Playstation 3: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Un'ora in compagnia del wrestling targato Yuke's
The Sims 3 > Recensione
0 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

The Sims 3 - Recensione

Inviato il da Nicola "Rexconquer" Inbelli
Trascinando la sua serie principe su Xbox 360 e Playstation 3, Maxis mette in chiaro anzitutto che il mercato videoludico è cambiato: nuove tecnologie e nuove tipologie di utenti giustificano e sorreggono l'ambizioso progetto di adattare il “simulatore di vita quotidiana” per lanciarlo nell'affollatissimo mercato delle Home Console. E stavolta, si tratta di un lavoro fatto con intenzioni e finalità piuttosto ambiziose: un vero e proprio porting, e non una versione mutilata e claudicante, come quelle che un tempo raggiunsero i tray della Playstation2. Gli intoppi di quei vecchi esperimenti vanno del tutto dimenticati: su console HD, The Sims 3 avrà davvero un nuovo volto. Simile in tutto e per tutto alla controparte PC (e quindi profondo e variegato quanto mai), ma anche attento alle esigenze di un pubblico animato da un più sentito agonismo, che necessità di obiettivi e di una progressione più inquadrata. L'arrivo in redazione di una versione finale ha chiarito una volta per tutte quali sono le caratteristiche grazie alle quali The Sims 3 si propone di irretire il popolo dei Pad.
 
Starting a new life
La versione console di The Sims 3 eredita la totalità delle caratteristiche della controparte Pc, ad esclusione ovviamente di quelle che sono appannaggio degli Expansion Pack. Nessuna semplificazione, quindi: il titolo, da buon simulatore di vita, permette di gestire integralmente l'esistenza quotidiana dei personaggi creati dall'utente, che devono sempre destreggiarsi fra le necessità domestiche e lavorative. Appagare i bisogni dei propri Sim è sempre il fulcro principale dell'esperienza ludica, che dimostra una spiccata leggerezza. A scanso di equivoci, dunque, chiariamo fin da subito che quella di The Sims 3 non è un'offerta davvero universale: chi non ama i paradigmi e la filosofia della "realtà alternativa", chi ha sempre disprezzato quella "Second Life" che per qualche tempo ha spopolato sulla rete, può lasciar perdere. The Sims 3 è un titolo pronto a soddisfare le curiosità pettegole di chi vuole un gestionale disimpegnato ma non banale: ricco di variabili ma non opprimente, e soprattutto dotato di una discreta varietà e ricolmo di senso dell'umorismo.
Ciò detto, a Maxis va riconosciuto l'impegno nel proporre un adattamento fedelissimo. Impegno che si riconosce già nelle schermate di creazione del personaggio, ricche ed articolate dal punto di vista della personalizzazione fisica e caratteriale. Oltre alla miriade di scelte estetiche, infatti, è possibile delineare i tratti della personalità di ogni Sim, in modo da sperimentare poi le più disparate reazioni nei diversi ambiti sociali.
Una volta arrivati in città, l'estrema malleabilità dei "creation tool" si manifesta anhce per quel riguarda arredamento e configurazione della dimora. Messa in piedi una casa funzionale (che abbia bagno, cucina e camera da letto), giunge il momento di gestire punto per punto la vita dei Sim. Stando sempre bene attenti alle barre che indicano le loro necessità, l'utente deve organizzare una "schedule" fittissima, fatta di impegni lavorativi e personali (mangiare, lavarsi, e divertirsi un po').
Mentre si comincia a prendere confidenza con i ritmi sregolati della nuova vita, si impara anche a padroneggiare il sistema di controllo, adattato all'uso del pad con notevole ingegno. L'interazione con ambiente e personaggi avverrà attraverso menù contestuali che i fan dell'ultimo capitolo hanno imparato a conoscere. Dopo qualche resistenza iniziale, si capisce che una scelta del genere è indispensabile per proporre una conversione più completa e fedele possibile. Sfortunatamente, però, nonostante sia ottima anche la gestione della telecamera, un sistema così strutturato tende a frammentare non poco l'esperienza di gioco, perché la navigazione fra le varie stanze e l'interazione con gli oggetti sono lente e, a volte, un po' macchinose.
Il pad è intensamente anche nelle schermate dell'editor, uno strumento decisamente potente. Con rapidi tocchi sui tasti direzionali si salta da menù a menù, e modificare la propria abitazione è questione di minuti. Ovviamente i maniaci dell'arredamento potranno passare ore a disporre ogni singolo mobile acquistato, o a sfogliare le varie combinazioni di colori per la tappezzeria di pareti, tende, poltrone. Nell'area all'aperto, c'è persino la possibilità di modificare le avvallature del terreno, magari per creare il giardino dei sogni, o un laghetto in stile “laguna” in cui sollazzarsi con gli amici virtuali. In questi frangenti, nonostante qualche incertezza iniziale, il control scheme appare ben studiato.
Karma!
Chi già conosce la versione PC, sa bene che The Sims 3 è un titolo davvero smisurato, fatto di infinite possibilità, capace di tenere incollato allo schermo ogni appassionato della saga, così come tutti quelli che ne sono da sempre stati incuriositi. La versione Console recupera questa interminabile varietà, proponendo tutte le attività lavorative e gli hobby che possiate immaginare. Corsi di cucina, allenamenti in palestra, nuotate in piscina. Lavori d'ufficio o occupazioni poco legali. Oltre a questo, tuttavia, su Ps3 e Xbox 360 The Sims 3 offre anche qualche interessantissima aggiunta, che pare in grado addirittura di vivacizzare la progressione, facendo del prodotto un titolo ancor più completo e dinamico. Oltre al già citato sistema di tratti caratteriali, grazie al quale le interazioni sociali di ogni Sim saranno sempre diverse, troviamo l'interessante Challeng System. Si tratta di un elenco di vere e proprie sfide da superare, facendo raggiungere ai propri Sim traguardi progressivamente più ambiziosi. Questa trovata non solo mantiene altissima l'attenzione dei videogiocatori, ma può persino rivelarsi un interessante diversivo alla potenziale ripetitività dell'esperienza di gioco. Intendiamoci: il giocatore è sempre libero di condurre la vita dei Sim come meglio crede, ma se vorrà assecondare i compiti (non sempre facili) imposti dal sistema di "sfide", non solo troverà un gioco in grado di finalizzare ed incanalare tutta la sua creatività, ma avrà accesso a set di decorazioni e oggetti sempre più interessanti.
Un ulteriore guizzo di personalità deriva poi dal Karma System: utilizzando i punti accumulati lentamente nel corso del gioco, soddisfacendo i bisogni dei propri personaggi o semplicemente accumulando la quantità quotidiana dispensata regolarmente, si possono attivare degli eventi speciali, in grado di far trascorrere ai vostri Sim giornate davvero speciali. I giocatori più benevoli potranno benedire le proprie creature, ad esempio, con un periodo di fortuna sfacciata (quello che succederà, poi, è tutto da scoprire), oppure ancora alzare improvvisamente il quoziente intellettivo del proprio personaggio. I più sadici, invece, potranno sbizzarrirsi con catastrofi naturali di ogni sorta. Ovviamente la possibilità di attivare eventi di questo genere è ben dosata all'interno della progressione: senza snaturare la formula di gioco, queste introduzioni riescono a renderla ancora più dinamica e malleabile.
Il Karma System si integra poi con le sfide sopra citate: superando quelle più impegnative sarà possibile guadagnare poteri speciali sempre più creativi: volete riportare in vita qualche parente defunto? Oppure infestare una casa con lugubre presente ectoplasmiche? il Karma System vi permette di farlo, a tutto vantaggio della creatività.

A The Sims 3, comunque, manca qualche spunto in più che avrebbe garantito un successo senza pari. Ad esempio, la poco brillante gestione della carriera lavorativa, su cui ha messo una pezza la prima espansione della versione PC, torna in tutto il suo desolante semplicismo. Ed il fatto è che proprio le espansioni, del tutto assenti, più che un'aggiunta superflua, sono da considerarsi di vitale importanza per aggiornare ed aggiustare un prodotto che, già ai tempi del suo esordio, aveva qualche pecca. L'incedere a volte un po' troppo ripetitivo, alcuni "buchi" evidenti nel ritmo della progressione (con interi settori della giornata lasciati totalmente vuoti), sono stati mirabilmente colmati da Maxis con i primi Add-On. Ad un anno dalla release originale, queste zone d'ombra si fanno sentire, nella versione console. Ed al momento non c'è nessun piano per il rilascio di DLC che espandano e correggano la formula.
Visivamente
Anche la componente tecnica è più che buona, sebbene non raggiunga livelli di qualità elevatissimi. L'adattamento riesce efficacemente a trasportare su Playstation 3 e Xbox 360 un colpo d'occhio fantasioso e colorato, davvero piacevole da vedere, e stracolmo di uno stile riconoscibilissimo e personale. Non vanno ricercate ovviamente una grande complessità poligonale o uno sfruttamento intensivo delle risorse: piuttosto, un engine in grado di dipingere un mondo vivo e vibrante, piacevolissimo da esplorare, e soprattutto rilassante. Le musiche di accompagnamento sottolineano la buonissima direzione artistica e le finalità specifiche del prodotto.
Purtroppo, l'ottimizzazione del codice finale è invero traballante. Se il framerate risulta comunque stabile (del resto il ritmo di gioco è pacatissimo), sono i lunghi tempi di caricamento che insinuano nell'utente un lieve, ma costante, tedio. L'esperienza di gioco, da essere rilassata, procede quasi a singulti: spostarsi da una casa all'altra, inquadrare d'un colpo tutta la città per selezionare una meta, sono operazioni che stancano anche i più pazienti, sulla lunga distanza.
La versione console di The Sims 3 convince e diverte. Il titolo, che su Pc si interfaccia con la fantasia del videogicatore e gli consegna un completissimo “simulatore di vita”, arriva sulle macchine HD ampliato da due espedienti in grado di vivacizzare la progressione. Mentre un sistema di obiettivi garantirà un'esperienza stimolante, il Karma System permetterà di vivere delle giornate “fuori dagli schemi”, a tutto vantaggio dell'immersività, della varietà e del coinvolgimento. Non mancano però le pecche: il sistema di controllo, adatto alle possibilità del pad, ha qualche falla per quel che riguarda la facilità di navigazione, e la presenza ossessiva di lunghi caricamenti interrompe a più riprese il flusso di gioco. Inoltre, pur essendo un titolo divertente, corale e spiritoso, The Sims 3 continua a sottolineare la sua natura particolarissima, proponendo un "divertissment" leggero, etereo, spinto fino al limite ultimo dell'inconsistenza. Un titolo dedicato ai curiosi e ai creativi, un titolo perfetto per le famiglie e per i giocatori meno "duri", ma non certo adeguato a soddisfare la totalità dei videoplayer.
VOTOGLOBALE7.8

INVIA COMMENTO

The Sims 3

Disponibile per: PC | iPhone | PS3 | XBOX 360 | Wii | NDS | 3DS
Genere: Gestionale
Sviluppatore: Maxis
Distributore: Electronic Arts
Costo iPhone: http://a19€
Pegi: 12+
Lingua: Tutto in Italiano
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione:
PC: 05/06/09   
PS3: 29/10/2010   
XBOX 360: 29/10/2010   
3DS: 25/03/2011   
The Sims 3
7.5
8
8.5
7.5
101 voti
6.9
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Ledoweb
Ci sono giochi che segnano generazioni. Titoli che, sebbene innovativi, riescono ad imporsi come un fenomeno di massa, un'attrattiva talmente potente ...[Continua a Leggere]
9
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC - Partita Iva :05619350720
Link Utili: Redazione | FAQ | Contatti | Lavora | Adv | Partners
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD