Videogiochi, Cinema, Serie Tv e Tecnologia
Un'ora in compagnia del racing game open world!
Shift Extended > Recensione
9 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Shift Extended - Recensione

Inviato il da Lorenzo "Kobe" Fazio
Creare un puzzle game originale e funzionale è pratica sempre più difficile. Fortunatamente, il genere non sembra conoscere crisi visto che anche l’attuale generazione di console ha saputo regalarci diversi titoli assuefacenti e dal gameplay tanto semplice da apprendere quanto profondo. Solo tenendo conto della PSP si possono tranquillamente fare i nomi di Echochrome, Echoshift, Exit e Lumines. Anche in un panorama tanto affollato c’è chi continua a trovare idee semplici e geniali, capaci di sorreggere e dare vita a un appassionante puzzle game. Oggi è il turno di Shift Extended, Minis disponibile su PSP e PS3 scaricabile al prezzo di 3.99 € direttamente dal PSN.
Bianco o nero? Shift!
Il concetto alla base di questo titolo è estremamente semplice. Nell’avventura impersonerete i panni di Soggetto 12378, né più né meno che una cavia da laboratorio, imprigionato da chissà chi e costretto a sopravvivere attraversando illeso 120 stanze piene zeppe di punte acuminate e mortali, piattaforme da raggiungere con un salto ben calcolato e, ovviamente, ostacoli da superare con il supporto della materia grigia.
Il tono dell’avventura è piuttosto particolare, grazie a un impianto grafico-sonoro che commenteremo in seguito e a tutta una serie di didascalie che occupano lo schermo, utili per fornirvi indizi e dal tono piuttosto ironico. Tuttavia la caratteristica fondamentale di Shift è un'altra. Ogni livello infatti, si presenterà caratterizzato unicamente da due colori: il bianco e il nero. Dopo un paio di schemi, vi accorgerete immediatamente che è impossibile raggiungere l’uscita contando unicamente sulla capacità di saltare dell’avatar. Ecco allora che giunge in vostro aiuto l’abilità Shift. Premendo uno dei due trigger, cambierete il colore del Soggetto 12378, ruotando completamente il mondo di gioco. Ciò significa che ciò che prima si trovava in alto, dopo sarà in basso e che le salite diventeranno discese. Inoltre se il vostro avatar sarà nero, potrà attraversare solo le sezioni bianche e viceversa.
Come accade spesso nel mondo dei puzzle game, questa semplice idea si rivela geniale e sufficientemente elastica da permettere la creazione di livelli dal design complesso e articolato.
Ma non è tutto. Non solo dovrete preoccuparvi di utilizzare lo Shift per evitare le punte mortali o per raggiungere piattaforme altrimenti inaccessibili, ma nella maggior parte dei livelli sarete chiamati a recuperare determinati oggetti necessari per raggiungere la porta d’uscita. Questi sono divisi in tre gruppi. Il primo vi permetterà di eliminare, o spostare, dei blocchi contrassegnati da un lucchetto. Il secondo trasformerà sezioni bianche in nere e viceversa. I terzo, infine, farà scomparire i così detti blocchi anti-shift. Al di là delle pareti della stanza, infatti, non potrete effettuare lo shift su questi blocchi appena citati, che andranno per l’appunto eliminati raccogliendo lo specifico emblema.
Il gameplay è insomma sufficientemente intrigante, ma vanno fatte alcune precisazioni in merito. Innanzi tutto, nonostante l’impostazione profondamente indirizzata verso i lidi del genere dei puzzle game, Shift Extended presenta una componente platform più sviluppata di quanto sia lecito aspettarsi. In più di un’occasione infatti, vi verrà chiesto di muovervi con tempismo perfetto o di effettuare salti estremamente precisi. Purtroppo alcuni livelli pretendono troppo, scontrandosi con un sistema di controllo limitato e non precisissimo. Si badi bene: non parliamo di situazioni catastrofiche, ma in un paio di stanze faticherete più del dovuto a causa di scelte di design che vi costringeranno a provare e riprovare decine di volte un salto che proprio non vi riuscirà.
Anche la componente puzzle non è esente da difetti. Questi, in realtà, si riducono ad un unico problema di difficoltà di fondo. Ogni livello, infatti, è superabile in una manciata di secondi. Scoperto il primo oggetto raggiungibile, infatti, il resto dell’enigma si risolve quasi da solo, visto che vi sarà sufficiente raggiungere l’area appena resa disponibile per sbloccare la successiva e così via, fino alla porta. Difficilmente il design dei livelli si spinge a proporvi qualcosa di più intricato e complesso, capace di costringervi ad un’attenta analisi prima che all’azione istintiva.
Ad attenuare questa tesi ci pensano alcuni schemi, soprattutto gli ultimi, davvero intricati ed impegnativi e una filosofia di fondo che spinge il videogiocatore a superare il più velocemente possibile ogni stanza per ottenere un buon punteggio.
Tirando le somme, il gameplay è affascinante e fa perno su una meccanica intrigante e riuscita. Purtroppo, alcuni difetti legati al sistema di controllo e a una certa facilità di fondo, non rendono Shift Extended un titolo perfetto, ma il divertimento è comunque garantito.
Come già anticipato prima il titolo punta su uno stile grafico dominato da campiture unicamente bianche o nere, con l’avatar rappresentato da un essere umano estremamente stilizzato e mosso da un paio di animazioni. Lo stile è insomma minimalista, piacevole e estremamente leggibile. L’unica nota di colore è rappresentata da alcuni schizzi rossi che accompagneranno la morte del nostro nel caso finisca schiacciato o cada rovinosamente sulle punte.
Anche il sonoro è ili meno invasivo possibile. Un solo tema vi accompagnerà in ogni livello, con una musicalità da detective story Anni '40, che caricherà ancor più di mistero la debole trama del gioco.
Parlando di longevità, 120 livelli non sono pochi, ma la maggior parte non vi intratterrà per più di una manciata di secondi. Comunque sia non ve la caverete con meno di tre, quattro ore.
Shift Extended è un gioco affascinante e sicuramente divertente. Purtroppo non raggiunge l’eccellenza a causa di qualche difetto imputabile al level design, ora troppo pretenzioso nelle sue fasi platform, ora troppo semplice in quelle puzzle. Del titolo esiste una versione estremamente più semplificata nel web, chiamata solo Shift, assolutamente gratuita. Testarla può essere un buon sistema per capire se è il gioco che può fare per voi. Il prezzo è piuttosto contenuto e il divertimento è assicurato, ma non aspettatevi un puzzle game definitivo.
VOTOGLOBALE7
Lorenzo "Kobe" Fazio ama il basket, o per meglio dire i Los Angeles Lakers, l’Hip Hop e il teatro. Dopo aver rincorso la carriera del finto regista, dal 2007 si spaccia anche per finto esperto di videogiochi scrivendo su Everyeye.it. Lo appassionano le belle storie e gli stili visivi ricercati. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

INVIA COMMENTO

Shift Extended

Disponibile per: PSP | PS3
Genere: Puzzle Game
Sviluppatore: Armor Games
Pegi: 12+
Lingua: Tutto in Italiano
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione: 25/01/2011
Shift Extended
7
7
7
7
18 voti
6.8
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD