XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Battlefield: Bad Company 2 > Recensione
267 Commenti
Aggiungi ai preferiti / Condividi
+0
     

Battlefield: Bad Company 2 - Recensione

Inviato il da Andrea Vanon
Parlando di First Person Shooter, in questa generazione, il primo titolo a venire alla mente, ancor prima del blasonato Halo 3, è Call Of Duty, e nello specifico le sue ultime incarnazioni conosciute come Modern Warfare e Modern Warfare 2.
Ad insidiare il trono di uno dei brand in grado di battere innumerevoli record di vendita c’è stato, oltre alla sopracitata epopea Bungie, un titolo dal passato granitico, ritornato da qualche anno prepotentemente in auge.
Si tratta di Battlefield: Bad Company, capace di coniugare ai toni irriverenti di una campagna single player divertentissima e auto-ironica un multiplayer per certi versi innovativo (almeno su console).

Incentrando il gameplay competitivo su modalità di gioco costituite da obiettivi modulari in cui la coordinazione del team risultava fondamentale, Bad Company, grazie anche alla re-introduzione dei veicoli, apriva le porte ad ambientazioni di gioco enormi, completamente esplorabili e -soprattutto- (quasi) completamente distruttibili.
La possibilità di radere al suolo ogni costruzione presente utilizzando la forza bruta fu uno degli aspetti più interessanti della produzione DICE, forte anche di un motore grafico proprietario in grado di calcolare in maniera soddisfacente e realistica ogni danno.
Nella battaglia dei numeri, naturalmente, la spuntò Infinity Ward ma la guerra per il trono era tutt’altro che conclusa.
Con l’arrivo di Bad Company 2, per Playstation 3, Xbox 360 e PC il 5 Marzo 2010, Electronic Arts e DICE sono pronte all’assalto, forti di una struttura collaudata con numerose limature qua e là, capaci -sulla carta- di combattere alla pari per il titolo di miglior First Person Shooter.
Everyeye.it Player
Il ritorno della Bad Company
You’re not Hardcore unless you live Hardcore
Le più grandi critiche mosse al primo Bad Company riguardavano l’esagerata mole di proiettili necessari per stendere gli avversari, seguite a ruota dall’impossibilità di disabilitare il radar e la “Kill Cam”.
In questo sequel gli sviluppatori sembrano aver pensato anche a questo: è infatti presente un “Hardcore Mode” di ciascuna modalità multiplayer dove saranno presenti meno indicatori ed aiuti a schermo e dove la salute sarà decisamente più bassa.
La trama si apre con un flashback. 1944, Mare del Giappone: una truppa Statunitense è impegnata nell’ “operazione Aurora”; recuperare uno scienziato giapponese coinvolto nel misterioso progetto di un’arma tanto tremenda da essere temuta al pari della bomba atomica.
Dopo una serie di serrati combattimenti il rocambolesco salvataggio va a buon fine ma, proprio mentre i nostri si stanno allontanando dall’isola, un bagliore li acceca e li avvolge, ponendo fine in un istante alla missione.
Circa settant’anni dopo la Bad Company è impegnata in un incarico per conto del governo americano che porta i nostri scanzonati eroi sulle tracce di un comandante dell’esercito russo alla ricerca, guarda caso, della sopra citata minaccia bellica.
Scoperto trattarsi di un ordigno elettromagnetico in grado di spegnere (letteralmente) l’intero territorio americano, i nostri vengono ufficialmente inseriti nelle forse speciali delle milizie a stelle e strisce, convinte che i Russi useranno il potente marchingegno per avviare un’invasione degli Stati Uniti.
La missione è quindi semplice: recuperare l’arma ad ogni costo.


Nelle 8-10 ore che caratterizzeranno la campagna single player impersoneremo Preston Marlowe, uno dei soldati della “Compagnia B”, e verremo catapultati dall’Est Europa alla Bolivia lungo una serie di scenari capaci di mozzare letteralmente il fiato.
Tra una sparatoria e l’altra ci sarà molto spazio per una narrazione (legata a numerose cut scene realizzate con l’ottimo motore di gioco) ricca di colpi di scena più o meno “telefonati” e del pungente sarcasmo che già aveva caratterizzato con successo il primo episodio.
L’incedere si fa però leggermente più maturo: la comicità fa infatti spesso spazio a riflessioni interiori del protagonista e i personaggi, in generale, risultano psicologicamente più approfonditi; un toccasana per il coinvolgimento.

INVIA COMMENTO

Battlefield: Bad Company 2

Disponibile per: PS3 | XBOX 360 | PC | iPhone
Genere: FPS - Sparatutto in Prima Persona
Sviluppatore: DICE
Distributore: Electronic Arts
Pegi: 16+
Lingua: Tutto in Italiano
M. Online: Multiplayer online fino a 16 Giocatori
Data di Pubblicazione:
PS3: 5/03/2010   
XBOX 360: 05/03/2010   
PC: 05/03/2010   
iPhone: 16/12/2010   
Battlefield: Bad Company 2
9.5
9
9.5
10
412 voti
8,7
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Black-Hunter
La guerra è sempre stata uno dei temi preferiti per un videogame tanto che, negli anni si è venuta a creare una categoria a parte di sparatutto che po...[Continua a Leggere]
9.5
lastminutewinner
Battlefield Bad Company 2 è il nuovo titolo di DICE che, reduce dal discreto successo riscosso con il primo titolo, ha deciso di impegnarsi per creare...[Continua a Leggere]
9.5
guardaunpollo
A DICE ci sono voluti due anni di intenso lavoro per riuscire a migliorare il già buonissimo Battlefield: Bad Company e per tentare di insidiare il tr...[Continua a Leggere]
9
Darth_Ludus
Si sa, ormai il panorama degli FPS straborda di così tanti titoli, che è davvero difficile trovare dei prodotti che sappiano rinnovare la "solita" for...[Continua a Leggere]
9.5
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720 - Playstation 4
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD