XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Alan Wake > Recensione
0 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Alan Wake - Recensione

Inviato il da Francesco Fossetti
Lasciate le scene dopo l’indimenticabile Max Payne, Remedy Entertainment si è messa a lavorare sodo su di un nuovo progetto, interamente finanziata da Microsoft, che si accaparrò, al tempo, l’esclusiva di questa nuova IP. Alan Wake, questo il titolo del videogame, fu presentato al pubblico nel lontano 2006, ed apparve all’epoca come un titolo potenzialmente rivoluzionario. L’idea di base era quella di comporre un thriller videoludico, sfruttando dinamiche di gioco Free Roaming, in modo da permettere al protagonista di muoversi liberamente nella lugubre e vastissima ambientazione. Dopo qualche annuncio contenuto e altre timorose informazioni, in progetto sparì completamente. Almeno fino ad oggi, quando ricompare, redivivo, in una forma tutta nuova. Vediamo cosa ha prodotto il cambio di rotta e quali sono i risultati di tanti anni di gestazione.
 
Svegliati, Alan
Alan Wake - recensione - XBOX 360 L’impasto narrativo di Alan Wake è cesellato in maniera piuttosto elegante, composto da sequenze in-game e cut-scene che si legano senza soluzione di continuità. Le premesse della trama sono semplici; l’incipit leggermente stanco - ma d’effetto. Alan è uno scrittore di successo, bloccato e innervosito da una crisi creativa che dura da troppo tempo. Una vacanza con la moglie Alice è l’occasione perfetta per rilassarsi e dimenticare le difficoltà del momento, e Brights Falls sembra il luogo più adatto. Immersa fra i monti, la cittadina sperduta propone scorci da paradiso, foreste incontaminate ed una vita tranquilla.
Ma l’incubo è sempre in agguato. Tormentato dalle sue visioni notturne, Alan si trova d’un tratto in una situazione che sembra uscita dai suoi romanzi. L’ultima cosa che ricorda è Alice che precipita nel vuoto, nelle tenebre avvolgenti e fredde del lago, mentre i cittadini di Brights Falls sono tutti posseduti da una strana forza, un’ombra scura che li pervade, li muove come gusci isterici pronti al massacro.
Le prime fasi della storia incuriosiscono e mantengono il giocatore attento e partecipe. Raccontate con espedienti efficacissimi, avvicinano la produzione ad un Horror Movie fra i più riusciti, mentre sullo schermo si susseguono divertite citazioni dei classici del genere (da Shining a X-Files). Remedy dimostra ancora una volta, dopo lo splendido Max Payne, di avere un’abilità particolarissima per raccontare storie, giocando con sceneggiature insolite e curate in ogni dettaglio. Poco a poco, assieme ad Alan, il videogiocatore sprofonda in una catastrofe onirica, in cui lo scrittore stesso plasma la realtà attraverso i suoi racconti. Alla ricerca disperata della moglie, il protagonista arranca nelle foreste di Bright Falls, mentre recupera pezzi di un manoscritto che non ricorda di aver prodotto, che raccontano gli eventi già vissuti da Alan o anticipano terribili situazioni che si verificheranno di lì a poco. La sceneggiatura gioca così con l’orizzonte d’attesa del video player, che diventa al contempo attore e lettore. Scorrono così le prime ore, scandite dall’alternarsi del giorno e della notte. Mentre alla luce del sole Alan interagisce con la popolazione locale, cercando di capire che fine ha fatto Alice, la notte i suoi incubi si manifestano, inquietanti e pericolosi. C’è da dire, insomma, che il comparto narrativo di Alan Wake è uno dei motivi principali che spingono al completamento del gioco, misterioso e disturbante allo stesso tempo, costruito ad arte con l’uso meticoloso di Flashback e scandito dalla voce narrante dello stesso Alan, il cui flusso di pensieri accompagna in ogni momento l’azione. Ma si deve ammettere anche che nelle fasi finali dell’avventura il plot si fa più stanco ed usuale. Finchè la sceneggiatura gioca con il “non-detto”, con l’occulto ed il mistero, stuzzica i nervi e le corde dello spettatore, quando si affretta a tirare le fila del discorso, mettendo in mezzo i tragici eventi che segnano la storia del lago e dalla cittadina intera, comincia a perdere colpi, diventando prevedibile e decisamente meno disturbante. Al di là di questo (e del finale aperto, in linea tuttavia con i canoni del genere horror), si può dire che dal punto di vista narrativo Alan Wake sia un titolo pienamente riuscito. Anzi, sceneggiatura e ritmo sono senza ombra di dubbio i suoi più grandi pregi, dal momento che il prodotto appare invece abbastanza claudicante per quel che riguarda altri aspetti. Stando così le cose, gli amanti dell’horror e dei thriller, o chi cerca un racconto videoludico interessante, gradiranno senz’ombra di dubbio la produzione Remedy. Certamente di più di chi si concentra sulla qualità del gameplay.
Emorragie
Non che Alan Wake non abbia qualche spunto interessante, per quel che riguarda il frangente ludico, ma il titolo Remedy è - fuor di dubbio - derivativo e troppo poco vario per destare l’interesse di tutta la comunità. L’impostazione di base è quella di un action in terza persona, con Alan che si muove un po’ impacciato (corre a fatica, arranca) nelle tenebre di Bright Falls, impugnando una torcia e qualche arma trovata occasionalmente. Il timido fascio di luce della torcia sembra quasi lottare con l’oscurità dilagante, e diventa ben presto l’arma più importante dello scrittore. Puntandolo contro i nemici questi possono essere resi vulnerabili ai colpi, che dovranno essere esplosi solo dopo aver rimosso l’alone di oscurità che circonda i posseduti. Poco a poco l’arsenale di Alan cresce, arrivando ad includere bengala, da accendere per tenere lontani nutriti gruppi di ombre, granate accecanti (in grado di disintegrare all’istante gli avversari) ed una piccola pistola in grado di lanciare razzi di emergenza. Inizialmente il sistema funziona alla grande. Alan appare debole, timoroso, e la durata delle batterie (anche la torcia va ricaricata) troppo esigua. Si fa strada l’inquietudine, l’incertezza, un sincero ed atavico timore. Gli scontri con le ombre sono solitamente anticipati da voci deliranti che echeggiano nelle foreste, o dal sollevarsi di una fitta nebbia scura che distorce la visuale. Le prime fasi di gioco sono emotivamente le più riuscite, mentre l’ossessiva ricerca di un lampione produce fughe ansiogene e misurate tachicardie. Purtroppo non serve molto tempo perché quasi tutta la magia si perda. La presenza di un numero elevato di munizioni e la resistenza quasi sovrumana di Alan bastano a rassicurare praticamente chiunque, mentre si spenge progressivamente la meraviglia per la costruzione scenica. Gran parte dei sei capitoli dell’avventura sarà infatti giocata all’esterno, fra le foreste ed i parchi di Bright Falls, in un ripetersi quasi ossessivo di scorci e situazioni. L’avanzamento, abbastanza lineare (timide aperture all’esplorazione sono concesse a chi vuole recuperare tutte le pagine del romanzo o i thermos del caffè), si fa ben presto generalmente noioso, anche ripetitivo. Dal punto di vista della tensione generata, Alan Wake ha i suoi momenti migliori nelle claustrofobiche sessioni interne: nell’esplorazione meticolosa di cottage abbandonati, fattorie e miniere, in cui inattesi eventi scriptati si alternano a combattimenti più serrati e pericolosi. E’ un peccato che (nonostante gli insegnamenti di Dead Space) il team abbia preferito puntare su ampie sezioni aperte, che stupiscono solo al primo impatto, e continuano poi a susseguirsi tutte uguali. Questa sconfortante “emorragia emotiva” continua con più veemenza quando si incontrano le terrificanti sezioni di guida, mal realizzate e frustranti, o ancora quando -poco elegantemente- il protagonista si trova costretto a combattere con il suo fascio di luce contro oggetti fluttuanti: da barili a carriole, passando per carrelli del treno e interi trattori, questi oggetti vengono animati da una misteriosa forza, e scagliati a tutta velocità contro Alan, costruendo situazioni in certi casi lievemente ridicole e affatto inquietanti. Anche scoprire che il team di sviluppo non ha saputo andare oltre i clichè dell’Horror Movie è un serio colpo al cuore: labirinti di siepi, miniere, depositi ferroviari, sono il pane quotidiano per tutti gli amanti del genere. Se si aggiunge anche un sistema di controllo non eccelso e la scarsa varietà di nemici si capisce che, dal punto di vista ludico, Alan Wake non aggiunge davvero nulla al suo genere. Risulta in uno strano mix fra l’ultimo Alone in the Dark ed un classico Silent Hill, turbato non poco dalla progressione lineare e iterativa. Le buone idee di base, la grande cura nella sceneggiatura, il rapporto complesso fra fantasia e realtà, diventano poco a poco solo un sottofondo, un’eco tenue e sottile. Dispiace che in tanti anni di lavoro Remedy abbia saputo mettere in piedi un ottimo incipit, ma abbia poi inciampato sullo svolgimento: il suo prodotto, esemplare all’impatto, diventa sempre meno memorabile, sempre meno elegante, e scivola via con troppi difetti.

INVIA COMMENTO

Alan Wake

Disponibile per: XBOX 360 | PC
Genere: Survival Horror
Sviluppatore: Remedy
Link Download: Scarica Qui
Costo Digidelivery: 23,99€
Pegi: 18+
Lingua: Tutto in Italiano
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione:
XBOX 360: 14/05/2010   
PC: 16/02/2012   
Alan Wake
8
7.5
7.5
8
324 voti
7.9
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
EljmbOz
Luce e buio. Queste due concrete ma irraggiungibili situazioni, sinonimo di bene e male, rappresentano il fulcro dell'ultima fatica targata Remedy(cre...[Continua a Leggere]
9
metallus90
Cinque anni ci sono voluti. Cinque anni di intensa e speranzosa attesa, costellata da dubbi e timori circa un possibile annullamento dell'uscita del p...[Continua a Leggere]
9
ero bizzu il terrore
La mia recensione non sar ne una recensione da professionista ne tantomeno tecnica, solo il parere di un videogiocatore piu o meno accanito su un g...[Continua a Leggere]
ND
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD