai da tempo, e precisamente da quando, ormai più di dieci anni fa, rivoluzionò il settore grazie al capolavoro Baldur’s Gate e al suo ancor più eccellente seguito Shadows of Amn. Nelle parole di Ray Muzyka, co-fondatore dello studio, Dragon Age: Origins dovrebbe rappresentare una sorta di “terzo episodio” della saga, sebbene a livello puramente contenutistico il gioco non abbia nulla a che spartire con i suoi due illustri predecessori. I due Baldur’s Gate, infatti, erano ambientati nei Forgotten Realms, un universo immaginario creato come scenario per il celeberrimo gioco di ruolo carta-e-penna Advanced Dungeons & Dragons, mentre il mondo di Dragon Age è stato concepito a partire da zero per l’occasione.
Purtroppo, nonostante gli sforzi profusi da Bioware nella definizione di un ricco background, il mondo di Dragon Age non riesce a togliersi di dosso del tutto la sua natura derivativa, sia a livello concettuale sia per quanto riguarda la direzione artistica, pesantemente influenzata dal celebre adattamento cinematografico de “Il Signore degli Anelli” di Peter Jackson.
Certo, gli amanti del fantasy classico troveranno esattamente quello che cercano, ovvero un mondo “conosciuto” e compiacente, ma l'eccellenza che si può tributare alle coreografie di Mass Effect è, in questo caso, lontana.
 
The story so far..
L’altro lato della medaglia è rappresentato dalla trama, certamente uno dei punti di forza del gioco: sebbene anch’essa strabordi di cliché, la possibilità di influenzarne lo svolgimento anche in maniera pesante è sicuramente uno dei maggiori punti di forza del titolo, e la pregevole cura riposta nella caratterizzazione dei personaggi aiuta parecchio l’immersione e il coinvolgimento del giocatore, che con tutta probabilità vorrà arrivare a vedere la conclusione dell’opera a ogni costo. Il taglio cinematografico delle numerose cutscene e la generalmente ottima qualità del doppiaggio sono la ciliegina sulla torta, sebbene il livello dei dialoghi sia, di tanto in tanto, sorprendentemente mediocre, più adatto alla fan fiction di un adolescente che al lavoro di uno sceneggiatore professionista. Bioware ha inoltre deciso di porre notevole attenzione nel romanticismo tra i personaggi: si potranno infatti intraprendere relazioni di ogni tipo, sia etero che omosessuali, con determinati personaggi del vostro gruppo. Si tratta di una scelta molto coraggiosa che con tutta probabilità attirerà un vespaio di critiche (come già avvenuto nel caso analogo di Mass Effect), ma che a parer nostro merita un plauso per il suo concreto apporto allo sdoganamento del mezzo videoludico nella società moderna.
Primi passi
Dragon Age: Origins - recensione - PC Un aspetto sicuramente interessante è quello relativo alle "Origins" del titolo. Una volta creato il nostro personaggio attraverso il faraonico editor ci verrà infatti chiesto di scegliere una tra sei “Origini”: a seconda di quella che avremo scelto, le prime 3-4 ore del gioco saranno radicalmente diverse, e la scelta influenzerà, seppur in maniera minore, anche il resto del gioco. Alcune quest, infatti, saranno riservate solo a chi avrà scelto una particolare origine piuttosto che un’altra, e anche alcuni aspetti della trama principale verranno modificati di conseguenza.
Ad una prima occhiata il mondo di Dragon Age potrebbe sembrare molto vivo, ma basta giocare un po’ per rendersi conto che non sempre è così: sono infatti ben pochi i personaggi non giocanti con cui è possibile interagire in modo significativo e, allo stesso modo, l’interazione con l’ambiente è fortemente castrata da un grande numero di mura invisibili e porte invalicabili. Per fare un esempio, in un villaggio di una ventina di abitazioni potrete solo parlare con una dozzina di personaggi, entrare nella taverna o nella chiesa di paese o interagire con un paio di barili e piantine sparsi per la strada. Rispetto alle incredibili possibilità di esplorazione dei due Baldur’s Gate si tratta di deciso passo indietro, che potrebbe lasciare l’amaro in bocca all’appassionato di vecchia data.
Gameplay
Dragon Age: Origins - recensione - PC Il comparto in cui Dragon Age ricorda più di tutti Baldur’s Gate è senza dubbio quello del gameplay. Le battaglie, infatti, possono essere gestite attraverso il medesimo sistema ibrido di combattimenti a turni e in tempo reale del titolo sopracitato. In qualsiasi momento sarà possibile fermare l’azione con la semplice pressione di un tasto, e in tutta calma dare ordini ai membri del nostro party: un sistema in teoria molto semplice, ma che sicuramente aggiunge un livello di strategia invidiabile agli scontri. In tutti questi anni il sistema non è cambiato: è ad esempio impossibile dare ad un personaggio una lista di comandi da eseguire in serie, mettendo in pausa ogni qual volta sarà necessario per attuare strategie complesse. L’altro metodo di controllo, sebbene non adatto ai combattimenti, è certamente più comodo per la semplice deambulazione ed esplorazione. Avremo infatti la possibilità, in qualsiasi momento, di zoomare fino alle spalle del personaggio (la visuale di default è una semi-isometrica, identica a Baldur’s Gate) e di controllarlo direttamente attraverso dei tasti direzionali, in un sistema che ricorda quanto già visto in Mass Effect. Agli inizi il sistema di combattimento si rivela fin troppo complesso per un neofita, ma allo stesso tempo poco profondo, complici le poche abilità disponibili. Con l’accumularsi delle ore di gioco, però, il sistema si rivela in tutto il suo spessore, permettendovi di capovolgere le sorti di scontri apparentemente impossibili con una semplice pianificazione più accurata dell’approccio. Un encomio particolare va fatto al sistema di gestione delle tattiche, che vi permetterà di regolare il comportamento dei vostri personaggi nel momento in cui non li controlliate direttamente. Contemporaneamente profondo e user-friendly, quest’ultimo è un gioiello di programmazione che regalerà molte soddisfazioni a chi vorrà passare un po’ di tempo a smanettarci sopra. Un altro aspetto interessante di questo Dragon Age è la relazione che intercorre tra determinati attacchi, che vi permetteranno di organizzare delle interessanti combo: ad esempio, combinando una magia congelante con un attacco critico, ci sarà una chance di spaccare il nemico in mille pezzi, uccidendolo all’istante.
In ogni caso, l’affidarsi a un sistema di “dadi invisibili” per gestire gli scontri è a parer nostro un retaggio del passato che sarebbe stato meglio eliminare, in quanto occasionalmente capace di provocare frustranti sconfitte dovute non ad una pianificazione sbagliata da parte vostra, ma a semplice sfortuna. Allo stesso modo, alcuni sacrifici del gameplay a favore della semplicità d’uso ci sono sembrati esagerati, ancorchè votati alla massima espansione verso ogni fascia di mercato. Dopo ogni scontro, infatti, i personaggi morti si rialzeranno subito e l’intero party si ricaricherà automaticamente di salute e di mana/stamina. L’unica penalità per la morte saranno dei piccoli malus a varie caratteristiche, facilmente curabili. Essere colti a borseggiare con il ladro, invece, non ci ha mai portato a ricevere penalità di alcun tipo.
Articoli Correlati: Dragon Age: Origins
Dragon Age: Origins DLC | Recensione
Analizzati i primi contenuti scaricabili per Dragon Age: Origins
Dragon Age: Origins | Recensione
Torna Bioware su console dopo il successo di Mass Effect
Dragon Age: Origins | Recensione
Analizzato l'erede spirituale di Baldur's Gate
Dragon Age: Origins | Hands on
Testata per la prima volta la versione Console
Dragon Age: Origins | Anteprima
Bioware torna alle "Origini"
<< [ 1 | 2 ] >>

INVIA COMMENTO

Dragon Age: Origins

Disponibile per: XBOX 360 | PC | PS3
Genere: Gioco di Ruolo
Sviluppatore: BioWare
Distributore: Electronic Arts
Pegi: 16+
Lingua: Inglese con Sottotitoli in Italiano
Data di Pubblicazione: 06/11/09
Sistema Operativo: Windows XP or Windows Vista
Processore: Intel Core 2 Quad 2,4Ghz o equivalente
RAM: 4 GB (Vista) o 2 GB (XP)
Scheda Video: ATI Radeon X1550 256MB / NVIDIA GeForce 7600 GT 256MB
Scheda Audio: DirectX 9.0c-compatible
Hard Disk: 20 GB
Dragon Age: Origins
7.5
9
10
9
305 voti
8.5
7
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Silver89
Dragon Age : Origins il nuovo GDR ad ambientazione fantasy sviluppato da Bioware, e arriva finalmente in tutto il suo splendore per donare nuova lin...[Continua a Leggere]
9
wedoitbetter
Probabilmente il miglior GDR in commercio.L'ultioa fatica di Bioware riesce a inglobare in un solo gioco tutti quegli elementi che ogni videogiocatore...[Continua a Leggere]
9.5
genesx
Dragon Age: Origins un solido esponente del genere gdr ad ambientazione fantasy. Il gioco ci vedr prendere i panni di un eroe ( possibile sceglier...[Continua a Leggere]
8.5
Krokgard
Mi "innamorai" di Dragon Age nel momento in cui per la prima volta vidi "Sacred Ashes", lo splendido trailer di presentazione. Pensai che, considerati...[Continua a Leggere]
8.5
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD