XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Fight Night Round 4 > Recensione
41 Commenti
Aggiungi ai preferiti / Condividi
+0
     

Fight Night Round 4 - Recensione

Inviato il da Andrea Vanon
Roster al completo
Una delle prime caratteristiche che saltano all’occhio in Fight Night Round 4 è la profondità del roster.
Le 48 star che lo compongono sono infatti un mix dei migliori pugili di tutti i tempi, suddivisi nelle categorie ufficialmente riconosciute dalla federazione pugilistica internazionale (pesi mosca, pesi piuma, pesi leggeri, pesi medi, pesi welter, pesi medio-massimi e pesi massimi).
Troviamo, pertanto, al fianco dei celeberrimi Muhammed Alì e “Iron” Mike Tyson, raffigurati in copertina, i vari Lennox Lewis, Evander Holyfield, George Foreman, Joe Frazier, Roky Marciano e molti, molti altri.
In questi primi mesi estivi Electronic Arts sta dimostrando, nonostante il successo totale della sua lineup 2008, di non essersi assolutamente seduta sugli allori ma, anzi, di aver continuato a lavorare come e più di prima, alla ricerca del continuo miglioramento, anche dove potesse sembrare impossibile.
Da qui a settembre/ottobre, in particolare, andrà a scolpirsi la lineup sportiva 2010, il cui scoppiettante inizio è stato da Everyeye puntualmente sottolineato in occasione dell’uscita di PGA Tour Tiger Woods 10 (del quale potete leggere la recensione a questo indirizzo). E’ ora il momento di passare ad un’altra delle produzioni “storiche” EA Sports, l’ennesima che già ai tempi del precedente capitolo, datato 2006, sembrava non aver bisogno d’ulteriori aggiunte.
Stiamo parlando di Fight Night che debutta in questi giorni con il Round 4, primo capitolo sviluppato esclusivamente per la Next Gen della serie pugilistica Electronic Arts.
Il materiale visionato sinora (reperibile sulle pagine della Everyeye TV) promette di far sentire sin dal primo istante di gioco l’importanza dei tre anni passati dal più stretto dei parenti, di una lunga gestazione e dell’esperienza messa in campo dal team canadese. Le parole e l’hype dei mesi passati lasciano ora lo spazio al “giocato” visto che il titolo, puntualmente tra le nostre avide mani, farà il suo debutto sugli scaffali il 3 luglio, nelle sue versioni Playstation 3 ed Xbox 360.
Everyeye.it Player
Fly like a Butterfly, sting like a Bee
Portatore di un’antica tradizione Fight Night Round 4 presenta, in un menù raffinato ed estremamente funzionale, le classiche modalità di gioco, che comprendono la possibilità di effettuare una sfida veloce, di connettersi alla rete (ne parleremo in seguito), di effettuare un piccolo tutorial e visionare alcuni training-video e di affrontare una carriera professionistica. Quest’ultima è senz’altro il cuore palpitante del gioco e permette, prima di cominciare, di decidere se rivivere la carriera di una stella della boxe o se creare da zero il proprio alter-ego, da portare, pugno dopo pugno, ad uno stellare obiettivo finale: diventare Greatest of All Times. Prima di partire è quindi doveroso aggiungere che, a seconda della nostra scelta iniziale, cambieranno le tappe intermedie, caratterizzate da diversi, piccoli, traguardi da raggiungere. E’ bene precisare, inoltre, che la creazione del proprio atleta personalizzato passa da un completissimo editor nel quale sono incorporate le funzionalità del tanto acclamato Photo Game Face di EA Sports, ovvero il sistema che permette di ricreare da una foto la propria faccia nel gioco. Il risultato in questo caso non è dei più soddisfacenti (Tiger Woods 10 è molte spanne sopra) e nemmeno con le opzioni di regolazione avanzate è possibile ricreare con precisione il proprio volto, o quello di un conoscente che si voglia vedere tumefatto (magari con le proprie mani), visto che è possibile importare nella carriera più di un boxeur.

Le motivazioni, dal nostro punto di vista, sono piuttosto semplici: in primis, probabilmente, esistono una serie di modelli predefiniti per quanto riguarda le deformazioni facciali, implementate in maniera molto particolareggiata e difficilmente assimilabili ad ogni possibile creazione dell’utente. In secondo luogo, forse, è stata una questione “riparatoria”, senza la quale chiunque avrebbe potuto, grazie alla rete, inserire nel gioco -e malmenare- personaggi famosi, personaggi politici e quant’altro. Fortunatamente, una volta preso in mano il pad, tutte le questioni si annullano e Fight Night Round 4 si mostra in tutto il suo immenso splendore. I controlli sono rimasti pressochè invariati: levetta sinistra per il movimento, destra per sferrare i pugni, grilletti e tasti dorsali come modificatori per colpi bassi e colpi potenti e front button relegati a funzioni decisamente più marginali, ma comunque utili nel corso del combattimento. Completamente abbandonata, nell’atto di favorire la simulazione più pura, la possibilità di assegnare qualsivoglia modalità d’attacco ai pulsanti frontali; una decisione che farà storcere il naso a chi volesse prendere con più filosofia l’impegno boxistico digitale.

Qualche piccola differenza anche nelle meccaniche di gioco a bordo ring: il complesso mini-game che permetteva di curare una ad una le ferite del proprio alter ego è stato sostituito da un ben più immediato ventaglio di opzioni, che consentono, per salute e stamina, di utilizzare cure lievi, medie e complete. Il costo, in proporzione all’entità dell’intervento, sarà evaso in punti, guadagnabili in ciascuna ripresa a seconda di come ci saremo comportati (percentuale di pugni a bersaglio, KO subiti e procurati e via discorrendo). Immutate, invece, le meccaniche sul ring, dove un HUD composto da tre barre di colore differente ci aggiornerà sullo stato di salute del nostro atleta e dell’avversario. La prima barra, dedicata alla salute, si svuoterà, in modalità diverse, subendo colpi al volto: i più leggeri ci permetteranno, evitando qualche impatto, di recuperare il livello di salute, i più pesanti abbasseranno permanentemente la soglia massima durante l’incontro. Subendo un contrattacco potente o una lunga serie di pugni in stato fisico precario il pugile verrà stordito, la suddetta barra si colorerà di rosso ed i nostri sensi inibiti (ci muoveremo lentamente e sentiremo l’audio ovattato coperto da un potente sibilo); in una situazione del genere sarà importante ripararsi (o “abbracciare l’avversario”) poichè basterà pochissimo per andare al tappeto.
La seconda barra riguarda, invece, la stamina, ovvero la resistenza dell’atleta: questa potrà diminuire in maniera reversibile se non controlleremo il ritmo d’attacco o se subiremo qualche colpo all’addome; viceversa in maniera irreversibile qualora venissimo colpiti duramente in tale zona.

La terza ed ultima figura l’efficace della parata; rimanendo costantemente fermi in guardia sotto raffiche di pugni, tale indicatore scenderà vertiginosamente, permettendo al nostro avversario di “bucare” la difesa (letteralmente far passare il pugno tra le braccia indebolite) ed infliggerci molti danni.
Si inserisce, a questo punto, il sistema di counter, leggermente accentuato rispetto al predecessore.
Schivando o parando e restituendo immediatamente il colpo potremo infliggere un buon 20% in più di danno; se saremo talmente preparati da contrattaccare con un pugno potente (dall’animazione, cioè, più lunga) guadagneremo per qualche istante un boost infinito alla stamina o alla parata, che ci consentirà -se sfruttato a dovere- di mandare KO l’avversario.
Questo sistema (già presente in Round 3, ricordiamolo), apparentemente semplice, nasconde una profondità tattica davvero eccezionale: potremo, ad esempio, iniziare un round concentrandoci sull’addome avversario per affaticarlo e renderlo più lento e vulnerabile; quindi passare al viso con le combinazioni più devastanti.
La strategia, al di là dell’apparente confusione dovuta ai 60 fps costanti del motore grafico, è veramente fondamentale in Fight Night Round 4, specialmente alla luce dell’implementazione impeccabile di ogni aspetto tecnico e fisico del combattimento.
Sin dalla creazione del lottatore sarà infatti importante decidere uno stile di gioco, da allenare poi in palestra, tra un combattimento e l’altro, nel corso della stagione.
Altezza, peso, conformazione muscolare e lunghezza delle leve saranno aspetti fondamentali per l’evoluzione del nostro alter-ego, dato che influiranno coerentemente sul suo comportamento nel quadrato.
Un pugile lento e potente dovrà cercare il contatto, incassare alla ricerca dello spiraglio per sfoderare i pugni più devastanti; al contrario, il lottatore più debole ma veloce dovrà stare alla larga, schivare, muovere i piedi e pazientare fino allo sfiancamento dell’avversario.
Niente, nell’ultima produzione EA Sports, è lasciato al caso; le variabili in combattimento saranno tantissime: un pugno giunto a destinazione alla massima distensione del braccio non colpirà duramente quanto uno la cui potenza si scaricherà completamente sull’avversario, così come un colpo ben centrato sarà più efficace di uno andato a segno di striscio, tanto per fare qualche pratico esempio.
Oltre ad imparare l’associazione movimenti dello stick - colpi, la concatenazione delle combo e la gestione delle proprie risorse fisiche, quindi, in Round 4 dovremo studiare l’avversario, conoscerne i movimenti, il raggio d’azione, la velocità e la potenza e dovremo, inoltre, imparare a stare sul ring digitale come fosse quello vero.
La curva d’apprendimento, non lo nascondiamo, è ripida, quasi snervante per chi non fosse avvezzo alle sfide difficili, soprattutto perchè, più che abilità, richiederà costanza, allenamento e tanto tempo a disposizione.
I massimi livelli in carriera, ad esempio, verranno raggiunti solo dopo i 100 combattimenti con una percentuale di vittoria di oltre 90% e non senza essere passati alla categoria successiva (il che implica la vittoria dei titoli in quella di partenza).
Sarà poi essenziale, come anticipato, allenare il nostro pugile per migliorarne le caratteristiche fisiche; anche in questo caso l’operazione si rivelerà lunghissima, in quanto ognuno dei mini-giochi d’allenamento (colpire il sacco con determinate combo, spostarlo con colpi potenti, effettuare sparring amichevoli e molti altri), già di per sè molto difficili, farà guadagnare al massimo una mezza dozzina di punti per gli attributi allenati, la cui base di partenza sarà, di media, 60 ed il massimo raggiungibile (non per tutti, ovviamente) 100.
Fortunatamente, almeno in questo caso, la CPU ci verrà incontro, dandoci la possibilità di auto-allenare queste caratteristiche, per spezzare la monotonia dell’infinita ripetizione di queste sezioni; purtroppo, così facendo, dimezzeremo l’efficacia delle stesse.
Fight Night Round 4 - recensione - XBOX 360 Se tutto questo ancora non soddisfacesse la voglia di fare a pugni insita in ognuno di noi, Electronic Arts ha dotato Fight Night Round 4 di un comparto online al passo con le altre sue produzioni sportive.
Alle solite possibilità di creazione e ricerca di incontri classificati e non d’ogni genere troviamo, infatti, la modalità World Championship, un campionato del mondo totalmente online nel quale importare il nostro pugile creato da zero.
Accordando incontri e combattendo in questa federazione online scaleremo un ranking mondiale persistente, composto da tutti i giocatori partecipanti e corredato da statistiche e leaderbords tanto vaste e complesse da perdercisi dentro.
Quello che potremo definire “lo standard EA” fa insomma ancora un piccolo passo avanti, regalando ai videogiocatori un’altra modalità duratura, in cui confrontarsi con giocatori “reali”, umani, vedendo allo stesso tempo il miglioramento del proprio boxeur.
Il modello proposto è indubbiamente vincente: esulando dall’effimero 1 VS 1 in cui il giocatore è costretto al “farming” delle stats offline per portare online il miglior personaggio possibile, EA Sports è riuscita ad estendere esponenzialmente la longevità di ogni sua produzione, incentivando i giocatori a rimanere sempre connessi e sempre in contatto tra loro.
Il meritato plauso viene sottolineato anche dalle ottime caratteristiche del netcode che, in Fight Night Round 4 come nei suoi “cugini sportivi”, è quanto di meglio Xbox Live e Playstation Network riescano ad offrire.
La disponibilità di server dedicati ed un lavoro certosino d’ottimizzazione del codice garantiscono infatti un’esperienza priva di lag o fenomeni di latenza.

INVIA COMMENTO

Fight Night Round 4

Disponibile per: PS3 | XBOX 360
Genere: Simulazione Sportiva
Sviluppatore: EA Sports
Distributore: Electronic Arts
Pegi: 16+
Lingua: Tutto in Inglese
M. Online: 1 Vs 1
Data di Pubblicazione: 03/07/09
Fight Night Round 4
9
9
9
9
102 voti
7,9
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Fight Night Round 4: Elenco Topic Ufficiali
BurnerG10
Fight Night Round 4 si propone come esperienza simulativa al top della categoria videoludico sportiva. La capacità degli sviluppatori di fondere un de...[Continua a Leggere]
9
Luca 81
Dopo svariati anni di attesa EA sforna il quarto capitolo della serie Fight Night proponendoci quello che, a conti fatti, sembra essere il miglior cap...[Continua a Leggere]
9
Riko87
Dopo una lunga pausa, ecco arrivare nei negozi il nuovo capito della piu famosa serie videoludica dedicata al pugilato. Fight Night è tornato più tost...[Continua a Leggere]
9
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720 - Playstation 4
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD