Playstation 4: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
In diretta tutto il giorno dalla GamesWeek
Thief > Recensione
87 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Thief - Recensione

Inviato il da Andrea Porta
Dopo dieci anni nell’ombra, Garret torna dall’oscurità grazie al lavoro di Eidos Montreal, un team di sviluppo che già ha dimostrato di saperci fare con i reboot, come confermato da Deus Ex: Human Revolution e Tomb Raider. La filosofia alla base non è infatti cambiata, e parte da una profonda rilettura del personaggio e delle atmosfere che lo circondano, volta a cristallizzare alcuni elementi dell’esperienza originale, avvolgendoli tuttavia in un contesto in parte inedito, più adatto ai nostri tempi. Lo scopo dell’operazione, evidentemente, è suscitare interesse nei fan di vecchia data, e allo stesso tempo incuriosire anche coloro che non si siano mai aggirati silenziosamente per le vie della City. Questo ritorno di Thief giunge quindi filtrato attraverso l'obiettivo di telecamere votate alla spettacolarità hollywoodiana, tingendo il contesto narrativo con ampie pennellate dark e soprannaturali, a tratti al limite dell'horror, e trovando nel gameplay un interessante equilibrio tra novità e classicismi della serie.
 
Città mia, non ti conosco
Thief - recensione - PS4 A ridosso del breve prologo prendiamo familiarità con il "nuovo" Garret e la Città senza nome, da sempre parte fondamentale dell'esperienza di gioco offerta dai predecessori. Tramite il classico espediente dell'amnesia, il giocatore si trova a riscoprire l'oscura storia del ladro su commissione, che questa volta si trova suo malgrado coinvolto in un'avventura molto più grande di lui, sullo sfondo di una metropoli ottocentesca dilaniata dai conflitti di potere e da un morbo misterioso.
Sebbene ad un primo sguardo l'architettura arroccata e confusa possa apparire familiare, la Città è cambiata. Il bizzarro mix steampunk degli originali è quasi del tutto sparito, in favore di un esoterismo diffuso, e di una contestualizzazione molto più vittoriana. E' evidente come gli sviluppatori abbiano posto particolare attenzione al contorno ambientale e narrativo, necessario per donare un po' più di spettacolarità alla vicenda; eppure, a fronte di una messinscena elegante, la trama non riesce mai a decollare del tutto. La scrittura appare, a più riprese, affrettata, e manca un'adeguata caratterizzazione dei personaggi. Erin, inizialmente presentata come intrigante comprimaria, esce di scena molto presto, mentre Basso e il perfido Barone non ricevono sufficienti attenzioni per spiccare nel contesto. Anche la catena di eventi risulta piuttosto fumosa, e si risolve in un finale aperto poco soddisfacente.
Fortunatamente, a compensare la trama poco consistente ci pensa un gameplay piuttosto solido e complessivamente ben declinato, il quale, soprattutto in certi aspetti, riesce a restituire con grande lucidità la sensazione di trovarsi nei panni di un'avida creatura della notte.
Di ombra in ombra
Thief - recensione - PS4 Familiarizzare con i controlli offerti dal nuovo Thief non è certo difficile, e, anche in questo caso, è evidente l'intenzione degli sviluppatori di rendere l'esperienza accessibile, perlomeno ai livelli di difficoltà più bassi. Garret si muove veloce nelle ombre, grazie a un free run attivabile con la mantenuta pressione del grilletto sinistro, che garantisce salti e scalate automatiche, e a una rapida scivolata, ottima per passare da una zona d'ombra all'altra. Eppure, affrettare l'attraversamento degli otto livelli lineari proposti dalla trama sarebbe davvero un peccato, dato che gli sviluppatori si sono prodigati nel costellare le ambientazioni di un'infinità di forme di bottino più o meno evidenti. Sebbene l'obiettivo da raggiungere per far progredire la storia sia sempre in bell'evidenza, lungo il cammino sarà possibile compiere deviazioni (più o meno ampie a seconda del contesto) in cerca di preziosi da sottrarre silenziosamente, il cui valore andrà immediatamente ad aggiungersi ad una riserva di denaro utile ad acquistare armi e potenziamenti. Tale aspetto si rivelerà ancora più accentuato nei diversi incarichi secondari disponibili in città, da completare liberamente tra una missione e l'altra, che richiederanno tutte di portare a termine furti su commissione con difficoltà crescente.
"Giocato senza alcun tipo d'aiuto e con i modificatori attivati, Thief cambia completamente faccia"
Quando invece si rimarrà sul sentiero tracciato dalla trama, ci si troverà sostanzialmente ad affrontare un percorso "ad ostacoli", intervallato da brevi sequenza di pura narrazione. Di missione in missione, si esploreranno diverse location della città, a volte più lineari, altre invece strutturate come veri e propri labirinti, e, naturalmente, costellate di guardie e trappole. Nascosti e protetti dalle ombre, occorrerà dunque studiare con attenzione i percorsi delle sentinelle, che potranno essere stordite di nascosto (a patto che si trovino a debita distanza dai compagni), o addirittura eliminate da lontano, a seconda dell'armatura indossata e del posizionamento. Un approccio misto, che preveda eliminazioni silenziose e qualche aggiramento, è naturalmente il più semplice da mettere in pratica, ma, con l'unica eccezione rappresentata dal prologo/tutorial, il gioco potrà essere completato senza mai far ricorso alla violenza. Anche in questo caso, gli sviluppatori hanno lavorato sull'accessibilità: le concessioni nei confronti di un pubblico di appassionati di videogame oggi molto più vasto che dieci anni fa si notano soprattutto nell'introduzione della modalità Concentrazione.
Alla pressione mantenuta di un tasto, si vedranno evidenziati tutti gli elementi interattivi, con notevoli facilitazioni. Per quanto la Concentrazione sia legata ad un'energia esauribile, il suo frequente utilizzo può rendere Thief un'esperienza molto più lineare e semplice da affrontare.

La buona notizia per coloro interessati ad una sfida più complessa è che la gestione del livello di difficoltà in Thief può cambiare drammaticamente l'esperienza di gioco, e gli sviluppatori hanno lavorato con molta attenzione non solo nel proporre molte variabili, ma anche per permettere ai giocatori di dimostrare la propria abilità. A parte i tre preset di base c'è infatti un quarto livello di difficoltà completamente personalizzabile, dove attivando o disattivando certe variabili è possibile cucirsi addosso l'esperienza desiderata, arrivando a conseguenza davvero estreme, come il salvataggio solo ad inizio livello, e il game over ogniqualvolta si usi violenza contro una delle guardie (stordimenti e attacchi dall'alto compresi), passando ovviamente per la completa eliminazione della modalità Concentrazione. Per i più estremi, c'è anche una sorta di permadeath, che costringe a ricominciare ad ogni fallimento. Ognuna di queste variabili, se attivata, andrà ad aumentare il punteggio assegnato dal gioco a fine missione, permettendo ai giocatori di inserire i propri score nelle classifiche mondiali. Separatamente, e senza conseguenze sul punteggio, sarà possibile modificare anche l'interfaccia di gioco, disattivando ad esempio gli indicatori di missione o la Gemma della Luce, utile a sapere quando ci si trova in vista. Giocato senza alcun tipo d'aiuto e con i modificatori attivati, Thief cambia completamente faccia, e richiede uno studio millimetrico delle proprie mosse all'interno dei livelli.

INVIA COMMENTO

Thief

Disponibile per: PC | PS4 | Xbox One | PS3 | XBOX 360
Genere: Stealth Game
Sviluppatore: Eidos Montréal
Distributore: Halifax
Publisher: Square-Enix
Data di Pubblicazione:
PS4: 20/02/2014   
PC: 27/02/2014   
Xbox One: 27/02/2014   
PS3: 28/02/2014   
XBOX 360: 28/02/2014   
Thief
8
8.5
8
7.5
23 voti
7.7
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD