XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
MotoGP 13 > Recensione
21 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

MotoGP 13 - Recensione

Inviato il da Andrea Vanon
Dai tempi della prima Xbox e di MotoGP 2, un racing come si deve su licenza MotoGP è stata una delle grandi assenze ingiustificate; una delle richieste più pressanti da parte della folta community di fan. Nemmeno il passaggio, sette anni fa, dalla vecchia alla nuova generazione ha portato la sperata linfa vitale alle competizioni motociclistiche digitali che, tra i MotoGP prodotti da Capcom e il non sempre convincente SBK di Milestone, sono pian piano finite nel dimenticatoio. Dopo una grandissima prestazione con la licenza rallystica WRC, tuttavia, l'italianissimo team Milestone ha pensato bene di riscattarsi anche sulle due ruote, prendendo in mano la MotoGP e riproponendola in salsa simulativa per dimostrare a tutti di che pasta sono fatti gli sviluppatori "nostrani".
MotoGP 13, disponibile per Playstation 3, Xbox 360 e PC dal 21 Giugno, è un titolo di gran lunga più evoluto e raffinato rispetto ai recenti SBK. Il dev team ha lavorato sodo, ha spremuto la sua passione per le corse sino all'ultima goccia instillando un carattere tutto suo nella produzione. Il risultato è un MotoGP appassionante e sorprendentemente adatto a tutti: un titolo divertente per i "novellini" ed impegnativo per i più navigati. Un videogame che riesce finalmente a restaurare la passione videoludica per le due ruote, persa (per qualcuno) addirittura nel lontano duemila.
 
Competizioni ufficiali
MotoGP 13 - recensione - XBOX 360 Eccezion fatta per una piccola ma importante discriminante, MotoGP 13 presenta un parco modalità estremamente completo. Manca infatti, almeno fino alla fine di Giugno, quando sarà integrata con una patch, la modalità Time Attack: tra tutte una delle fondamentali per gli amanti delle corse. La sua assenza, al momento, non compromette inesorabilmente l'esperienza di gioco (e di conseguenza la nostra valutazione) ma sicuramente non permette di far pratica sui vari tracciati e con le varie moto in tranquillità, limitando le pratiche più comuni (girare su pista singola per interiorizzare il tracciato) per i veterani delle corse. Un aspetto che potrebbe portare anche a rimandare l'acquisto, per alcuni, ma che a nostro modo di vedere non penalizza troppo il titolo Milestone.
Anche "incompleto" MotoGP 13 sa farsi largamente apprezzare, offrendo sin dal principio ai giocatori la possibilità di disputare una Gara Rapida (con pochissimi fronzoli, ideale per scattare in pista), prendere parte ad un Gran Premio singolo o partecipare ad un Campionato da personalizzare ad hoc secondo le specifiche che più ci aggradano. Potremo scegliere la classe motociclistica (presenti Moto3, Moto2 e MotoGP), il pilota (ufficiale o creato) il quantitativo di giri, l'ordine dei tracciati (o il singolo su Gran Premio), le condizioni climatiche e tanto altro ancora. Considerando la presenza di tutti i tracciati ufficiali del motomondiale 2012/2013 e di tutti i piloti e le loro scuderie, già queste prime tre modalità riescono ad intrattenere il videoplayer per un cospicuo numero di ore, sfidando un'ostica CPU oppure un amico in modalità split-screen.
Casomai alla combriccola si volessero unire anche i propri amici online, Milestone ha previsto un corposo numero di opzioni, per non far mancare proprio niente a nessuno. Una volta collegati alla rete saremo in grado di tuffarci in una Partita Veloce, cercarne di personalizzate per criterio oppure creare un Gran Premio e addirittura un Campionato. Interessantissime soprattutto per gli appassionati, queste ultime varianti consentono di intraprendere interi e completi week-end di gara online, con facoltà di mettere o meno in gioco la CPU e personalizzare tante opzioni quante nelle controparti offline. La gestione autonoma di un campionato per un massimo di 12 giocatori è un vero e proprio toccasana per gli amanti delle due ruote, che potranno finalmente sfidarsi senza la necessità di un appoggio esterno. Le meccaniche, per quanto la prova sia stata piuttosto stringata nelle tempistiche, sembrano funzionare molto bene. La gestione di punteggi, tempi di test, qualifiche, classifiche e pole position convince, ed eccezion fatta per qualche problema di lag (che Milestone afferma di aver corretto con la patch di fine Giugno) possiamo tranquillamente dire che online si gira piacevolmente.

Ogni appassionato di motociclismo digitale sa però che, al di là di tutto, il cuore di un titolo del genere è la Carriera, dove partire dal totale anonimato, come esordienti, fino ad arrivare a toccare vette ancora sconosciute: più forti del miglior Valentino Rossi, più veloci di Dani Pedrosa. Anche in questo caso Milestone non delude, proponendo una modalità piuttosto completa. Si parte come wild card in Moto3 (la 250cc), obbligati a qualche buona prestazione per farci notare dai team e firmare qualche contratto che ci permetta di disputare le prime gare. Solo in seguito partirà la prima stagione, nella quale dovremo affermarci in una scuderia ed iniziare a costruire la reputazione che, con molta calma, ci porterà fino alla MotoGP.
Il sistema di progressione è piuttosto classico, ma nondimeno funzionale. A seconda della categoria e del prestigio della scuderia ci verrà assegnato per ogni gara un obiettivo di piazzamento ed un rivale da mantenere alle spalle in gara (lo potremo addirittura selezionare da una lista). L'evoluzione del sistema è senza dubbio la parte più interessante: con le basse prestazioni delle Moto3 dovremo imparare a gestire al meglio le gare, stando ben attenti ad evitare le cadute e portare a casa qualche piazzamento decente. In seguito, assecondando anche le nostre ambizioni, ci verrà chiesto di forzare la mano, rischiando di più per giungere sul podio. I meccanismi convincono e mantengono molto alto il coinvolgimento, garantito anche da elementi di contorno come le comunicazione via e-mail dal manager personale e dall'entourage della scuderia o l'incremento dei fan e dei commenti via Twitter. Nelle fasi più avanzate potremo addirittura strappare una copertina alla rivista di turno, consci però della totale marginalità dell'obiettivo.
Proprio questa mancanza di ricompense è il difetto maggiore della carriera, anche se i più pignoli potrebbero lamentarsi del mancato riempimento delle griglie in Moto2 e Moto3 (in arrivo con la patch di fine Giugno). Soddisfare le richieste o addirittura stravincere porterà in dote, oltre alla fiducia del team, il solo ammontare in punti esperienza, utili a sbloccare, livello dopo livello, piloti, team e livree. Per quanto tali ricompense non siano certo da buttare, ci saremmo aspettati un passo avanti da questo punto di vista; un rapporto con la squadra maggiormente approfondito come quello già sperimentato nel Formula 1 di Codemasters, con la facoltà, ad esempio, di testare nuova componentistica per la moto. Si sente inoltre la mancanza delle "piccolezze" che rendono imperdibili soprattutto i momenti vittoriosi. Premiazioni, qualche scena d'intermezzo, abbozzate conferenze stampa: tutti elementi che avrebbero certamente elevato la caratura di questa modalità. Invece Milestone si è trattenuta, riciclando in buona parte quanto già aveva fatto con SBK (moto nel parco chiuso e piloti esultanti).
Alti e bassi dunque, per un comparto strutturale che riesce comunque a soddisfare appassionati e non, offrendo, tra single e multiplayer, un'ottima longevità.

INVIA COMMENTO

MotoGP 13

Disponibile per: PS Vita | XBOX 360 | PC | PS3
Genere: Simulazione di guida
Sviluppatore: Milestone
Pegi: 3+
Lingua: Tutto in Italiano
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione: 21/06/2013
MotoGP 13
7.5
8.5
8.5
7.5
18 voti
8.2
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
MotoGP 13: Elenco Topic Ufficiali
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD