Playstation 3: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Rag Doll Kung Fu: Fists of Plastic > Recensione
3 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Rag Doll Kung Fu: Fists of Plastic - Recensione

Inviato il da Gabriele Caruolo
Dopo i fasti di Little Big Planet il programmatore Mark Healey, co-fondatore di Media Moleclue, lancia una curiosa idea il cui sviluppo viene affidato ai ragazzi dei Tarsier Studios, che si cimentano ben volentieri in un singolare esperimento su PS3, RagDoll Kung Fu. Ancora una volta ci sono di mezzo bambole di pezza, ed un concept originale ed audace, che sembra voler far indirizzare l'universo videoludico di casa Sony (soprattutto quello del PSN) su un versante più innovativo, fresco e vivace. A chi ha un occhio di riguardo nei confronti dell'universo Indie, il nome del titolo in esame non risulterà nuovo. Si tratta infatti del primo progetto del team di sviluppo, pensato al di fuori delle logiche di mercato, quando Media Molecule era un gruppo di talentosi game designer alle prime armi. Il concept particolarmente brillante valse alla bizzarra tech demo una cospicua serie di premi, ed è ricomposto oggi in una forma più articolata, in esclusiva per il Playstation Store.
Everybody Wants a Kung Fu Fughting!
Rag Doll Kung - Fu: Fists of Plastic - recensione - PS3 Lo stile di RadDoll Kung Fu è a dir poco accattivante. Come suggerisce il titolo stesso i nostri lottatori non sono altro che pupazzetti di plastica anni '70: i classici snodabili che hanno accompagnato l'infanzia di molti lettori. Inoltre la componente artistica, particolarmente brillante, ricorda i B-Movie di arti marziali alla “Bruce Lee”, grazie al look di personaggi ed ambientazioni, ai filtri cromatici utilizzati, agli effetti sonori. Ma più che la componente stilistica, che verrà analizzata di seguito, a colpire è il concept ludico alla base del prodotto. Il titolo ricalca abbastanza fedelmente gli stilemi di Super Smash Bros: si tratta infatti di picchiaduro che unisce all'impianto tipico dei Beat'em Up bidimensionali gli elementi classici del platform game. Durante i combattimenti dovremmo muoverci attraverso i vari stage saltando da una piattaforma all'altra, afferrando oggetti e sfruttando le proprietà curative di alcuni item.
Il sistema di controllo appare molto originale, sfrutta in maniera intelligente i sensori di movimento del pad e lascia spazio alla “creatività combattiva” dell'utente, senza però precludere la possibilità di un approccio più regolare. Ai front button sono delegati infatti gli attacchi di base e l'esecuzione di alcune supermosse, identiche sostanzialmente per ogni “pupazzo”. Ma il gameplay è ben lungi dall'essere “costrittivo” e incanalato: risulta anzi molto dinamico, in quanto lascia la possibilità di sfruttare i tasti dorsali (L2 e R2) per muovere singolarmente (con gli analogici) i vari arti della marionetta (come se il giocatore ne tenesse i fili). In tal maniera è possibile creare delle personalissime combinazioni di colpi, uniche e originali. Se è vero che padroneggiare il sistema “libero” richiede un po' di allenamento (ma regala anche soddisfazioni), azioni e mosse di base comuni a tutti i personaggi si apprendono facilmente, e permettono di affrontare le sfide ed il multiplayer senza troppi patemi. Oltre ai pugni e calci (sferrati rispettivamente con quadrato e triangolo) e possibile effettuare le prese (con R1), nonché afferrare e lanciare via tutti gli oggetti che ci capitano a tiro. Eseguire una combo aerea aumenta il “Chi”, energia spirituale che viene incanalata per potenti attacchi o per ripristinare la propria salute. Tenendo premuto quadrato e una direzione su l'analogico sinistro basta scuotere bruscamente il controller per eseguire un attacco che assomiglia molto allo smash del picchiaduro Nintendo. Muovendo su e già il pad, invece, potremo creare una sfera di energia da lanciare sul malcapitato pupazzetto che si troverà nei nostri paraggi. Invece inclinando il Dualshock verso l’alto entreremo in un posa di meditazione, che ripristinerà la barra di energia. E' possibile anche sfruttare il Chi per produrre un'onda d'urto mentre siamo in posizione di difesa (tasto cerchio).
Il gameplay di Ragdoll Kung fu, insomma, appare piuttosto vario e ben congegnato. Si aggiunge all'impianto appena descritto la possibilità di utilizzare gli oggetti che piovono nelle arene, da sfruttare menando fendenti con l'analogico destro del Pad. Grazie al duplice approccio (classico, dunque legato ai pulsanti, o “libero”, con la possibilità di controllare i singoli arti), il gioco si presta ad essere assimilato in breve tempo, ma lascia poi spazio alla fantasia del player. Ovviamente, e come per il classico firmato Nintendo, l'impianto di gioco appare quasi interamente finalizzato al multiplayer. Ancora di più in questo caso, dato che al Single Player di Ragdoll Kung Fu manca, per ovvi motivi (è un gioco in Digital Delivery), la profondità ed il respiro vastissimo tipici di Smash Bros., il parto di Media Molecule si presta alle sfide fra amici, in locale e online.

INVIA COMMENTO

Rag Doll Kung - Fu: Fists of Plastic

Disponibile per: PS3
Genere: Picchiaduro 3D
Sviluppatore: Media Molecule
Distributore: Sony Computer Entertainment
Data di Pubblicazione: 02/09
Rag Doll Kung - Fu: Fists of Plastic
7.5
7
6
7.5
53 voti
6.7
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
OsokoTanaka
Un capolavoro mancato. Oserei definire cos questa piccola perla dal gameplay divertente, dalla caratterizzazione dei personaggi demenziali che in mod...[Continua a Leggere]
8
Riko87
Protagonisti del gioco sono un gruppo di marionette che potranno essere personalizzate con gli accessori che si andranno a sbloccare man mano giocando...[Continua a Leggere]
7
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD