Nintendo Wii: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
I ragazzi di Nvidia presentano il nuovo Shield Tablet
Calling > Recensione
0 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Calling - Recensione

Inviato il da Adriano Della Corte
Possiamo tranquillamente affermare che il filone del survival horror sia uno di quelli che sulla console Nintendo Wii ha goduto di un'esposizione più che soddisfacente, con produzioni che toccano diverse sfumature: da quelle action del remake di Resident Evil 4, alle trame psicologiche di Silent Hill Shattered Memories, a quelle più velate ma non meno terrorizzanti del nipponico Fatal Frame 4. Il poter utilizzare il puntatore del Wiimote come torcia per illuminare l'oscurità è ormai un espediente ricorrente e collaudato in queste produzioni, che riusce a dare quel pizzico di immedesimazione in più, da non sottovalutare per il comparto ludico di questi titoli.
Anche Hudson scende in campo, scegliendo il genere "Japan Horror Movie" per il suo Calling, titolo che sfrutta i tagli registici e le alcune delle tematiche presenti in film cult come The Ring, Ju-On e The Call, per creare un gameplay fatto di ambientazioni buie, anime in pena e cellulari capaci di farci comunicare con entità occulte.
 
La Pagina Nera
Quella della "Pagina Nera" sembra essere una delle tante leggende metropolitane legate al mondo della superstizione e dell'occulto: si dice che chi la visiti possa venire in contatto con il mondo dei defunti. Ad accendere gli interessi su questa webpage, che si presenta con una semplice schermata nera, un contatore delle visite ed una chat room, ci si mette poi una serie di decessi avvenuti in circostanze misteriose, in cui tutte le vittime prima di morire sembra che abbiano visitato pagina in questione. Una sera, quattro persone si ritrovano in quella chat room, incuriositi dalle strane voci che circolano a riguardo: Shin è il classico Otaku, interessato al mondo dell'occulto; Chiyo è un'anziana donna che non si è assegnata alla morte di suo marito, e spera di poterlo rivedere attraverso la Pagina Nera; Makoto è un giornalista che decide di fare luce sul mistero, dopo che un suo collega è morto proprio investigando sulla strana web page, e poi c'è Rin, una ragazza che è alla ricerca di una persona conosciuta su internet, che doveva incontrare 6 anni prima, ma che per cause estranee a lei non ha potuto veder di persona e spera che la Black Page la possa aiutare.
Tutto sembra tranquillo, la Pagina Nera sembra rivelarsi solo un bluff, ma ad un certo punto a tutti e quattro i visitatori squilla il cellulare, nella chat room entra una misteriosa entità, e poi il buio...
Incomincia per Rin, e per le altre tre persone coinvolte, un incubo senza fine, intrappolate in un limbo in cui la vita e la morte si confondono, e dove misteriose presenze non attendono altro che portarci precocemente verso al fine della nostra esistenza.
Una chiamata dall'inferno
Calling - recensione - Wii Risvegliati in un quella che sembra una dimensione alternativa, l'Abisso Mnemonico, il nostro scopo sarà quello di esplorare le varie zone di questa malsana realtà, nel tentativo di cercare una via di fuga che ci riporti a casa sani e salvi. Muovendoci con lo stick analogico, ed aiutandoci con una torcia che farà un po' di luce nel buio che ci circonda, potremo esaminare le stanze, aprire porte ed dare un'occhiata agli oggetti intono a noi, utilizzando la visuale in prima persona. Le ambientazioni dell'Abisso sono quelle classiche del genere horror: una scuola, un ospedale, una casa piena di bambole giapponesi, in cui potremo muoverci per esplorare gli ambienti e trovare elementi utili alla nostra fuga. Durante il gioco il puntatore del Wiimote ci avviserà di un oggetto esaminabile attraverso la comparsa di alcune icone, come una lente d'ingrandimento per gli oggetti che potremo analizzare più da vicino, o una mano che starà ad indicare che lo sportello di un mobile o l'anta di una potrà essere aperta, muovendo il Wiimote nella giusta direzione.
Altro strumento a nostra disposizione sarà il cellulare. Grazie ai telefonini che troveremo praticamente all'inizio di ogni stage, potremo ricevere le inquietanti telefonate degli spiriti che infestano l'Abisso Mnemonico, trasmessi attraverso lo speaker del telecomando Wii. Saremo anche in grado di registrare i "rumori bianchi" presenti in alcune zone per scoprire messaggi nascosti, scattare foto, e usare la peculiare caratteristica di trasportarci da un'area all'altra dell'Abisso, chiamando i numeri di telefono che troveremo su appunti e diari che raccoglieremo nella nostra esplorazione.
Calling, nell'essere un titolo prettamente horror, utilizza alcuni espedienti per far salire il pathos durante le partite. Molto spesso ci verrà chiesto di osservare cosa si cela dietro una porta attraverso uno spiraglio, e non saranno risparmiati colpi di scena improvvisi; ancora, in alcuni momenti di grande tensione, non ci verrà data la possibilità di muoverci, ma solo di ruotare lentamente la visuale attraverso il puntatore del telecomando, per scoprire improvvisamente che dietro di noi si cela, ad esempio, un uno spettro. Quando incontreremo uno spirito ostile, questo ci assalirà letteralmente: quello che dovremo fare è scuotere il telecomando Wii fino a quando il fantasma mollerà la presa e scomparirà. Più tempo impiegheremo, più il nostro terrore salirà, rappresentato da un elettrocardiogramma nell'angolo in alto a sinistra dello schermo. Ci verrà data anche la possibilità di fare un "one shot" durante il combattimento: premendo il tasto A con il giusto tempismo, quando l'icona del tasto lampeggerà sullo schermo, potremo liberarci dello spettro senza che la nostra barra della salute subisca modifiche. Se riusciremo a debellare la minaccia ectoplasmatica, il nostro status si normalizzerà, ma se il "paurometro" raggiungerà i livelli massimi, purtroppo moriremo e sarà Game Over.
Il titolo si dipana in diversi capitoli, con molteplici fili narrativi che si intrecciano; il giocatore avrà l'occasione di impersonare più di un personaggio, scoprendo così lentamente le storie che hanno portato queste persone a contattare la Black Page.

INVIA COMMENTO

Calling

Disponibile per: Wii
Genere: Survival Horror
Sviluppatore: Hudson Soft
Pegi: 12+
Lingua: Tutto in Italiano
Data di Pubblicazione: 18/03/2010
Calling
6
5
5.5
4
45 voti
4.9
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Calling: Elenco Topic Ufficiali
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC - Partita Iva :05619350720
Link Utili: Redazione | FAQ | Contatti | Lavora | Adv | Partners
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD