GIOCHI PC

: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Monkey Island: Special Edition > Recensione
32 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Monkey Island: Special Edition - Recensione

Inviato il da Francesco Fossetti
Secret of Monkey Island è un pezzo di storia. Nell'ormai lontano 1990 Lucas Films sconvolse convinzioni e convenzioni dell'industry, facendo convergere il lavoro magistrale di quattro geni dell'Entertainment casalingo in un'unica, perfetta, Avventura Grafica. Fu un colpo secco non solo al canone videoludico del tempo, ma anche al modello dell'ironia da giocatore. Un prodotto così ricco di situazioni al limite del surreale, enigmi da districare con l'aiuto del “pensiero laterale”, infarcito di frasi memorabili e personalità fuori norma, non s'era mai visto. Fu quello che si dice un “amore a prima vista”, diventato poi un “amore senza tempo”, tramandato di generazione in generazione, e serpeggiante al di sotto dei lustrini della Next Gen.
Riproponendo questo suo perfetto “punta e clicca” in una economica “Special Edition”, Activision fa appello proprio alle nostalgie condivise dal popolo dei videogiocatori “over 20”, che possono così recuperare i loro più bei ricordi, rispolverarli, e sollazzarsi di nuovo con un Guybrush Threepwood tirato a lucido.
 
Secret of Monkey Island: Special Edition è disponibile su Xbox 360 e PC, via Digital Delivery, al modicissimo prezzo di 9,90 €. Il fatto che all'interno sia presente la versione originale, con i pixellosi sprite dell'epoca, le animazioni scattose, e le scimmie a tre teste, è sufficiente per consigliare l'acquisto praticamente a chiunque.
L'avventura di Guybrush e Elaine, minacciati dal temibile pirata Le Chuck, resta ancora oggi piacevolissima da affrontare. Il ritmo di gioco, nonostante la staticità del genere di appartenenza, è fin da subito serrato: diluendo i preamboli narrativi lungo tutto il corso della prima parte (Le Tre Prove), Monkey Island mette immediatamente il giocatore di fronte ad una varietà di ambienti e situazioni invidiabile, che si moltiplicherà poi quando il giovane pirata salperà dalle rive di Melee Island (™). Impeccabili, poi, i dialoghi e le scenette comiche, o la capacità di prendere in giro la stessa struttura delle avventure dell'epoca. Secret of Monkey Island, insomma, grazie a personaggi memorabili, enigmi inverosimili (ma -a suo modo- logicissimi), scorci indimenticabili, resta ancora oggi un titolo da giocare. Per capire, se non altro, da dove veniamo.
The Secret of Monkey Island: Special Edition - recensione - PC Eppure, sappiamo bene che le nuove leve del popolo videoludico hanno bisogno d'un sollazzo che sia anche visivo. Per questo l'edizione speciale in oggetto può vantare di un totale restyle grafico, che cerca comunque di mantenere invariato lo spirito originale dell'opera. Il lavoro globale può dirsi sinceramente riuscito, pur con i suoi alti e bassi. Se lo sprite del protagonista non è affascinante quanto quello "antico" (soprattutto per una capigliatura non certo azzeccata), i molti personaggi, comprimari e non, appaiono versioni ottimamente aggiornate di quelli storici. Il tratto è sempre spigoloso ed insicuro, quasi amatoriale: l'effetto globale, mescolato con le pennellate ad acquerello degli sfondi e con le animazioni schizofreniche e scheletriche, è senz'ombra di dubbio efficacissimo. Bellissimi gli artwork che accompagnano i “close up” sui volti dei character più importanti. Generalmente, il look della special edition riesce nel non facile compito di trasmettere il senso di un'antichità profonda e vitale: un colpo d'occhio in qualche modo anacronistico, ma che compiace e non sfigura, ad un esame meticoloso ed oggettivo.
Inutile dire, però, che il lavoro più eccezionale riguarda il comparto sonoro. Le musiche d'accompagnamento, interamente rimasterizzate, sono un bellissimo tributo al lavoro Michael Land, e già le note del Main Theme accendono un piccolo fuoco nell'anima. E' però il doppiaggio la vera star della Special Edition: ogni linea di dialogo è pronunciata con inflessione perfetta, e riesce a ravvivare la permanenza su Melee Island in maniera impeccabile. Perfetto l'accento cockeny dei pirati da sfidare a duello.
Non sono però tutte rose e fiori. Al di là delle questioni puramente estetiche, in cui il gusto di ognuno si scontrerà con lo stravagante restyle visivo, l'organizzazione dell'interfaccia non pare affatto migliorata. Per fare in modo che il prodotto fosse giocabile anche su Console, via Pad, si è optato per un sistema che nasconde sia l'inventario che la lista delle azioni: entrambi i menù sono richiamabili alla pressione di un tasto, mentre il cursore si limita a suggerire, se posizionato su un oggetto o una persona, l'azione più comune per interagire con esso. Forse questo è l'unico sistema per rendere Monkey Island facilmente fruibile tramite Pad, ma su PC la navigazione diventa di certo meno immediata, nonostante le scorciatoie da tastiera (“P” per “Pick”, “G” per “Give”, “U” per “Use”, e così via).
Segno incontrovertibile che i tempi sono cambiati, se persino un titolo tanto legato al Personal Computer si piega di fronte allo strapotere delle Home Console.
Nonostante questa versione di Monkey Island sia in qualche modo “speciale”, si tratta sempre di una Ri-Edizione. Per questo, porta con se luci ed ombre. Da una parte un design artistico che fa di tutto per rimanere nelle corde stilistiche dell'originale, ma che intacca (non sempre felicemente) l'icona pixellosa di protagonisti indimenticabili. Dall'altra un'interfaccia revisionata, ma consegnata agli utenti Pc in una versione di certo meno immediata di quella originale.
Non vogliamo in alcun modo sminuire la portata dell'evento: avere Monkey Island su Pc Marketplace, ad un prezzo così abbordabile, con una nuova cromatura, è un'opportunità preziosissima. Per educare, anche, le nuove masse, o per rivivere momenti indimenticabili del videogaming di tutti i tempi (se già non ci dovesse pensare lo ScummVM). Non ci sogniamo neppure di valutare a posteriori la qualità del prodotto in sé (il full score sarebbe garantito), per questo il voto assegnato si riferisce soltanto al lavoro di adattamento e alle sue conseguenze nell'economia di gioco. Al di là di tutto, questa Special Edition è un Digital Delivery quasi imprescindibile, una buonissima scusa per tornare ad insultare qualche pirata.
VOTOGLOBALE8
Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

INVIA COMMENTO

The Secret of Monkey Island: Special Edition

Disponibile per: XBOX 360 | PC | iPhone | PS3
Genere: Avventura Grafica
Sviluppatore: LucasArts
Distributore: Distribuzione digitale
Costo iPhone: 2,39€
Lingua: Inglese con Sottotitoli in Italiano
Data di Pubblicazione:
XBOX 360: 15/07/09   
PC: 15/07/09   
iPhone: 23/07/09   
The Secret of Monkey Island: Special Edition
ND
ND
ND
ND
111 voti
7.9
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Silver89
The Secret of Monkey Island Special Edition la riedizione del primo capitolo di questa fortunata saga ed disponibile per PC e Xbox360. Ovviamente ...[Continua a Leggere]
8.5
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC - Partita Iva :05619350720
Link Utili: Redazione | FAQ | Contatti | Lavora | Adv | Partners
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD