Nintendo Wii: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
The Last Story > Recensione
80 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

The Last Story - Recensione

Inviato il da Fabio "Il pazzo" Canonico
La storia della serie di Final Fantasy la conosciamo più o meno tutti: in un periodo di grandi difficoltà economiche per l’allora Squaresoft, un game designer di belle speranze, Hironobu Sakaguchi, ed il suo team di sviluppatori, affidarono ad un unico titolo le speranze dell’azienda, ben sapendo che dal suo successo sarebbe dipeso il loro futuro. La fantasia finale; quell’ultimo sogno che paradossalmente poi fu replicato altre dodici volte, dando vita ad una delle serie più iconiche del genere videoludico. Sakaguchi è però ormai da tempo estraneo a quella fantasia che egli aveva contribuito a creare e che l’ha reso una persona dal prestigio assoluto. Col decimo episodio di Final Fantasy concluse il suo rapporto lavorativo con Square, per dedicarsi ad altro, probabilmente cercando di trovare altrove gli stessi stimoli e la stessa passione che gli avevano reso possibile la realizzazione di un’opera così incredibile.
Tra collaborazioni, ruoli mai troppo chiari ed il rapporto con un’industria che difficilmente lo riusciva a vedere come altro che il creatore di Final Fantasy, ha avuto non poche difficoltà. Ed ecco forse che possiamo affermare, in maniera pressoché certa, che è The Last Story il suo vero ritorno sulle scene, il nuovo parto di un uomo geniale che probabilmente ha avuto bisogno di respirare aria nuova per ossigenare una mente così fervida e capace. Su The Last Story Sakaguchi ha messo la faccia, fin dalla copertina del gioco, rivendicandone la paternità ed affermando fortemente la distanza dall’ormai per lui innominabile serie, suo più grande successo ma allo stesso tempo pesantissimo fardello, in un mondo che è infinitamente più conservatore di quello che vorrebbe mostrare.
La volontà di rompere con questi tradizionalismi è evidente in un titolo che porta ben impressa la concezione del suo creatore, ed è necessario quindi rispettarla. Accettando questa “dichiarazione d'intenti” intendiamo aprire l’analisi: una premessa necessaria ma che non ci farà venire meno al nostro dovere.
 
Raccontami una storia
The Last Story - recensione - Wii Hironobu Sakaguchi vuole raccontarci una storia, prima di tutto: una storia che ci narra di come un assortito gruppetti di mercenari si metta al servizio del conte di Lazulis, splendida e pacifica isola, baluardo di un impero continentale una volta diviso da lotte intestine ed ora finalmente sereno, seppur per merito non di capaci diplomatici ma di un tremendo potere nascosto. Ed ecco, come nella più classica delle favole, che uno dei mercenari, il generoso ma un po’ indeciso Zael, fa conoscenza di una misteriosa ragazza, nel bel mezzo di una notte di festa illuminata da una serie di pirotecnici fuochi d’artificio. Un incipit più che mai classico, un primo segnale di una storia che avrà nell’amore, evidentemente, il suo primo ma non unico motore.
C’è poi, infatti, un’altra storia, secolare, lascito di un’epoca tormentata dalla guerra, ormai dimenticata da tutti, ma che potrebbe essere sul punto di tornare. La storia di due razze in lotta da secoli, figlie però di un passato comune. Ed allora, senza voler entrare nei dettagli del plot, è prevedibile che queste due vicende s’intersechino, col prevalere ora della prima ora della seconda componente. Sullo sfondo, poi, un mondo morente, i cui frammenti pallidi e polverosi vengono sollevati dal vento e portati in giro, ammirati come se fossero petali di ciliegio, ma tristissimi presagi di un incombente deperimento.
Quelli che ci troveremo davanti sono temi decisamente classici, ma narrati con una poetica inconsueta, una non comune delicatezza, una precisione che non viene mai meno neppure quando le vicende del gioco sembrano allontanarsene, proponendo avventure particolari o piacevoli diversivi. E’ chiaro lo sforzo nel voler trasmettere qualcosa, nel coinvolgere il giocatore in un racconto che non deve mai annoiarlo. La trama è sempre “onesta” con lui, evitandogli il tedio di seguire complicate evoluzioni e decifrare pretestuose soluzioni. La componente narrativa ha un ruolo fondamentale, accompagnando sempre il fruitore, legandosi saldamente al gameplay, anzi rendendosi ad esso siamese, nascondesi dietro di esso o sopravanzandolo, a seconda del momento. Un equilibrio che regge praticamente sempre, sebbene alcune volte si perda. Nel momento in cui, ad esempio, una serie troppo folta di sequenze animate spezza la progressione all’interno di una determinata area di gioco. E’ infatti ad esse che ci si affida maggiormente per perseguire lo scopo narrativo, simili ad un genitore che tiene per mano un bambino: certe volte ce n’è davvero bisogno, altre quella mano la si poteva tranquillamente lasciare. Allo stesso scopo servono le magnifiche sequenze in FMV, allo stato dell’arte e massima espressione di quanto tecnicamente possibile su Nintendo Wii. Queste scene, presenti in minor numero, sono ottime per regia, perfette nel sottolineare i momenti di maggior enfasi all’interno del racconto.
The Last Story ha un’anima fulgente, magari alcune volte ingenua, ma di quella genuinità che è difficile trovare ormai in simili produzioni. I dialoghi si fanno chiari, spontanei, eppur estremamente curati, i personaggi certo un po’ stereotipati ma comunque credibili, caratterizzati in maniera ottima, presentandone gli aspetti particolari come tutto sommato umane inclinazioni. Alcuni di essi saranno memorabili per molti, così come lo saranno alcuni degli episodi minori, quelli slegati dalla trama ma che contribuiscono molto ad innalzare la bellezza della storia.

INVIA COMMENTO

The Last Story

Disponibile per: Wii
Genere: J-RPG
Sviluppatore: Mistwalker
Distributore: Nintendo
Pegi: 16+
Lingua: Inglese con Sottotitoli in Italiano
M. Online: Multiplayer online fino a 8 Giocatori
M. Cooperativa: Multiplayer Cooperativa Online
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione: 24/02/2012
The Last Story
9.5
8
9
8.5
36 voti
8.1
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
noctis94
finito bello ma si poteva fare meglio soprattutto sul fattore longevit alla parola fine il cronometro diceva 19 ore appena comunque vediamo di fare q...[Continua a Leggere]
9
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC - Partita Iva :05619350720
Link Utili: Redazione | FAQ | Contatti | Lavora | Adv | Partners
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD