XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Domande e Risposte dal vivo con la redazione di Everyeye
ShellShock 2: Blood Trials > Recensione
0 Commenti
Stampa
+0
     

ShellShock 2: Blood Trials - Recensione

Inviato il da Francescostefano ''IoriYagami'' De Ponti
Ogni volta che un esponente del genere First Person Shooter si affaccia sul mercato videoludico, sono più gli interrogativi che le speranze a pervadere le aspettative intorno ad esso. Queste due sensazioni sono dovute soprattutto al fatto che, in un così breve lasso di tempo, gli sparatutto in prima persona sono arrivati a scalare le vette del mercato e ad imporsi come uno dei generi più in voga del settore. Una così rapida ascesa non è stata però accompagnata da un adeguamento delle meccaniche di gioco, che dopo essersi assestate su degli standard qualitativi minimi non sono state più rinfrescate o ravvivate da qualche trovata in grado di portare una ventata d'aria fresca. Vien da sé che sotto questo punto di vista un Fps, per poter emergere dal maremagno della mediocrità, debba per forza di cose fare leva su di un aspetto tecnico di prima categoria, un comparto narrativo interessante o su di un massiccio supporto al gioco online. Dopo aver fatto queste dovute premesse, eccoci dunque a presentare Shellshock 2: Blood Trials, ultima fatica di Rebellion distribuita da Eidos.
Il gioco ci catapulterà indietro nel tempo, e precisamente nel pieno del conflitto in Vietnam, una delle più dolorose pagine della recente storia mondiale. Lo spunto narrativo del titolo (sequel del semi sconosciuto Shellshock Nam '67) prende vita dalle numerose storie (più o meno veritiere) di esperimenti chimici/genetici adempiuti dagli scienziati americani sui Vietcong e sui Marine. Nello specifico impersoneremo il soldato semplice Nate Walker il quale dovrà addentrarsi all'interno delle pericolose foreste della Cambogia per scoprire cosa è accaduto a suo fratello. Cal, questo il nome del nostro consanguineo, è infatti l'unico superstite di una squadra di soldati andata alla ricerca del Whiteknight, un misterioso progetto di arma batteriologica messo a punto da uno scienziato di nome Drake. Cal Walker versa però in uno stato di totale follia che lo porterà ben presto a scappare dal fronte statunitense. Spetterà dunque al buon fratello Nate il compito di ritrovare Cal, risolvere il mistero del Whiteknight (e del suo creatore) e, al tempo stesso, prendere a calci il capo dell'esercito dei Vietcong, Trang (anche lui piuttosto interessato alla salute del nostro amato fratello).
Tora Tora Tora!
ShellShock 2 - recensione - XBOX 360 Shellshock 2: Blood Trials è, come detto all'inizio, un classicissimo First Person Shooter. Poco c'è da snocciolare in merito al gameplay del titolo di Rebellion: Nate dovrà attraversare dieci livelli di gioco freddando qualsiasi forma di vita gli si pari davanti, tentando nel frattempo di non ritrovarsi sdraiato per terra con un simpatico regalino di piombo fra gli occhi. Nulla di nuovo dunque né dal punto di vista del gameplay, né sotto quello dei controlli: Shellshock 2 infatti non fa nulla per emergere dalla massa, presentandosi con una mappatura dei comandi praticamente fotocopia di tanti suoi "cugini" più o meno famosi: grilletti per sparare e prendere meglio la mira, stick analogici per muoversi e puntare, tasti dorsali per lanciare granate e scattare in avanti, pulsanti per ricaricare e cambiare arma. Il gioco distribuito da Eidos mostra sin da subito le sue gravissime lacune presentandosi con un sistema di puntamento molto impreciso e raffazzonato, condito da un piuttosto evidente ritardo di risposta dei comandi. Come se ciò non bastasse, Shellshock 2 riesce ad affiancare agli ingiustificabili problemi di controllo un'intelligenza artificiale dei nemici assolutamente imbarazzante: i soldati Vietnamiti (e le loro controparti infette dal virus) altro non faranno che catapultarsi fuori dai loro ripari nel vano tentativo di cogliere di sorpresa il giocatore con un assalto frontale. Possiamo tranquillamente dimenticarci le raffinate tattiche di guerriglia ammirate nei più blasonati esponenti del settore (Halo 3 e Killzone 2), il gameplay di Shellshock 2 è quanto di più riduttivo e limitante visto negli ultimi anni. Gli unici intermezzi fra una raffica di M-60 e l'altra saranno dati da alcune fasi in stile Quick Time Event: in tali frangenti dovremo semplicemente premere la sequenza di tasti a schermo per poter evadere dalla prese degli avversari oppure per sfuggire a qualche letale imprevisto. Il già scarso coinvolgimento viene ulteriormente affossato da una trama che potremo definire spessa come di un foglio di carta ed originale quanto una telenovela sudamericana di basso livello. La vicenda già dalle prime battute lascia in bocca il sapore di già visto e l'unico colpo di scena degno di nota lo potremo ammirare solo durante la sequenza finale. Approfittando di tale affermazione, dobbiamo constatare come la longevità e la rigiocabilità siano altre note dolenti del gioco. I dieci capitoli in cui è divisa la campagna possono essere completati in poco meno di sei ore e senza particolari grattacapi, mentre è praticamente ridotta a zero la possibilità di riprendere in mano Shellshock 2. Tralasciando i masochistici intenti di intraprendere nuovamente le avventure di Nate Walker, stupisce come i Rebellion abbiano deciso di non introdurre alcun tipo di modalità online (sia competitiva che cooperativa), lasciando con un palmo di naso tutti gli appassionati di Deathmatch a squadre o Cattura la bandiera.
Senza Parole
ShellShock 2 - recensione - XBOX 360 La pietra tombale sul prodotto distribuito da Eidos viene messa dal comparto tecnico che, senza giri di parole, potremmo definire come estremamente scadente. Graficamente Shellshock 2 riesce nella non facile impresa di essere anni luce distante dagli standard qualitativi minimi visti in questa generazione, risultando in larga parte obsoleto anche per le console old gen. Texture di bassissima risoluzione, grossolanamente colorate con una smorta palette ricoprono i pochissimi poligoni che vanno a comporre degli scenari poveri, grotteschi e, dal punto di vista concettuale, del tutto stereotipati e già visti. I modelli poligonali, per quanto sia impossibile da pensare, riescono addirittura ad essere peggiori dell'ambiente che li circonda: impossibile non notare l'abnorme riciclo di texture e la quasi totale mancanza di particolari in grado di fornire un minimo di varietà (dandoci così la sensazione di combattere sempre i soliti quattro o cinque avversari), per non parlare delle pessime animazioni con cui vengono mossi o dell'assenza di una routine fisica in grado di gestire le reazioni ai colpi ed alle deflagrazioni (il tanto famigerato Ragdoll). Come se ciò non bastasse il titolo di Rebellion soffre a causa un frame rate bassissimo (il gioco non viaggia ad oltre 20 fps), di tutta una serie di errori di programmazione come bad clipping e compenetrazioni poligonali, della mancanza di effetti speciali degni di nota e, dulcis in fundo, di una stranissima calibrazione della luminosità. Shellshock 2 è infatti talmente scuro da rendere pressoché impossibile discernere buona parte degli elementi a schermo posti ad una certa distanza.
Il comparto sonoro, infine, presenta effetti scialbi e sotto certi aspetti irritanti (ci riferiamo al ripetitivo battito cardiaco), alcune insignificanti musichette di accompagnamento ed un doppiaggio italiano con delle voci dal timbro piuttosto orecchiabile ma non supportate da una recitazione quantomeno sufficiente.
Shellshock 2: Blood Trials si candida con pieno merito al titolo di gioco più brutto del 2009. Il titolo Rebellion riesce nella non facile impresa di risultare gravemente insufficiente sotto pressoché tutti i punti di vista: dal comparto tecnico, obsoleto ed in grado di sfigurare anche su hardware della scorsa generazione, al gameplay minato da un sistema di mira impreciso, alla longevità bassissima e al coinvolgimento praticamente nullo. Consigliamo dunque di stare bene alla larga e di rivolgere i sudati risparmi verso i tanti altri esponenti del settore, infinitamente più validi ed interessanti di Shellshock 2.
VOTOGLOBALE3

INVIA COMMENTO

ShellShock 2

Disponibile per: XBOX 360 | PC | PS3
ShellShock 2 - XBOX 360
Genere: FPS - Sparatutto in Prima Persona
Distributore: Leader
Data di Pubblicazione: 13/02/09
ShellShock 2
3
4
3
4
15 voti
3,1
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720 - Playstation 4
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD