Videogiochi, Cinema, Serie Tv e Tecnologia
Prinny 2: Dawn Of Operation Panties, Dood! > Recensione
9 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Prinny 2: Dawn Of Operation Panties, Dood! - Recensione

Inviato il da Lorenzo "Kobe" Fazio
Tra le tante perle nascoste di una Line-Up non sempre popolarissima, Prinny: Can I really be the Hero? è uno dei titoli Playstation Portable che, valicati a sorpresa i confini della patria, ha saputo farsi amare da un fedelissima nicchia di Hardcore Gamer ultraconservatori. Lo spin-off di Disgaea era di fatto dominato da una giocabilità che definire Old School sarebbe riduttivo. Rigidissimo nelle meccaniche di gioco, senza alcuna pietà nel perdonare le distrazioni, questo insolito Platform ha saputo ammaliare una buona parte del suo pubblico mentre ha mandato al manicomio l’altra.
Oggi, i Prinny sono nuovamente chiamati all’azione. Pronti a impazzire una seconda volta con Dawn Of Operation Panties, Dood!?
Pinguini catatonici e mutandine
Prinny 2 - recensione - PSP In questo spin-off NIS non si è solo preoccupata di trasportare personaggi e ambientazioni della saga principale. Fortunatamente non ha dimenticato un altro fattore che rende grande Disgaea: l’ironia. La conosciutissima e sadica Etna, Demond Lord dell’infernale regno di Netherworld, ha un problema di una certa urgenza: ha smarrito le sue mutandine. Più che smarrite, ad essere esatti, sono state rubate. Ma quale perverso e pazzo essere può mai essersi messo contro la terribile Etna? Al demone poco importa del chi e del come: vuole solo rientrare in possesso del suo prezioso capo d’abbigliamento, e per farlo ha deciso, ancora una volta, di (ab)usare il suo sacrificabile esercito di Prinny. Questi esseri, corpo da pinguino, ali da pipistrello e muniti di due gambe di legno, sono la reincarnazione degli umani che hanno condotto una vita da ladruncoli e criminali da quattro soldi. Dannati, insomma, ma pur sempre di serie B. Puniti non solo per la loro condotta morale, ma anche per la loro inettitudine nel percorrere fino in fondo le vie del male, i Prinny conducono vite insulse in corpi ridicoli e devono anche rispondere direttamente alle necessità e ai capricci di Etna. Se nella prima avventura gli era stato ordinato di recuperare gli ingredienti per il dessert definitivo, poco a sorpresa questa volta gli verrà chiesto di reperire il prezioso intimo.
La trama, visto anche il genere di appartenenza, è estremamente meno invasiva rispetto agli episodi di Disgaea, ma non perde un grammo della sua ironia. I dialoghi, ancora una volta, sono comici al punto giusto, mentre le poche espressioni facciali dei Prinny sapranno sempre strapparvi qualche risata. Certo, per godere appieno del Plot dovrete conoscere l’inglese, ma il livello di compressione richiesto non è alto e assaporare ogni battuta strampalata non è per nulla complicato.
Alla ricerca della biancheria smarrita
Ma se c’è poco da obbiettare in merito alla trama, il discorso diventa più difficile quando si passa a parlare del gameplay.
Prinny 2: Dawn Of Operation Panties, Dood! abbandona lo stile da RPG strategico della serie principale, per abbracciare il genere dei platform in 2D. Lo fa non solo sposando la causa con convinzione e dedizione, ma costringendo il giocatore a confrontarsi con un gioco difficile, estremamente pretenzioso, quasi frustrante.
L’avventura si compone di diversi livelli, dieci ad essere esatti, da attraversare guidando il Prinny di turno tra millimetrici salti da piattaforma in piattaforma e nemici da eliminare sfruttando la coppia di spade in proprio possesso. Le mosse a disposizione sono più o meno classiche. Si salta, si sfoderano le spade, si esegue una mossa volante capace di colpire a breve distanza, si effettua un attacco al suolo utile per stordire gli avversari e attivare determinati pulsanti. Oltre a queste azioni, i Prinny potranno contare su una mossa elusiva, fondamentale per scampare a morte certa, ma da dosare con estrema attenzione, visto che, abusandone, può causare lo stordimento temporaneo dell’avatar.
Il gameplay generale, insomma, è piuttosto classico. Si salta spesso, si affetta con frequenza ancora maggiore e alla fine del livello ci si preoccupa di abbattere il boss di turno, in scontri che necessiteranno prima di tutto un attento studio dei pattern di attacco dell’avversario e una ricerca del momento migliore per scatenare la propria controffensiva. A impreziosire ulteriormente questa formula ci pensano alcuni elementi di contorno. Innanzi tutto avrete a vostra disposizione una barra che, colpendo a più non posso i nemici, tenderà a riempirsi. Raggiunto il limite massimo, attiverete una sorta di "berserkr mode" dove, oltre a causare danni doppi, verrete premiati con uno scudo che vi proteggerà fino a quando non verrete colpiti. Secondariamente Prinny 2: Dawn Of Operation Panties, Dood! mette a disposizione dei videogiocatori un gran numero di oggetti da trovare sparsi nei livelli. La componente esplorativa non è così sviluppata come potrebbe sembrare, visto che i livelli sono quasi del tutto privi di strade secondarie, ma ciò non ha comunque impedito agli sviluppatori di inserire item più o meno nascosti da reperire, utili non solo a completare il gioco al cento per cento, ma anche per rendersi la vita, un pelo, più facile.

INVIA COMMENTO

Prinny 2

Disponibile per: PSP
Genere: Action RPG
Sviluppatore: Nippon Ichi Software
Pegi: 12+
Lingua: Tutto in Inglese
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione: 15/12/2010
Prinny 2
8
7
7
8
20 voti
7
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD