Videogiochi, Cinema, Serie Tv e Tecnologia
In diretta con i ragazzi di Melagodo dal Lucca Comics
Little Big Planet > Recensione
29 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Little Big Planet - Recensione

Inviato il da Federico Graziano
Uomini; popolo di incurabili sognatori. Costantemente assorti nei propri pensieri, questi buffi esseri amano fantasticare, vivere con la testa fra le nuvole, sognare ed immaginare avventure sospese nello spazio e nel tempo. Queste idee volano invisibili per poi unirsi, svilupparsi e crescere formando un mondo lontano, assolutamente differente da quello grigio e banale della realtà quotidiana.
E verso la fine di ottobre del 2008, un simpatico videogioco si fece carico dell'onere di trasportare i fortunati videogiocatori in questo magico luogo, custode di tutti i sogni e le fantasticherie: il suo nome era Little Big Planet.
Il lavoro dello sviluppatore britannico Media Molecule è stato un fulmine a ciel sereno, una rivelazione dalla forza dirompente del mare in burrasca, e dalla grazia gentile di un fiore che sboccia. La piccola grande rivoluzione offerta dal team fondato da Mark Healey e Alex Evans ha saputo miscelare alla perfezione il sapore della tradizione platform con la potenza esplosiva delle nuove idee e degli ultimi ritrovati tecnici. Giocare, Creare e Condividere: un motto che racchiude la semplice filosofia alla base del titolo.
Adesso, ad un anno di distanza, i simpatici Sackboy, acclamati a furor di popolo come mascotte dell'ammiraglia Sony, ritornano alla carica, facendosi piccini piccini per entrare nella PSP.
La versione portatile del titolo, affidata alle sapienti cure dello Studio Cambridge, non solo non è una versione in scala ridotta del titolo originale, ma un prodotto dotato di vita propria che ne eredita le caratteristiche principali, pur con gli ovvi compromessi del caso.
L'Imagisfera
La trama è molto semplice, ma già dopo pochi livelli si dimostra decisamente furba: il capitolo PS3 ha destato il sognatore dormiente che si cela in ognuno di noi, ampliando a dismisura l'Imagisfera, ovvero il mondo della fantasia. Adesso è giunto finalmente il momento di festeggiare, magari organizzando un pomposo carnevale dove fare baldoria e darsi alla pazza gioia. Purtroppo però cinque dei “creativi creatori” migliori, a causa di misteriosi problemi, hanno rifiutato l'invito a parteciparvi; per far sì che il festival si riveli un successo c'è un assoluto bisogno della loro forza creativa e toccherà a noi convincerli a prendervi parte.
Il pretesto, semplice ma efficace, calza a pennello con l'impronta pseudo-fanciullesca propria del titolo e ci offrirà nuovamente l'occasione di andare in giro per il pianeta e visitare i luoghi più disparati, dall'antica Cina all'Australia, presentandoci l'occasione di rimpinguare il nostro set di adesivi e personalizzazioni raccogliendo i vari oggetti disseminati per il livello, o raggiungendo particolari obiettivi di gioco.
Play
Little Big Planet PSP - recensione - PSP LittleBigPlanet PSP è un platform a scorrimento orizzontale, dove il giocatore sarà chiamato a vestire i buffi panni di un piccolo pupazzo di pezza, il Sackboy, con il quale affronterà i trenta livelli ideati dagli sviluppatori per la modalità storia.
Il gameplay, il sistema di controllo e in generale tutti gli strumenti che ci aiuteranno nella progressione sono rimasti pressochè invariati rispetto a quanto visto sulla console maggiore: dovremo arrivare al termine del livello superando salti ed ostacoli, evitando insidie di ogni sorta, spremendoci le meningi per risolvere i mai troppo difficili enigmi ambientali. E poi afferrare oggetti e leve, o premere interruttori, azionando strani meccanismi e affrontando gli immancabili boss. La proposta ludica è soddisfacente e mai ripetitiva: i livelli costruiti dagli sviluppatori offrono spunti e situazioni nuove rispetto al capitolo PS3, seppur con una complessità strutturale meno pronunciata, e una certa semplificazione delle routine fisiche alla base del titolo. Tutto però passa in secondo piano grazie ad un tipo esperienza inusuale per una piattaforma portatile.
La meccanica di gioco è stata leggermente snellita, probabilmente per venire incontro ai limiti tecnici della piccola console, portando i piani di profondità da tre a due. Grazie a questo, e all'ottimo lavoro seguito ai vari feedback dell'utenza, le meccaniche automatiche del salto sono state affinate e rese più precise. Pur comunque richiedendo un breve periodo di adattamento, specialmente per prendere la giusta confidenza con il sensibile analogico, avremo la situazione sempre sotto controllo.
Impalcatura ludica a parte, il titolo confezionato dai ragazzi dello studio Sony Cambridge dimostra, comunque, sin dal filmato d'apertura di avere più di qualche debito nei confronti della versione originale, senza tuttavia cadere in una copia insipida, ma rivelando piuttosto una lucida ed intelligente rielaborazione dei contenuti che ha raggiunto il duplice scopo di mantenere l'ottima impostazione originale e di evitare un fastidioso senso di già visto che produzioni meno attente solitamente presentano.
L'unico vero difetto riscontrabile è l'assenza di una qualsivoglia modalità multigiocatore, a detta degli sviluppatori causata dai limiti dell'hardware PSP, che ne hanno impedito l'implementazione. Questa mancanza va purtroppo a colpire ed eliminare lo spirito cooperativo del titolo, una delle caratteristiche maggiormente apprezzate dell'intera produzione. Nonostante questo LittleBigPlanet PSP rimane un platform sincero e solido, atipico e divertente.
È il caso di chiarire che difficilmente i pochi detrattori del brand cambieranno idea con questa versione, ma in compenso tutti lettori che hanno già apprezzato ed amato l'esperienza offerta dal titolo PS3 non resteranno delusi, trovando nella produzione oggetto della recensione una sorta di continuum ludico del capolavoro simbolo dell'ammiraglia di casa PlayStation.
Create & Share
La caratteristica di base della filosofia del titolo è la modalità Crea, che pone nelle mani del giocatore un editor tanto malleabile quanto potente, adattato in maniera assai intelligente ai controlli del portatile. Le possibilità offerte da questo versatile strumento sono enormi, e dopo un utilissimo ed estremamente esplicativo tutorial, dove verremo portati dalla voce guida alla scoperta di tutti gli strumenti del mestiere che ci serviranno per dare vita alle nostre fantasie, potremo iniziare la nostra opera di creazione, partendo da zero o da uno dei modelli predefiniti. Il giocatore potrà sbizzarrirsi mettendo in piedi storie di tutti i tipi, creando livelli via via più complessi man mano che acquisterà esperienza, magari “rubando” idee e trucchetti con l'osservazione scrupolosa degli stage della modalità storia.
Va comunque detto che, mentre i conoscitori della versione PS3 si troveranno subito a loro agio, i lettori che si avvicineranno per la prima volta al mondo di LittleBigPlanet avranno bisogno di un po’ tempo per esplorare tutte le possibilità offerte dall'editor ed imparare i trucchi del mestiere. Con il giusto livello di attenzione non passerà troppo tempo prima di mettere in piedi il proprio terrificante castello degli orrori infestato da creature maligne, oppure un gioioso Luna-Park pieno zeppo di divertenti attrazioni: l'unico limite sarà infatti la sola fantasia del giocatore.
Scendendo più nel particolare, per dare forma alle nostre idee avremo a disposizione una vasta scelta di strumenti, tutti racchiusi nel comodo menù Pop-it, divisi in materiali, adesivi ed oggetti speciali quali argani, perni, viti, bulloni, checkpoint e molto altro. Imparate le prime nozioni di base potremo iniziare subito lavorare alla nostra futura opera, prestando però una certa attenzione al livello di complessità generale che farà crescere la temperatura di un termometro posto alla sinistra dello schermo. Questo, una volta riempito al massimo, non ci consentirà di aggiungere ulteriori elementi allo scenario. Fortunatamente riempirlo tutto non sarà un'impresa facile e richiederà anche una certa dose di bravura.
In definitiva l'editor è un notevole valore aggiunto, complesso da usare ma non difficile, che consentirà agli utenti più pazienti di creare livelli capaci di competere a testa alta con quelli ufficiali.
Se l'offerta si esaurisse con la creazione resteremmo un po’ delusi, ma fortunatamente tutto il tempo e la fatica spesa nell'editor non saranno utili solo come sollazzo personale.
Dopo aver giocato e creato viene infatti il momento di condividere le proprie opere con amici, parenti, conoscenti o con tutta la comunità di videogiocatori, caricandole sui server online. La condivisione dei contenuti è il perno sul quale ruota l'intera esperienza del brand, rendendo virtualmente infinita la longevità del titolo grazie alla possibilità di attingere all'inesauribile fonte di immaginazione dei fan sparsi per il globo.
La risposta della comunità online su PS3 è stata eccezionale, grazie alla pubblicazione di migliaia e migliaia di livelli. Dato che però il gioco in esame non è ancora uscito nei negozi non possiamo purtroppo dare un giudizio su questo importante aspetto (giustamente i server sono ancora vuoti), riservandoci però di darlo in futuro; tuttavia siamo pronti a dare fiducia anche a questa versione di Little Big Planet.

INVIA COMMENTO

Little Big Planet PSP

Disponibile per: PSP
Genere: Action/Platform
Sviluppatore: Media Molecule
Distributore: Sony Computer Entertainment
Pegi: 3+
Lingua: Tutto in Italiano
Data di Pubblicazione: 18/11/09
Little Big Planet PSP
9
8.5
8.5
9
111 voti
8.1
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Little Big Planet PSP: Discussione ufficiale 11 Post
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
diablo aka shadow
Dopo l'incredibile successo avuto su ps3 arriva un fantastico e coloratissimo porting per la console portatile Sony, Little Big Planet si fa piccolo, ...[Continua a Leggere]
9.5
wedoitbetter
Dopo un anno dall'uscita di Little Big Planet su PS3,i ragazzi di Studio Cambrige,assistiti dagli originali sviluppatori del tittolo ps3 di Media Mole...[Continua a Leggere]
9
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC - Partita Iva :05619350720
Link Utili: Redazione | FAQ | Contatti | Lavora | Adv | Partners
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD