XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
GRID 2 > Recensione
84 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

GRID 2 - Recensione

Inviato il da Andrea Vanon
Licenze
A livello di ufficialità, tema sempre caldo in ambito Racing, GRID 2 è messo abbastanza bene. Allo stuolo di autovetture che comprenderanno Audi, Mercedes, McLaren, Pagani e chi più e ha più ne metta (ma niente Ferrari!), si aggiungono cinque circuiti ufficiali, ciascuno con un paio di varianti. Troviamo Brands Hatch, Indianapolis, Red Bull Ring (ex A1 Ring), Algarve e Yas Marina.
Imporsi come vera alternativa, in un mercato monopolizzato da pochi "grandi" come quello dei videogiochi di guida (Simulazioni o Arcade che siano) è un'operazione oltremodo difficile. Scontrarsi con Forza Motorsport e Gran Turismo è impresa a dir poco impossibile, e per insidiare concretamente un Need for Speed (tanto per citare l'arcade di punta) occorrono idee nuove; freschezza che nel mondo delle corse videoludiche manca da un bel po'.
Codemasters, tuttavia, ha dimostrato da tempo di avere diversi assi nelle sue maniche, dapprima trasformando Colin McRae in DiRT - stimato arcade game sulle corse rallystiche. Poi riportando in auge come mai nessuno prima la F1 videoludica: una delle sue operazioni ad oggi più riuscite. Ma la softco britannica non si è accontentata, andando ad inserirsi anche in quel particolare contesto che chiamiamo "Ibridi", ovvero quei corsistici arcade che, per un verso o per l'altro, strizzano l'occhio alla simulazione. Race Driver GRID, nel 2008, è stato pioniere di questa nuova branchia dell'automobilismo digitale, cresciuta e sviluppatasi sostanzialmente alla sua ombra. Con GRID 2, in arrivo il 30 Maggio per console e PC, Codemasters vuole fare il bis, spingendosi in un terreno leggermente diverso (e meno accidentato) rispetto al predecessore.
In questo caso, infatti, non si tratta di ricercare un compromesso tra Arcade e Simulazione, ma semplicemente di inserire un videogame chiaramente arcade (anche se un po' più rigoroso) in un contesto realistico - quello di una competizione internazionale con tutti i crismi del caso. Il risultato, come leggerete nelle prossime righe, funziona veramente bene: Codemasters ci regala un racing game che probabilmente non passerà agli annali (magari fosse arrivato un anno fa...) ma che impegna, diverte ed intrattiene. Un videogame che saprà soddisfare chiunque fosse in astinenza da racing.
 
Un campionato per unirli tutti..
GRID 2 - recensione - XBOX 360 L'idea dalla quale parte la Carriera, modalità principe di GRID 2, è sin dal principio interessante. Il miliardario Patrick Callahan nutre una sconfinata passione per i motori sin da bambino ed è tremendamente ansioso di verificare chi sia il numero uno nel mondo delle corse. Alla realizzazione del suo sogno, tuttavia, manca ancora un dettaglio: una scintilla. Bisogna che un pilota capace -perché no un emerito sconosciuto- si metta in auto (letteralmente) per convincere i più grandi club automobilistici ai quattro angoli del Globo ad unirsi sotto l'unica effige delle World Series of Racing. Questo "signor nessuno" sarà il giocatore, pilota alle prime armi (si fa per dire) sfidato sin dall'inserimento del disco nel tray della console a domare bolidi incredibilmente potenti e dare del filo da torcere ai migliori interpreti del settore (rigorosamente fittizi).
La prima stagione di quella che sarà una lunga cavalcata parte da un garage arrabattato (a dispetto delle ricchezze di Callahan), nel quale avremo a disposizione la nostra auto ed un PC grazie al quale accedere alle importantissime e-mail. Qualche gara per "farci notare" ed immediatamente riceveremo l'invito da parte dei più prestigiosi circoli del Nord America; Callahan ci aiuterà a focalizzarci sull'obiettivo (il pilota più forte) da battere per ricevere consensi ed aumentare il numero di fan. L'importantissimo elemento dei "follower" (caratterizzati anche -ma non solo- dai click sui nostri -fittizi- video Youtube) sarà la vera spina dorsale della progressione - lasciando da parte vetusti concetti come l'esperienza e addirittura il denaro. Recuperando concetti sicuramente più attinenti al reale mondo delle corse, GRID 2 ci metterà di fronte ad un universo che esigerà costantemente le nostre prestazioni migliori: vincere una serie di gare, battere un particolare pilota, frantumare un record. Ognuna di queste attività porterà ad accrescere il numero dei nostri tifosi, e di conseguenza porterà Sponsor sempre più prestigiosi ad interessarsi a noi ed al progetto del nostro "mentore".

Viene dipinto così il quadro di una progressione sempre varia. Soglia dopo soglia nuovi sponsor ci offriranno in prova (ed eventualmente in regalo) le loro vetture e ci permetteranno di usufruirne per gareggiare nei molti stage di cui la World Series of Racing sarà composta. Lo stesso mega-evento si comporrà, come avevamo visto nei nostri hands on, di più Stagioni, in una marcia trionfale verso la definitiva unione di tutte le discipline automobilistiche. Si partirà dagli Stati Uniti, il regno delle Muscle Car e delle gare all'interno di stretti percorsi cittadini (Chicago) o sfidando le tortuose strade tra i Canyon. Si passerà dall'Europa, dove la cultura dell'auto ci apparirà immediatamente differente, così come gli eventi nei quali c'imbatteremo. Alle sfide Testa a Testa e alle gare Point to Point si sostituiranno gli eventi ad Eliminazione (ad intervalli di 15 secondi l'ultimo esce di scena) o le gare di tipo Domination dove a spuntarla, indipendentemente dalla posizione d'arrivo, sarà solamente chi avrà effettuato il miglior tempo sul giro. Le location si faranno sempre più pittoresche (Parigi, Barcellona, la Costiera Amalfitana) e i club più agguerriti e desiderosi di "sverniciare" le nostre fiancate - con le buone o con le cattive. Ancora uno step e via verso il Continente Asiatico, regno del Drift e delle gare al limite della legalità.
"Il fulcro del gioco in rete è infatti la piattaforma Racenet, che al pari dell'altrettanto famosa Autolog permette ai piloti virtuali di scovare costantemente nuove sfide, cercando avversari e record da infrangere"
I panorami di Hong Kong, Dubai e delle tortuose strade montane giapponesi la faranno da padrone, mentre noi saremo intenti ad adattarci ancora una volta all'ecosistema corsistico locale: impresa resa più agevole dalle auto forniteci dagli sponsor - sempre adatte alle competizioni.
Radunati tutti i club sotto l'unica effige della WSR (completando le sfide e togliendo il podio ai migliori al Mondo) inizieranno le tappe del vero e proprio campionato che, sinora appena intraviste con intermezzi atti a sancire il passaggio da "Stagione a Stagione", ora diventeranno il clou della progressione. Ogni frangente si tingerà d'ufficialità, con tanto di resoconti in salsa Sports Center (programma sportivo-top del palinsesto ESPN) filmati sfruttando giornalisti reali e tanto altro ancora. Tutto si farà dunque più serioso: regolamenti via via più restrittivi, gameplay (come vedremo) meno permissivo e competizioni che assomiglieranno sempre più ad un vero e proprio campionato automobilistico, tra monomarca ed affini.
Questa è, in buona sostanza, l'offerta di GRID 2, che nel finale vi incoronerà campioni assoluti in un tripudio di festeggiamenti. Il percorso, come in tante "avventure videoludiche", è però quel che conta veramente. Quello tracciato da Codemasters si dimostra capace di catturare ogni amante (o quasi) delle due ruote, riportando, al netto dell'esperienza ludica, molti pregi e solamente qualche difetto. Tra i primi segnaliamo l'ottima varietà di eventi che, complice anche l'azzeccata selezione di veicoli, aiuterà e non poco a donare nuovi spunti alla progressione. Un po' più a margine la personalizzazione del veicolo, adornata dalla facoltà di selezionare una livrea tra le tante a disposizione ed "appiccicarci" sopra un determinato numero di sponsor (reali) a seconda della popolarità raggiunta. Tra i difetti, invece, una lieve ripetitività in qualche particolare settore (alcuni club vi faranno partecipare a tre eventi simili su quattro) e l'impossibilità (anche se qui siamo molto sul soggettivo) di acquistare le vetture che più vi aggradano. Anche i tracciati cittadini, ad onor del vero, non mostrano sempre questo grande brio. Vengono però "baciati" da Live Track, nuova feature che aggiungerà un pizzico d'imprevedibilità e varietà in più, rendendo possibili variazioni dinamiche ad ogni incrocio - come se il percorso cambiasse (in alcune, minime, parti) ad ogni giro.
In definitiva un'offerta ludica piuttosto completa che, pur priva della facoltà di acquistare o modificare le parti meccaniche dei veicoli, vi metterà in condizione di sperimentare diversi modelli di guida ed una cospicua selezione di tracciati sempre impegnativi. Peccato per qualche accenno di ripetitività, visto che anche dal punto di vista "Eventi" Codemasters ha fatto un ottimo lavoro.

Leggermente differente la parentesi Multiplayer, curata da Codemasters come ci ha sempre dimostrato di saper fare. Al di là della possibilità di creare eventi personalizzati con un massimo di dodici giocatori in pista contemporaneamente, il titolo punta fortemente sulla componente sociale. Il fulcro del gioco in rete è infatti la piattaforma Racenet, che al pari dell'altrettanto famosa Autolog permette ai piloti virtuali di scovare costantemente nuove sfide, cercando avversari e record da infrangere. Racenet vuole portare ad un nuovo livello le interazioni sociali, non solo varcando i confini dello schermo di casa (al proprio profilo si può accedere ad esempio via browser e tablet), ma anche proponendo sfide settimanali e mettendo in diretta competizione ogni giocatore con i propri "Rival". Il sistema si impegnerà, settimanalmente, a scovare giocatori con lo stesso grado di abilità, sbattendovi in faccia le loro performance per fare in modo di stimolare un po' di sana competizione agonistica. Oltre ai rivali suggeriti automaticamente da Racenet, sarà possibile selezionarne quattro in autonomia, scegliendo fra i giocatori con cui abbiamo, per un motivo o l'altro, gareggiato. Se proprio non siete riusciti a mandar giù quell'ultima sportellata, quindi, aggiungete il manigoldo alla lista e continuate a sfidarlo per rinfacciarli la sua guida sporca e poco attenta. Sarà inoltre possibile cercare rivali "custom", selezionando in prima persona i criteri di ricerca. Se ad esempio vi sentite forti sulle derapate, potrete cercare qualche utente altrettanto abile nelle gare di Drifting.
La competizione diretta con i vostri Rivali sarà stimolata da Racenet grazie alla possibilità di rubarvi reciprocamente i "follower": il numero di appassionati che seguirà le vostre gesta. Si tratta di un parametro semplicemente indicativo della vostra bravura (niente fan reali, quindi), che aumenterà ad ogni vostra impresa. Sfidando i rivali potrete sottrargli un po' di fama per rimpolpare di contro la vostra popolarità, così da scalare le leaderboard e sperare di finire fra i Top Player della settimana. Grazie ai fan accresceremo anche il nostro Livello Pilota, totalmente slegato dalla progressione offline e capace di aprirci le porte, ad un certo punto, ad una timida elaborazione dei veicoli (sempre sbloccati strada facendo). Si tratterà più che altro di "traguardi tecnologici" (molle da competizione, motori potenziati, aerodinamica da gara...) da sfruttare senza la possibilità di toccare gli assetti per ottenere migliori prestazioni in pista. Nulla di paragonabile ai Forza di turno ma un buon incentivo (assieme alla personalizzazione estetica) per continuare a giocare online.
Ovviamente tutto l'impianto messo in piedi da Codemasters non si reggerebbe in piedi senza una buona varietà di opzioni e modalità. Su questo fronte GRID 2 non vuole farsi mancare niente. Oltre alle classiche gare online, il titolo concede la possibilità di gareggiare in locale tramite split screen, e addirittura affrontare i propri rivali o gli amici in una serie di sfide asincrone.

INVIA COMMENTO

GRID 2

Disponibile per: XBOX 360 | PC | PS3
Genere: Racing Game Arcade
Sviluppatore: Codemasters
Distributore: Bandai Namco
Publisher: Bandai Namco
Costo iPhone: 1,79 €
Pegi: 7+
Lingua: Tutto in Italiano
Data di Pubblicazione: 30/05/2013
GRID 2
9
8
8.5
8
15 voti
7.4
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD