XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
F1 Race Stars > Recensione
14 Commenti
Aggiungi ai preferiti / Condividi
+0
     

F1 Race Stars - Recensione

Inviato il da Andrea Vanon
Poco più d’un anno fa, con l’avvento dell’etichetta Codemasters Racing, eravamo certi che la softco britannica avesse in mente diverse idee per la sua espansione, aldilà del semplice consolidamento di un brand oramai fortissimo come quello F1. Che il team si presentasse però con un titolo in così poco tempo ed in maniera così sorprendente, però, non ce l’aspettavamo. Pur essendo un arcade del tutto disimpegnato e divertente, F1 Race Stars non dimentica la sua provenienza. Il team alle spalle della produzione dimostra di saperci chiaramente fare, anche in un ambito mai sperimentato (o quasi) dalla compagnia. Di certo non si può dire che il titolo sia perfetto, o un capolavoro, tuttavia -come vedremo- di spunti interessanti ce ne sono diversi, per un più che decoroso presente ed un promettente futuro.
Everyeye.it Player
Offerta classica ma sostanziosa
F1 Race Stars - recensione - XBOX 360 Come ogni produzione racing della scuderia Codemasters anche F1 Race Stars mostra un’offerta suddivisa tra Carriera ed Attacco al Tempo, affiancate dalla possibilità di disputare in maniera libera e senza costrizioni uno degli eventi a disposizione, nella solita Partita Veloce. Se le ultime due opzioni non hanno veramente bisogno di esser commentate, ad offrire qualche spunto particolare è sicuramente la Carriera. Si tratta di una variante senza troppe restrizioni: saremo in grado di selezionare per ciascun Campionato una scuderia ed un pilota differente, ed i nostri progressi rimarranno comunque legati al profilo principale. La mancanza di un editor per pilota e kart si fa sentire, ed anche se viene in parte controbilanciata dalla presenza di numerose tipologie di gara, lascia comunque un pizzico d’amaro in bocca, soprattutto per una progressione che non porterà alcun vantaggio in termini di gameplay. Giungere primi al traguardo farà sì guadagnare in fretta i trofei in grado di sbloccare le manifestazioni più impegnative, ma non darà accesso a potenziamenti, nuovi mezzi o similari, limitando dunque la soddisfazione per la vittoria. Pur perseguendo la struttura “alla Mario Kart” il titolo ricompensa il videoplayer semplicemente con una serie di personalizzazioni estetiche per la vettura: effetti colorati di forme e dimensioni stravaganti e campionature strampalate per il clacson che alla lunga non bastano a mantere elevata l’attenzione. Migliora sicuramente la situazione la già citata varietà di gare e la favolosa selezione di circuiti (sui quali torneremo in seguito). Da questo punto di vista, per evitare di annoiare il giocatore, i tanti Campionati presenteranno anche versioni speculari delle piste, in maniera da offrire sempre qualche spunto. Una modalità dunque non perfettamente strutturata, che poggia in ogni caso le basi sulla solida selezione d’eventi e sui tanti circuiti ufficiali a disposizione. Qualcosa in più, da questo punto di vista, si poteva certamente fare, dando ad esempio la possibilità di sbloccare bonus più sostanziosi ed accattivanti in seguito alle vittorie.

Come abbiamo detto la forza di F1 Race Stars è un’altra: vediamone dunque nel dettaglio la varietà. Le tipologie di gara disponibili in F1 Race Stars si suddividono sostanzialmente in singole e a squadre. Partendo dalle prime troviamo, in ordine: Gara Semplice, il mondo migliore di entrare in simbiosi con la produzione; niente fronzoli, poche e semplici regole: chi taglia il traguardo per primo vince. Eliminazione rimescola già in maniera differente le carte in tavola, proponendo la classica competizione in cui ad intervalli di tempo regolari l'ultimo classificato è costretto ad abbandonare. Ne resterà soltanto uno dunque, da incoronare vincitore. Ancora diversa e forse più interessante Rifornimento, una particolare tipologia di gara che prende spunto dalla gestione del serbatoio tipica della Formula 1. Partiremo con il serbatoio pieno; man mano che si svuoterà otterremo un certo incremento in accelerazione e velocità. Dosando in maniera intelligente la quantità di benzina immagazzinata, sfruttando le icone-distributore sparse lungo il tracciato (un comodo indicatore ci aiuterà), dovremo mantenere il miglior compromesso prestazionale per non rischiare di rimanere appiedati e terminare possibilmente in testa la gara. Si chiude, almeno per la prima parte, con Conquista dei Settori, modalità ripresa dai videogame seriosi e portata qui in maniera perfettamente calzante al tipo di produzione desiderata. Si tratterà, in buona sostanza, di ottenere il miglior tempo in ciascun settore del tracciato, lasciando agli avversari solo le briciole. Ogni pista verà suddivisa in dieci porzioni da percorrere al massimo della velocità e sfruttando quanti più "trucchetti" possibili. La game mode, per quanto semplice, riesce a stimolare il giocatore all'esplorazione del tracciato, costringendolo -in un certo senso- ad osservarlo con cura cercando ogni scorciatoia disponibile per ottenere i tempi migliori. Inutile dire che, al termine dei giri previsti, il vincitore sarà il pilota capace di aggiudicarsi il maggior numero di settori.
Conclusa l'offerta "tutti contro tutti" la produzione passa a mostrarci la componente "a squadre". E' bene precisare, prima di proseguire, che i piloti si divideranno qui in due semplici team (rosso e blu); dunque non saranno le scuderie a "combattersi" ma due eterogenee compagini generate randomicamente al "Via". La prima modalità che incontriamo, in questo caso, è Caccia al Trofeo.
" Riguardo al gameplay nella produzione Codemasters sono palesi gli influssi dei più famosi combat racing come Mario Kart o Crash Team Racing"
Sparsi lungo la pista una larga serie di trofei dorati, da raccogliere per accumulare punti e giungere alla quota necessaria per tagliare il traguardo. Nel tentativo di rendere meno intense tali -già lunghe- sessioni il team ha pensato di legare l'ottenimento di punti extra ai power up andati a segno, offrendo così due diversi "introiti" e rendendo più dinamiche e veloci le sfide. Si prosegue più o meno sulla falsariga con Pole Position. In questo caso, però, i punti verranno automaticamente accumulati rimanendo nelle prime quattro posizioni. A seconda del prestigio del piazzamento accumuleremo score più o meno velocemente.
Ancora una volta la squadra capace di raggiungere la quota prefissata in partenza si aggiudicherà la facoltà di tagliare il traguardo. Proseguendo troviamo Slalom, una particolare tipologia d'evento in grado di mettere alla prova i riflessi del giocatore. Ad intervalli regolari, lungo i tracciati, saranno disposte tre porte colorate perfettamente allineate. Passandovi attraverso otteremo dei punti, che verranno moltiplicati se riusciremo ad attraversare sempre lo stesso colore - prima che il bonus moltiplicatore scada chiaramente. Si tratta di unire velocità a rapida osservazione, poiché il tempo a disposizione sarà sempre contatissimo e l'ordine dei colori randomicamente generato, quindi potenzialmente differente ad ogni giro. E si arriva dunque spediti verso la conclusione di questa seconda parte dell'offerta ludica, con la classicissima Esibizione. Si tratta di una race type semplice ed immediata, dove a contare sarà ancora una volta il punteggio, accumulato questa volta da qualsiasi azione ben eseguita in pista. Mantenimento della scia e sorpasso, massimo sfruttamento del KERS, power up a segno: ogni azione garantirà un certo quantitativo di punti per la squadra.
Otto differenti tipologie d'evento per un'offerta ludica di discreto valore, soprattutto se ne consideriamo l’iscrizione all’interno della Carriera. Prima di proseguire bisogna sottolineare un altro punto di forza di F1 Race Stars. Le tipologie d'evento, che spaziano come abbiamo visto tra il classicismo e la novità, vengono impreziosite da un certo quantitativo d'opzioni per rendere più interessante ogni gara (disponibili solo in Partita Veloce o Multiplayer). Potremo ad esempio decidere la frequenza di una certa tipologia di power up, il numero di giri e la quantità di punti necessaria per le gare a squadre; o ancora una serie di divertenti handicap come i comandi invertiti per il primo in classifica o il Monsone, che scatenerà il Diluvio Universale sul tracciato. Non mancherà infine, anche se più accessoria, la modalità Multigiocatore. Qui la competizione si farà serrata, con ben dodici giocatori umani in grado di prender parte ai suddetti eventi con le variabili già descritte. Spunti particolari, in questo caso, non ce ne saranno e, a dire il vero, quella multiplayer sembra più che altro una necessità dettata dai tempi che una vera e propria aggiunta di qualità.

INVIA COMMENTO

F1 Race Stars

Disponibile per: XBOX 360 | PC | PS3 | Wii U
Genere: Racing Game Arcade
Sviluppatore: Codemasters
Distributore: Namco Bandai
Publisher: Namco Bandai
Pegi: 3+
Lingua: Tutto in Italiano
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione: 15/11/2012
F1 Race Stars
8
7.5
7
7
14 voti
7,1
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
F1 Race Stars: Elenco Topic Ufficiali
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720 - Playstation 4
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD