XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Pro Evolution Soccer 2013 > Recensione
174 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Pro Evolution Soccer 2013 - Recensione

Inviato il da Andrea Vanon
Lo abbiamo aspettato e ne abbiamo a lungo parlato. Lo abbiamo provato nel corso dell’anno, a tutte le manifestazioni più importanti. Abbiamo scaricato non una ma due demo, dandovene un approfondito resoconto. Ora è il momento di fare sul serio; il momento della “verità” su Pro Evolution Soccer 2013. Un codice completo ha infatti permesso a noi di Everyeye.it di testare nella sua interezza la produzione Konami, che quest’anno cambia producer. Al timone non più Shigno “Seabass” Takatsuka (che ha fatto il suo tempo, ammettiamolo) ma Kei Masuda. Il futuro che succede al passato (anche se pare Seabass sia solamente impegnato in un “progetto segreto” - forse un PES next gen?): un cambiamento necessario che, come abbiamo già visto e come vedremo, ha portato una ventata di freschezza soprattutto al gameplay della simulazione calcistica. Le basi storiche della serie, naturalmente, sono state mantenute: Masuda, da diversi anni nel team di sviluppo, ha sostanzialmente raccolto la pesante eredità del calcistico nipponico, aggiungendo quel pizzico di carattere in più che mancava da troppo tempo.
Vediamo insieme cosa bolle in pentola per il 20 Settembre, quando gli utenti Xbox 360 e Playstation 3 potranno finalmente trovare la loro copia ad aspettarli sugli scaffali di tutti i negozi di videogiochi.
 
Il Mio PES
Pro Evolution Soccer 2013 - recensione - XBOX 360 Inserendo il disco nel tray della console salta immediatamente all’occhio la vasta offerta ludica che già da qualche anno accompagna PES. Come non facciamo che ripetere da anni, anche in questa versione 2013 avremo facoltà di disputare partite amichevoli (offline ed online), di prendere parte ad una Champions League o ad una Copa Santander Libertadores, di mettere alla prova le nostre abilità in una delle Coppe fittizie (Coppa Konami, Africa Cup..) che hanno oramai fatto la storia di PES. Non manca la possibilità di guidare una compagine all’interno della mitologica Master League o un singolo giocatore nel Diventa un Mito. Solo nel caso della Champions e della Libertadores, naturalmente, potremo sperimentare le gioie di essere completamente circondati da licenze ufficiali: casacche, stadi, coreografie, inni: un’esperienza davvero indimenticabile nel panorama calcistico odierno. Per il resto dovremo “accontentarci” di un pacchetto licenze comunque consolidato negli anni (Liga BBVA, Serie A TIM e Ligue 1..) ma purtroppo ancora privo di Bundesliga e Premier League, limitata come ufficialità al solo Manchester United.
Un aspetto -quello delle licenze- che non ha mai fermato gli appassionati, premiati quest’anno sin dal principio con una delle novità più interessanti delle ultime edizioni: l’Allenameno Specifico. Si tratta di un tutorial esteso che va ad affiancare la possibilità di far pratica liberamente assieme ai propri compagni di squadra senza alcun avversario ad ostacolare la manovra. Al suo interno un’accurata suddivisione in categorie ci permetterà di affinare diversi aspetti del gioco: passaggio, tiro, dribbling, stop, cross e chi più ne ha più ne metta. Ognuno accompagnato da tre o più prove d’abilità che ci guideranno letteralmente nei meandri del sistema di gioco. La sessione appare sin dal principio molto ben realizzata. Di tanto in tanto qualche indicazione risulta leggermente superficiale ed il tutorial dedicato si trasforma in un trial & error. In linea di massima però, in questa versione completa, tutto sembra funziona decisamente meglio di quanto da noi appurato in fase di hands-on preliminare. Peccato Konami non abbia inserito qualche ricompensa extra per il completamento di quest’impegnativa sessione.
"Pad alla mano il primo elemento a saltare all'occhio è l'ampia modulabilità dell'assistenza al passaggio. Il controllo scorre letteralmente tra le nostre dita e, sino a tre tacche su cinque, non avremo quella sgradevole sensazione di dover pregare ogni santa volta perché un servizio giunga al calciatore predestinato"
Qualche tempo passato ad impratichirsi con tutte le novità di PES 2013 e potremo passare al sodo, ovvero alla Master League. La modalità più attesa da tutti gli appassionati di Pro Evolution Soccer torna quest’anno con qualche interessante novità, e con piccole aggiunte che faranno sicuramente felici i più pignoli. La prima riguarda la selezione di squadre iniziale: potremo decidere se partire in Europa (tentando di raggiungere l’agognata Champions League) oppure in Sudamerica, tentando di guidare alla conquista della Libertadores uno dei fantasiosi club dell’America Latina. In secondo luogo si tratterà di scegliere se iniziare con la rosa reale oppure con i calciatori fittizi che abbiamo imparato a conoscere (ed odiare). Da qui in poi la gran parte dello svolgimento non si discosterà troppo da quanto visto nella scorsa edizione, con trattative di calciomercato gestite dallo staff (noi ci limiteremo a manifestare l’interesse per un calciatore), delicati rapporti con gli sponsor ed il solito smisurato quantitativo di scene d’intermezzo dedicate all’interazione con lo staff tecnico (rapporti squadre, consigli tattici..) o con i calciatori (discussione contratti...).
Per quanto la struttura basica non abbia subito rivoluzioni, qualche piccolo miglioramento s’intravede: ogni calciatore sarà ad esempio caratterizzato da un valore di mercato dipendente dal suo effettivo contributo alla squadra e le routine di scambio non daranno luogo all’esagerato stravolgimento delle formazioni (a meno che non lo si decida noi stessi all’inizio). Parlando di routine e script, inoltre, ci fa piacere segnalare una certa coerenza nel prosieguo delle stagioni: raramente capiterà di veder titolata una squadretta dalle minime possibilità. Novità vere e proprie riguarderanno invece l’allenamento. S’inserisce infatti la possibilità di acquistare da una sorta di PES Shop rinnovato particolari oggetti (o pacchetti d’allenamento) per velocizzare il miglioramento di un calciatore in un parametro (o più d’uno, a seconda). Questi andranno poi equipaggiati in uno dei tre slot a disposizione di ciascun atleta, per una durata interdipendente dalla qualità (e dal prezzo) dell’oggetto. Gli acquisti, chiaramente, andranno ponderati: potenziare caratteristiche totalmente estranee all’interessato non porterà i benefici ottenibili assecondando invece il suo trend. Al tutto s’aggiungerà la facoltà di ottenere scarpini personalizzati, in grado a loro volta di potenziare determinati parametri. Approfondita dunque la gestione della squadra nel tempo, per una longevità generalmente rimpolpata in una struttura che mostra come sempre di funzionare senza intoppi. Grazie alla Master League Online, poi, alla componente single player si integra quella multiplayer. Dovremo tuttavia creare una squadra a parte, partendo questa volta sì dagli odiosi calciatori inventati. Campionati e Coppe si svolgeranno interamente tra videoplayer sparsi nel Globo (con tanto di facoltà di settare filtri per l’abilità, la qualità della squadra e i settaggi dei comandi), dandoci la possibilità, vittoria dopo vittoria, di accumulare denaro per ingaggiare un undici che sia degno di questo nome.
Chiude il quadro Diventa un Mito, nella quale potremo decidere se creare da zero il nostro alter ego o impersonare il Cristiano Ronaldo di turno. Indipendentemente dalla selezione la modalità presenta le medesime caratteristiche delle precedenti edizioni. Ci troveremo dunque impegnati a gestire ogni aspetto della nostra carriera, compreso un agente forse troppo invadente, che ad ogni partita si presenterà nella classica scenetta animata: un vero strazio! Anche in questo caso vedremo la sezione d’allenamento arricchita da tutta l‘oggettistica già descritta.
PESocial
Pro Evolution Soccer 2013 - recensione - XBOX 360 Oltre al single player Konami ha pensato di metter mano quest’anno anche al multiplayer. In primis permettendo ai giocatori di organizzare match 2 vs 2 online, ampliando così la rosa di possibilità e dando la facoltà a ben quattro giocatori da quattro diverse console di "socializzare". Una parola utilizzata non a caso dato che gli aspetti sociali dell'esperienza videoludica made in Japan sono stati decisamente potenziati. Viene prima di tutto introdotta la sezione Community, ovvero la facoltà di organizzare partite all'interno di una comunità di giocatori prestabilita. In pochissimi click sarà possibile selezionare stanze, campionati online e quant'altro che vadano a pescare avversari appartenenti esclusivamente alla propria nazione, alla propria regione o addirittura alla propria città, senza alcuna discriminante. Ad adattarsi alla presenza delle comunità saranno, prima ancora dei giocatori, le numerosissime statistiche che le accompagneranno, costantemente presenti e capaci di darci in ogni istante un prospetto delle nostre prestazioni all'interno di quel particolare gruppo (partite vinte, perse, pareggiate...). E il discorso legato alle statistiche non si chiude qui: il completo rinnovamento degli algoritmi legati al MyPES (già presente nella scorsa edizione) permette infatti di confrontare con gli amici un numero ancor più impressionante di statistiche, andando ad implementare classifiche e strani grafici d'ogni tipo. Volete sapere se il vostro avversario tende a tirare da fuori area o a crossare? Volete conoscerne l'efficacia sotto rete o dai calci piazzati? Niente paura: con il nuovo MyPES tutto questo (e molto altro) sarà possibile.

Riprendendo in mano il discorso "social" aggiungiamo infine che risultati e paragoni potranno essere condivisi su Faacebook, direttamente dall'interfaccia in game. Purtroppo, ma probabilmente solo per quest'anno, non si potranno condividere foto o replay di azioni o goal; tuttavia sarà possibile commentare lo stato degli amici ed ingegnarsi in divertenti sfottò. Ma le feature "sociali" non finiscono qui poiché una delle novità inserite dal team, forse la più interessante in quest'ambito, è chiamata Widget. Si tratterà in buona sostanza di una barra di stato costantemente presente nella parte alta-sinistra dello schermo (a meno di una disattivazione manuale) quando saremo collegati alla rete. In questa maniera, pur senza trovarci nelle lobby online, saremo in grado -con un solo click- di visualizzare in tempo reale l'attività degli amici, chattare e ricevere messaggi, inviare e ricevere inviti a giocare. Una sorta di "lista amici" scremata da chiunque non stia giocando a Pro Evolution Soccer 2013 ed utile per velocizzare le tediose operazioni di creazione della partita. Le feature fin qui citate vengono corredate dall'introduzione piuttosto collaterale del Ranking, un titolo da legare al proprio profilo per determinare, soprattutto online, il proprio status di giocatore di Pro Evolution Soccer 2013. Una possibilità non utilissima ma divertente visti gli appellativi sblocabili partita dopo partita.

INVIA COMMENTO

Pro Evolution Soccer 2013

Disponibile per: PSVita | XBOX 360 | PS3 | Wii U | PC | Wii | PSP | PS2 | 3DS
Genere: Simulazione Sportiva
Sviluppatore: Konami
Distributore: Halifax
Pegi: 3+
Lingua: Tutto in Italiano
Data di Pubblicazione:
XBOX 360: 20/09/2012   
PS3: 20/09/2012   
PC: 20/09/2012   
PSP: 25/10/2012   
PS2: 25/10/2012   
Wii: 15/11/2012   
3DS: 30/11/2012   
Pro Evolution Soccer 2013
8
9
9
9
44 voti
7.3
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD