Playstation Vita: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
ModNation Racer: Road Trip > Recensione
19 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

ModNation Racer: Road Trip - Recensione

Inviato il da Lorenzo "Kobe" Fazio
Negli anni sono stati innumerevoli i tentativi di rubare il trono a Sua Maestà Mario Kart, sovrano dei kart race. Diversi brand e mascotte, tra cui l’indimenticato Crash Bandicoot, si sono via via dedicati a questo sotto-genere, nella speranza di rompere definitivamente la dittatura imposta dalla saga Nintendo.
Pur con qualche risultato assolutamente soddisfacente, come lo è stato circa un anno fa Sonic & Sega All Stars Racing, il metro di paragone resta sempre lo stesso. Eppure c’è una saga che non senza qualche incertezza si sta guadagnando uno spazio tutto suo. Stiamo parlando, ovviamente, di ModNation Racers. Saga nata nel 2010 in seno alla PS3 e immediatamente traghettata su PSP, aggiungeva alle classiche meccaniche di Mario Kart l’inedita possibilità di creare nuove piste, macchine e piloti. L’idea era chiaramente derivata da Little Big Planet e sebbene tutt’altro che esenti da difetti, entrambi i capitoli seppero fare la felicità di chi ne decise l’acquisto.
Ideale ed estremamente affine al concetto di portabilità, ModNation Racers non poteva certo mancare il lancio della PS Vita. Roadtrip riesce a sfruttare a dovere tutte le feature della console? Eguaglia i buoni risultati raggiunti dai capitoli precedenti?
 
Non un Mario Kart, ma quasi
Come anticipato ModNation Racers Roadtrip è un gioco di corse estremamente arcade, nel quale, grazie a potenti editor, è possibile creare da zero nuove piste, kart e piloti.
Il gameplay della produzione, pur non discostandosi di un millimetro dai precedenti episodi, si rivela divertente, funzionale e impensabilmente profondo.
Gli ingredienti principali per un buon kart racing ci sono tutti.
Innanzi tutto il sistema di controllo si rivela ben calibrato e preciso. Lontano dai tecnicismi di un gioco simulativo, ma non per questo dozzinale e eccessivamente permissivo, risulta estremamente malleabile. Sa venire incontro alle inferiori abilità del videogiocatore più occasionale, ma riesce comunque a premiare chi ha più esperienza e intende spingere al limite le possibilità prestazionali del kart di turno. La levetta analogica sinistra, deputata allo sterzo, risponde come sperato, non facendo rimpiangere il Dualshock della PS3, né tanto meno lo stick della PSP.
Dal canto suo, anche l’I.A. dei sette avversari controllati dalla CPU rispetta questa dualità insita nel gameplay. Ai livelli di difficoltà più bassi sono poco arcigni e sfruttano raramente i bonus raccolti. Via via che le competizioni si fanno più ambite però, tutto diventa più complesso e imprevedibile.
Non mancano, ovviamente, le derapate. Come ormai abituati da una lunga tradizione, impratichirsi nell’uso di questa tecnica automobilista è l’unico modo possibile per affrontare le curve senza perdere eccessivamente velocità.
Presenti anche i power-up, sottoforma di collezionabili da prendere al volo lungo i tracciati. Anche in questo caso ModNation Racers: Roadtrip non si discosta di molto da Mario Kart: si va dai classici incrementatori di velocità, passando per le sfere di fuoco con cui incendiare gli avversari. Tuttavia, volendolo, sarà possibile accumulare fino a tre bonus per volta, al fine di potenziarne progressivamente gli effetti. Sfruttare intelligentemente e con raziocinio questa feature può portare immensi benefici e ribaltare completamente l’andamento della gara.
Altra importantissima caratteristica del gioco è la barra che vi ritroverete nell’estrema destra dello schermo. Questa si riempirà ogni volta che effettuerete una derapata, vi esibirete in acrobazie durante i salti, colpirete un avversario con una sportellata attivabile con l’analogico destro o deciderete di sacrificare un power-up appena raccolto. Per svuotarla avrete due possibilità: o sfruttare un incremento di velocità, o difendervi grazie a uno scudo che vi preserverà dai malus lanciati dagli avversari. Questa possibilità di scelta crea un’interessante, per quanto pallida, componente tattica. Sebbene la tentazione di svuotare completamente la barra in un unico e potente boost sia forte, restare senza scudo a un centimetro dal traguardo e con un missile alle calcagna è caldamente sconsigliato.
Il gameplay insomma, per quanto arcade, fa rima con profondità. Tuttavia ogni sforzo in questo senso sarebbe assolutamente vano senza un design delle piste all’altezza. Fortunatamente tutto fila liscio come l’olio anche in quest’ambito. Pur non raggiungendo la magnificenza e perfezione di un Mario Kart, ModNation Racers: Roatrip si dimostra coraggioso e puntuale quanto basta. Tutte le piste danno modo di divertirsi tra derapate e salti chilometrici. Presenti in quantità abbondanti elementi dello scenario dinamici, che vivacizzano ulteriormente la situazione e vi costringono a fare estrema attenzione in ogni istante se non si vuole finire sotto un masso o giù per una scarpata. Inoltre si è spinti a fare un largo uso di scorciatoie e strade alternative, cosa che regala varietà ad ogni gara e permette un’alta rigiocabilità.
La parte racing del gioco è quindi convincente. Manca un pizzico di coraggio nel design dei tracciati e una feature davvero capace di innovare le meccaniche del genere, ma ciò che andrete a giocare e vivere saprà regalarvi tanto divertimento e diverse ore di intrattenimento.
Un bel pennello, ma poco sensibile
ModNation Racer: Road Trip - recensione - PS Vita Riuscita, ma con riserve, anche la parte legata al “Crea & Condividi”.
L’editor sorprende per la quantità di dettagli che è possibile modificare e per l’intelligenza con cui sfrutta efficacemente entrambi i touch-screen di cui è dotata la PS Vita.
Creare il proprio pilota significa scegliere la texture da applicare alla pelle, la forma degli occhi, tipo e colore dei capelli, creargli un guardaroba consono e divertirsi a selezionare numerosi adesivi da appiccicarli addosso. Un discorso simile può essere fatto per il kart, con alettoni, motori e volanti a sostituire le parti anatomiche.
Sebbene i vari elementi vengano scelti a partire da elenchi prefissati, che andranno via via ingrossandosi in relazione alle vittorie che otterrete, la libertà offerta è più che soddisfacente. Con sufficiente pazienza e senso artistico potrete dare vita a dei Master Chief al volante di qualcosa di molto simile a una Batmobile o a dei Super Mario con tanto di super-car in stile nipponico.
Anche l’editor delle piste soddisfa in pieno. Vi basterà tracciare con il dito la conformazione del circuito per gettare le prime basi del vostro lavoro. In seguito, utilizzando le tante voci del menù, potrete inserire salti, power-up, respingenti e quant’altro per renderla più viva e complessa. Grande attenzione è stata data anche agli elementi di contorno: sfruttando in combinazione i due touch-screen creerete rilievi, laghi, spalti su cui far sedere il pubblico e così via. Per i più pigri è stata inserita un’opzione per affidare buona parte di queste operazioni al software, che genererà in via casuale tutti gli elementi necessari per dare un minimo di carattere alla pista.
Purtroppo non tutto è perfetto. Il touch-screen frontale infatti, si rivela inspiegabilmente impreciso. Non si tratta di un limite della console in sé, la cui accuratezza è stata ampiamente dimostrata, quanto di uno sviluppo imperfetto. Dovrete toccare più di una volta un’icona per selezionarla e nelle delicate manovre di perfezionamento dei vostri capolavori, potrete faticare non poco quando vi occuperete dei dettagli più piccoli. Fortunatamente la situazione non è tragica come potrebbe apparire, ma è una sbavatura che mai ci saremmo aspettati in un titolo first-party, per quanto macchiato da comprensibili peccati di gioventù essendo un titolo che accompagna il lancio della console.
Esattamente come accadeva nell’episodio per PS3, ogni creazione potrà essere condivisa con tutti gli altri utenti sfruttando la connessione a internet. Come ovvio a vostra volta potrete osservare, valutare e scaricare sulla console i contenuti creati da altri, contemplando anche il catalogo generato sfruttando l’episodio per la console casalinga di Sony.
Nonostante la sbavatura nei controlli quindi, anche la parte relativa alla creazione e condivisione dei contenuti può dirsi piuttosto riuscita.
Un altro grosso difetto del gioco è l’assenza del multiplayer online. Se in locale è possibile sfidare altri tre amici, l’unico surrogato di gioco in rete è rappresentato dalla Prova A Tempo che confronta i vostri risultati con quelli fatti registrare da tutti gli altri giocatori del mondo. Il guaio è che senza una costante connessione a internet non potrete inviare il tempo registrato, limitando di molto le potenzialità della modalità.
Chiudono il cerchio dei limiti di ModNation Racers: Roadtrip i lunghissimi tempi di caricamento. Piaga che già affliggeva la PSP, anche su PS Vita la patologia non sembra essere stata debellata. Per caricare una pista i tempi non scendono mai sotto i trenta secondi, svilendo in parte le ambizioni portatili della produzione.
Graficamente il gioco si difende piuttosto bene, nonostante dei fastidiosi rallentamenti che si presenteranno puntuali nelle situazioni più concitate. Nonostante ciò lo spettacolo offerto è più che soddisfacente. Le ambientazioni sono vive e piene di dettagli, mentre i modelli poligonali risultano ben animati e dotati di un buon numero di poligoni.
Si difende anche il sonoro, pur non impressionando. Azzeccati gli effetti sonori e orecchiabili le musiche. Ciononostante giocare con o senza audio non farà tutta questa differenza.
Controverso il discorso da fare sulla longevità. ModNation Racers: Roadtrip ha sicuramente molto da offrire all’utenza. I circuiti e le competizioni sono molte, così come tantissimi sono gli oggetti da sbloccare per l’editor. Tuttavia la mancanza del multiplayer online e di una modalità alternativa alla Carriera e alla Prova A Tempo si sente e non poco. Ci si diverte, certo, ma a meno che non si scarichino di continuo tracciati creati da altri, la noia sopraggiungerà relativamente in fretta.
ModNation Racers: Roadtrip è indubbiamente un titolo più che degno di accompagnare la PS Vita al suo debutto europeo.
Il sistema di controllo è preciso e affidabile, mentre il design delle piste è sufficientemente accattivante e coraggioso. Anche la parte legata alla creazione e condivisione è ben realizzata e permette di dare sfogo alla creatività di chiunque abbia sufficientemente voglia e capacità artistica.
Peccato per alcune sbavature, come l’assenza del multiplayer online e la relativa imprecisione dei controlli via touch-screen, che macchiano pesantemente un quadro altresì esente da particolari rimproveri.
In definitiva il titolo è sicuramente consigliabile ha chi è alla ricerca di un racing arcade, ma impegnativo al punto giusto. Ciononostante non si tratta di un prodotto perfetto, né tanto meno eterno.
VOTOGLOBALE7.5
Lorenzo "Kobe" Fazio ama il basket, o per meglio dire i Los Angeles Lakers, l’Hip Hop e il teatro. Dopo aver rincorso la carriera del finto regista, dal 2007 si spaccia anche per finto esperto di videogiochi scrivendo su Everyeye.it. Lo appassionano le belle storie e gli stili visivi ricercati. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

INVIA COMMENTO

ModNation Racer: Road Trip

Disponibile per: PS Vita
Genere: Racing Game Arcade
Sviluppatore: San Diego Studios
Distributore: Sony Computer Entertainment
Pegi: 7+
Lingua: Tutto in Italiano
M. Offline: Multiplayer offline fino a 4 Giocatori - SystemLink
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione: 22/02/2012
ModNation Racer: Road Trip
7.5
7.5
6.5
6.5
13 voti
6.6
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
ModNation Racer: Road Trip: Elenco Topic Ufficiali
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD