XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Section 8 > Recensione
4 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Section 8 - Recensione

Inviato il da Redazione
Sviluppato da TimeGate Studios (team responsabile delle prime -discutibili- due espansioni per F.E.A.R.), Section 8 è l'ennesimo First Person Shooter che raggiunge i lidi delle console Next Gen. Il prodotto, esplicitamente dedicato al multiplayer cooperativo online, segue la scia di altri progetti già noti al grande pubblico, come Quake Wars: Enemy Territory e Shadowrun. Se già i risultati insoddisfacenti dei titoli appena citati non hanno convinto le software house della difficoltà di sfondare con un progetto così particolare (dedicato ad una nicchia ristrettissima di pubblico), ci pensa proprio Section 8 a chiarire le cose: non bastano minime innovazioni ad un comparto ludico abusatissimo, per risollevare le sorti del MMOFPS. Il titolo TimeGate si mostra in effetti poco adeguato a competere sul mercato attuale, presentandosi come un clone poco eccentrico di tanti concorrenti.
 
Da solo...
In un lontano futuro in cui l’uomo sta colonizzando lo spazio, la “8th Armored Infantry”, soprannominata “Section 8”, è la punta di diamante delle Forze Imperiali degli Stati Uniti.“Section 8” è il termine con cui ci si riferiva ai soldati congedati dall’esercito degli Stati Uniti d’America perchè ritenuti mentalmente inadatti a prestare servizio. Il nostro team di volontari viene infatti considerato una gabbia di matti, poichè nessuno sano di mente vorrebbe proporsi per missioni suicide come quelle che tentano loro. In realtà non sono pazzi, ma semplicemente sicuri della propria supremazia, non solo per le spiccate capacità belliche, ma anche per un equipaggiamento iper tecnologico. Il loro obiettivo è sconfiggere gli “Arm of Orion”, dei ribelli che hanno già distrutto molte delle colonie fondate dall’uomo.
Questo è il trito pretesto narrativo che fa da sfondo alle blande vicende del pessimo Story Mode, e che sorregge tutto l'impianto scenografico di Section 8. Data la banalità disarmante di tutto il contesto di riferimento, e considerata pure la piattezza dell'art design, si può affermare che l'inserimento di una modalità single player sia stata una mossa poco saggia da parte del team. Per di più, l'avventura per il giocatore solitario appare davvero posticcia e mal strutturata, messa insieme “alla bell'e meglio”, affatto coinvolgente e persino noiosa, nell'esplorazione di mappe pensate per il multiplayer di gruppo e nell'affrontare nemici dall'IA sconcertante.
Possiamo anche concedere a TimeGate di dimenticarla, dato che non rappresenta le finalità principali del titolo.
... o in squadra
Come dicevamo in apertura, infatti, Section 8 è uno sparatutto pensato per il gioco di rete, in cui due squadre di 16 giocatori si affrontano in un'unica modalità principale. Lo scopo dei due team è quello di catturare e controllare delle posizioni strategiche, il cui mantenimento permetterà l'accumulo di punti, che porteranno infine alla vittoria.
Il multiplayer mode, a metà fra quello di Bad Company e quello di Quake Wars, appare fin da subito piuttosto derivativo, senza che ci siano novità di rilievo a vivacizzare la situazione.
Le feature inedite, presentate come rivoluzionarie dal team di sviluppo, falliscono nel tentativo di vivacizzare la componente tattica, e in quello di rendere l'approccio agli scontri più originale e variabile. L'aggiunta più consistente è quella che permette di lanciarsi direttamente sul campo di battaglia, come in proiettile scagliato a grande velocità: oltre alla possibilità di scegliere la linea di tiro ad ogni respawn, agendo sugli aerofreni in prossimità del terreno si guadagna una maggior precisione. Prima del lancio è bene considerare la presenza di torrette antiaeree, e proprio il posizionamento di queste ultime è l'unico elemento strategico di profondità rilevante. Per il resto la possibilità di atterrare in ogni punto del campo di battaglia regala qualche bel momento (gli assalti a sorpresa a convogli nemici), ma non rappresenta un'innovazione così travolgente.
Citiamo poi due aggiunte che riguardano direttamente le possibilità motorie dei soldati: ognuno di loro è equipaggiato con un JetPack che permette rapidi voli, e può attivare il cosiddetto Overdrive. In questa modalità la visuale passa (inspiegabilmente) in terza persona, mentre il soldato effettua uno sprint che gli permette di coprire grandi distanze e, eventualmente, danneggiare chiunque riesca a travolgere. Nonostante questi supposti perfezionamenti al gameplay, Section 8 appare un titolo dall'azione piatta e monocorde, così inquadrato in uno standard ormai superato e statico, da non poter intrattenere che i fanatici dei Frag. Almeno, fra le note positive segnaliamo la possibilità di manipolare totalmente le varie classi preimpostate, così da poter creare un equipaggiamento che si adatti alle necessità del videoplayer. Eppure, anche agendo sulla dotazione bellica dei personaggi, è impossibile non ricadere nella solita routine, e Section 8 non ha davvero nulla di più rispetto ai suoi congeneri, già consegnati all'oblio a causa della snervante inappetenza che generano dopo qualche partita. Section 8 prova a stuzzicare gli appetiti inserendo all'interno delle partite una serie di Side Quest generate casualmente, che i membri del team possono raccogliere per inoltrarsi in sentieri che siano meno monotoni di un reiterato “capture the flag”. Scegliendo di adempiere a questi compiti, si innesca alla fine la necessitò di coordinare la squadra, ma il senso possente di torpore e immobilismo non viene mai scacciato del tutto.
Insomma Section 8 appare quasi un titolo-fotocopia, senza la verve o le innovazioni per distinguersi dai suoi concorrenti, e affatto incisivo dal punto di vista ludico. Si conti poi un sistema di controllo decisamente poco preciso, che va necessariamente “ricondotto all'ordine” agendo sui settaggi della sensibilità, un modello di guida dei mezzi del tutto incomprensibile, ed un Hud confusionario e poco piacevole alla vista, per chiudere un quadro decisamente negativo.
Ugly
Anche dal punto di vista tecnico, Section 8 non da davvero niente da dire. Il gioco sacrifica la pulizia visiva in favore dell'ampiezza delle mappe, ma non siamo pienamente sicuri che la scelta sia opportuna. Il banalissimo level design concede infatti pochissime locazioni davvero ispirate, mentre il giocatore deve sopportare un colpo d'occhio duro da digerire, alle soglie del 2010. Texture decisamente piatte, una generale tendenza alla monocromia, e modellazioni poligonali spigolose e prive di dettagli.
Il comparto animazioni è claudicante ed inciampa vistosamente, gli effetti speciali sono semplicissimi. Insomma Section 8 è un titolo che fa economia, riducendo al minimo l'appeal grafico per mantenere un netcode comunque stabile.
Imbarazzante è poi l'art design. Armi ed armature dei soldati sono triviali quanto mai, recuperati da un immaginario abusato e ormai spento. Non c'è davvero nessuno scorcio o nessun elemento che riesca ad incuriosire lo sguardo dell'utente, come invece facevano i contorti veicoli degli Strogg in Quake Wars.
Anche il comparto sonoro è anonimo e privo di mordente, almeno per quel che riguarda la soundtrack. Gli effetti campionati non brillano per pulizia o carattere, e la voce femminile che ci informa sull'andamento degli scontri innervosisce col suo tono asettico.
Section 8 è un titolo che devono considerare solo gli appassionati irriducibili del multiplayer online. Ed anche in questo caso, ci sono molti problemi di fronte ai quali si dovrebbe chiudere un occhio: il sistema di controllo manca di precisione, il colpo d'occhio è asciutto e troppo povero, l'esperienza di gioco triviale e già vista. Il prodotto TimeGate avrà vita breve, in questo mercato oramai assaltato dai capolavori di fine anno, dal momento che non sa distinguersi dalla massa e non offre nessun elemento convincente per convertire gli amanti del gioco online.
VOTOGLOBALE6

INVIA COMMENTO

Section 8

Disponibile per: PC | XBOX 360
Genere: FPS - Sparatutto in Prima Persona
Sviluppatore: TimeGate Studios
Distributore: Halifax
Pegi: 16+
Lingua: Tutto in Inglese
M. Online: Multiplayer online oltre i 32 Giocatori
Data di Pubblicazione: 11/09/09
Section 8
5
7
7
5
59 voti
5.9
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD