XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Fifa 15 con la redazione
Dance Central > Recensione
0 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Dance Central - Recensione

Inviato il da Francesco Fossetti
Era naturale aspettarsi un titolo di Ballo al lancio di Kinect. Sulla scia del successo di Just Dance (e relativo seguito), anche la serie SingStar si è piegata recentemente alle logiche del mercato, proponendo la sua versione “ballerina” compatibile con Move, ed il Motion Control Microsoft non ha certo intenzione di rimanere indietro. Il vantaggio di Kinect, anzi, è palese: dal momento che “il controller sei tu”, l'esibizione può avvenire libera da ogni vincolo, ed il sistema di rilevamento “full body” è certamente più preciso di quello, evidentemente abbozzato, della concorrenza. I nomi “in ballo” per questo Dance Central, primo Rhythm Game disponibile per Kinect, sono poi di quelli importanti: proprio gli stessi Harmonix e MTV Games che hanno spopolato con la serie Rock Band, raggiungendo un'eccellenza incontrastata con il terzo capitolo.
Il prodotto in oggetto, dunque, aveva dimostrato ottime qualità nel corso delle prime presentazioni, convincendo ad esibirsi anche i più scettici. Fortunatamente, la prova finale conferma appieno tutti gli ottimi spunti: Dance Central propone un'esperienza di ballo coinvolgente e dinamica come poche se ne vedono in giro.
 
Muoviti!
Avviato il disco di gioco, veniamo accolti da una presentazione coi fiocchi, perfetta per introdurci nel contesto di Dance Central. La sequenza animata, intrisa di uno stile del tutto particolare, fa scivolare sullo schermo contesti suburbani e brani Hip-Hop, mostrando ballerini improvvisati e professionisti della scena Underground, immersi fra le luci al neon di una metropoli scintillante come non mai.
Arrivati ai menù di gioco, si scopre una facilità di navigazione che neppure i titoli firmati Microsoft sanno garantire (Kinect Adventures e Kinect Sports sono decisamente più macchinosi e meno intuitivi). Sollevando o alzando la mano destra si scorrono le voci dei menù, ed una volta selezionata quella opportuna basta dare un piccolo “schiaffetto” per procedere. Il sistema è naturalissimo e sinceramente stupefacente, e pensiamo che Microsoft dovrebbe prenderlo seriamente in considerazione come esempio di immediatezza e funzionalità, semmai per sostituire la goffa selezione delle opzioni vista nel Kinect HUB.
Ma, tralasciando la perfetta ottimizzazione e lo stile brillante e sopra le righe di Dance Central, in pochi secondi è già possibile scendere sulla pista da ballo. Il titolo si distingue anche per una discreta immediatezza, che concede ai più animosi la possibilità di dimenarsi fin da subito. E' opportuno però prendere qualche lezione di ballo, prima di eseguire le mirabolanti coreografie messe in piedi dai ragazzi di Harmonix. Ogni brano prevede infatti una determinata sequenza di passi da eseguire, e sebbene icone decisamente esplicative seguano il giocatore durante tutta la performance, prima di procedere con la sfida è necessario fare un po' di pratica. Per questo c'è l'eccellente sezione “Scomponi”, disponibile per ogni brano e per ogni difficoltà. Si tratta, in pratica, di un vero e proprio allenamento, che presenta al videoplayer ogni passo della coreografia. Sulle note del brano selezionato, il modello poligonale di un ballerino mostrerà i passi di danza più arditi e quelli invece più digeribili, ed all'utente sarà poi chiesto di ripeterli tre volte per assicurarsi che li abbia ben metabolizzati. Una volta memorizzate tutte le sequenze e i vari “step” utilizzati nella coreografia, sarà il momento di scendere in pista.
Di Dance Central stupisce anzitutto la precisione nel rilevamento. Il titolo sembra sfruttare contemporaneamente sia il Motion Capture avanzato di Kinect che la silhouette del videoplayer, per capire il posizionamento degli arti e della testa. Ripetendo a tempo i movimenti eseguiti dal ballerino virtuale, dovremo muoverci con cognizione di causa, onde evitare il pessimo risultato di una performance traballante. Mentre un indicatore posizionato sotto i piedi del modello poligonale ci avvertirà se terremo il giusto ritmo (chiedendoci semmai di rallentare o velocizzare i movimenti), nel caso in cui si commetta qualche errore un bordo rosso circonderà la parte del corpo “fuori posto” o fuori tempo, così da indicarci precisamente i nostri sbagli e darci la possibilità di rimediare. Dance Central davvero non sbaglia un colpo, ma lascia comunque una discreta libertà interpretativa al videogiocatore: senza diventare troppo intransigente sulla posizione del bacino e delle spalle, e concentrandosi invece su braccia, gambe e testa, permette a ciascuno di ballare a suo modo. Chi poi vuole sfogarsi senza costrizioni, può farlo nelle sezioni FreeStyle che appaiono in ogni brano, dimenandosi a più non posso (ma sempre a tempo) per accumulare punteggio.
Il punto di forza di Dance Central, comunque, non è soltanto l'ottimo sistema di rilevamento. A stupire e meravigliare sono le coreografie stesse. Create evidentemente da professionisti del settore, riescono a divertire e stimolare dall'inizio alla fine. I primi brani, quelli più semplici, possono essere affrontati senza problemi a livello medio o difficile: i passi sono abbastanza classici, fra spostamenti laterali e oscillazioni ritmate delle mani. Ma poco a poco spuntano passi più complessi: rotazioni del bacino, saltelli, movimenti che d'improvviso interrompono il ritmo principale, facendosi più lenti per seguire l'incedere morbido della melodia. Dance Central, insomma, intrattiene non solo nel corso delle performance, ma anche nelle sessioni di allenamento, quando si imparano nuovi movimenti, strani e delicati, schizzati e stravaganti. Sarebbe forse troppo definire il titolo Harmonix una scuola di ballo personale, ma senza dubbio Dance Central ci si avvicina abbastanza (vi sfidiamo, però, a ripetere in qualche Discoteca tutti i passi imparati).

Le eccellenze di Dance Central (il sistema di riconoscimento, la sua impeccabile sezione “didattica”, la varietà e la qualità delle coreografie) si scontrano purtroppo con qualche limite strutturale dovuto probabilmente alla relativa giovinezza del progetto.
Dopo la meraviglia iniziale, eseguite le prime, sudatissime coreografie, il giocatore comincia ad esplorare le opzioni di gioco, scoprendo sfortunatamente una discreta povertà. A Dance Central, ad esempio, manca una modalità carriera che possa stimolare una progressione davvero continuativa. Chi non è uno spassionato amante del ballo, potrebbe desistere dopo l'entusiasmo iniziale, perso in una struttura che non invoglia troppo l'avanzamento metodico, limitandosi a sbloccare nuovi modelli di ballerini, nuovi Club in cui esibirsi, e qualche sfida che ci chiede di affrontare in sequenza una serie di brani. Poco male, si dirà, dal momento che i titoli del genere son fatti soprattutto per animare le serate fra amici, divertendosi in compagnia. Ecco, Dance Central inciampa proprio su questo passo fondamentale, riducendo al minimo l'influenza del gioco di gruppo. Diversamente da altri titoli dello stesso genere, l'unica opzione multigiocatore è la “Gara di Ballo”, che si limita a proporre una delle sopra citate coreografie chiedendo a due giocatori di alternarsi, sequenza dopo sequenza. Si tratta di una modalità insieme competitiva e cooperativa, dal momento che i punteggi sono separati, ma le stelle guadagnate nel brano (da una a cinque, riempite mantenendo alto il moltiplicatore) sono condivise. Purtroppo è impossibile giocare fianco a fianco (forse anche perchè la richiesta di spazio sarebbe stata eccessiva), e se è vero che Dance Central supera in qualità tutti i suoi concorrenti, deve impallidire di fronte al supporto per Otto giocatori garantito da Just Dance 2. Il riconoscimento per due ballerini è un'opzione che ci auguriamo di vedere in un eventuale seguito, perchè la sua assenza limita abbastanza il coinvolgimento.
Tracce
Tralasciamo una disamina approfondita del comparto tecnico, quanto mai superflua, tornando comunque a citare l'ottimo stile che caratterizza menù e sessioni in-game. Ballando nei Club più alla moda o nei sobborghi malfamati della metropoli, si scoprono modelli poligonali discretamente realizzati, e animati ovviamente in maniera sopraffina, per garantire in ogni momento chiarezza e precisione.
Il doppiaggio in italiano dei provocanti commenti dei ballerini accompagna una selezione di 34 brani fatta con cognizione di causa, ma non perfetta. Non mancano Hit di richiamo capaci di divertire tutti quanti, ma non tutte le tracce sono così adatte ad intrattenere i pomeriggi all'insegna del ballo. Molto furbescamente, Dance Central fa di tutto per mettere in mostra le tracce più famose, facendole ascoltare nei menù di gioco ed in qualsiasi altra occasione. Si scopre così la conturbante “Poker Face” di Lady Gaga, l'eccellente “Can't Get You out of my Head” di Kylie Minogue, ed il recentissimo “Calle Ocho” di Pitbull.
Ancora, per divertire i fanatici della Dance, c'è “Satisfaction” di Benny Benassi (da ballare è un po' “spigolosa”, a dire il vero), ed il remix di Body Movin' dei Beasty Boys, mentre “Down” di Jay Sean e Lil Wayne stuzzicherà gli Hip-Hop maniaci.
Nella tracklist si intravedono altri grandi nomi (M.I.A., Christina Milian, Rihanna), ma i brani proposti non sono certo quelli più interessanti degli artisti in questione. Forse la necessità di contenere i costi per un progetto dal successo tutt'altro che sicuro ha pesato un po' sulla quantità di grandi Hit. La possibilità di ampliare la tracklist è comunque garantita (e già sul Marketplace di trovano tre brani di cui solamente quello di Sean Paul appare struzzicante). Ad onor di cronaca, però, i 240 Microsoft Point richiesti per il Download sembrano un prezzo decisamente esoso, se confrontato con gli standard di DJ Hero e Rock Band.
Dance Central è un ottimo titolo, senza ombra di dubbio uno dei migliori disponibili al lancio di Kinect. Mentre il sistema di navigazione dei menù dovrebbe essere d'esempio a chiunque voglia sviluppare un titolo per il motion control Microsoft, Dance Central trasuda di passione per il ballo così come Rock Band sprizza amore per la musica. Le coreografie sono creative, divertenti e bellissime da scoprire, mentre il rilevamento dei movimenti, sempre preciso, non limita troppo la creatività e lo stile interpretativo dell'utente. A ridurre gli entusiasmi, troviamo un'offerta non troppo ricca, ed una tracklist in cui il numero dei brani eccellenti non raggiunge la decina. Inoltre, il mancato supporto per due giocatori in contemporanea, spunta le armi di questo titolo.
Al di là di tutto questo, Dance Central supera d'un colpo la risicata concorrenza, e si presenta come l'esordio di un nuovo brand che ha tutte le carte in regola per crescere come si deve.
VOTOGLOBALE7.8
Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

INVIA COMMENTO

Dance Central

Disponibile per: XBOX 360
Genere: Musicale
Sviluppatore: MTV Games
Pegi: 12+
Lingua: Tutto in Italiano
M. Offline: Multiplayer offline fino a 2 Giocatori - SplitScreen
Data di Pubblicazione: 10/11/2010
Dance Central
ND
9
7.5
8
45 voti
6.8
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD