XBOX 360: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
The Cursed Crusade > Recensione
26 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

The Cursed Crusade - Recensione

Inviato il da Lorenzo "Kobe" Fazio
A pochi giorni da Il Signore Degli Anelli: La Guerra Del Nord, torniamo ad occuparci di un altro action-RPG che, inizialmente annunciato in sordina, era stato capace di guadagnarsi la nostra curiosità. Merito di un plot intrigante al punto giusto, un design capace di ovviare ai limiti di un motore grafico non all’altezza con altre produzioni tripla A e un gameplay impreziosito dalla promessa del co-op online e in locale.
Dopo qualche ritardo di troppo, The Cursed Crusade è finalmente approdato anche nel nostro continente. E' sempre lecito chiedersi se valga o meno la pena di attendere con impazienza un titolo, e con il prodotto Atlus l’urgenza di una risposta è ulteriormente potenziata da una curiosità figlia di un paio di hands-on che ci avevano fatto ben sperare.
 
Maledette maledizioni
The Cursed Crusade - recensione - XBOX 360 La curiosità è donna, si dice, ma indipendentemente dal vostro sesso, siamo sicuri che avrete già sbirciato il voto a fondo pagina, con una foga ben restituita acusticamente dal ticchettio inconfondibile della rotella del mouse. Ebbene sì: il nostro giudizio finale è una sonora, pesantissima, ineluttabile bocciatura. Accanimento professionale? Sicuramente. Le conseguenze di una cocente delusione? Anche. Il rimpianto per un titolo eretto su buone basi, ma rovinato da un paio di grossi difetti? Assolutamente no. No, perché The Cursed Crusade è la dimostrazione lampante di come la cura per i dettagli non serva solo per creare capolavori, ma sia indispensabile anche quando si vuole produrre un buon gioco. Un gioco che in altre condizioni avrebbe sicuramente fatto la felicità di una fetta degli amanti del genere, attratti dall’ambientazione insieme storica e mistica.
Ma cominciamo dall’inizio. Partiamo insieme per quest’infernale viaggio maledetto (e scusate il gioco di parole).
Il titolo muove da basi storiche. Siamo a cavallo tra XII e XIII secolo e Papa Innocenzo III, non soddisfatto delle tre precedenti, sta per indire una nuova Crociata. In questo contesto si inseriscono i due protagonisti: Denz de Bayle, figlio di un crociato di cui si sono perse le tracce, e Esteban Noviembre, uomo la cui condotta morale è assolutamente discutibile. I destini dei due si incrociano non appena si accorgono di condividere la medesima maledizione: inseguiti dalla Morte in persona, che reclama la loro anima, sono in grado di combatterla e sfuggirle entrando in una dimensione alternativa a quella normale, di cui entrambi prenderanno gradualmente coscienza. Dopo varie vicende il duo si riunirà e deciderà di partire per la Quarta Crociata sia per cercare il padre di Denz, che per fare luce sulla maledizione che li perseguita.
Il plot, come anticipato, non manca di tirare in ballo fatti e personaggi realmente esistiti, annodando storia e fantasia in maniera piuttosto efficace. Purtroppo però, l’intreccio viene rovinato da una sceneggiatura quasi sempre incapace di mantenere il giusto grado di pathos. Sebbene non manchino riusciti sprazzi di comicità, ben sostenuti dal simpatico Esteban, Denz -al quale è invece affidata la parte seriosa della narrazione- fallisce in pieno il suo compito. Ciò è dovuto in larga parte a una recitazione virtuale e a un doppiaggio non all’altezza, ma anche a dialoghi fin troppo prolissi e incapaci di allontanarsi dall’ovvio o dal già sentito.
A conti fatti tuttavia, la trama rappresenta l’unico aspetto sopportabile di The Cursed Crusade. Se saprete resistere a un doppiaggio, solo in inglese, non all’altezza, il buon Esteban, quantomeno, sarà in grado di strapparvi qualche risata di tanto in tanto. Inoltre il plot, preso nella sua interezza, è comunque capace di invogliare il videogiocatore a scoprire come va a finire.
Tuttavia, basterà la trama per spingervi fino ai titoli di coda? Ma soprattutto: è sufficiente per alleviare le pene di un gameplay paragonabile a un girone dantesco?
Eppure sembra bello
The Cursed Crusade - recensione - XBOX 360 Fedele al filone degli action con qualche elemento RPG, The Cursed Crusade a una generale e veloce descrizione potrebbe anche dare l’impressione di essere un titolo nella media, uno di quelli senza infamia e senza lode. Del resto, come già anticipato, la produzione Atlus si poggia su basi assolutamente interessanti, per quanto prive di colpi di genio.
Innanzi tutto, il combat system sembra profondo e vario al punto giusto. Di livello in livello infatti potrete imparare nuove mosse che tirano in ballo diverse armi. Da spadoni a due mani, a mazze e gladi, passando per asce e scudi, in questo senso c’è solo l’imbarazzo della scelta, visto che ogni strumento d’offesa, eventualmente accoppiato con un altro, godrà di specifiche mosse ed eventuali combo.
Altra interessante caratteristica, queste saranno soggette ad usura, fino alla completa rottura. Ciò vi costringerà spesso a raccogliere da terra le armi lasciate cadere dai nemici e a tenere sotto controllo lo stato di quelle in vostro possesso.
Ssimilmente a quanto accade nel recentissimo Il Signore Degli Anelli: La Guerra Del Nord, il duo può anche contare sull’utilizzo di archi e balestre per colpire dalla distanza. Purtroppo, a differenza del titolo Warner Bros., in The Cursed Crusade non potrete sfruttare estensivamente queste armi secondarie, vista la scarsità di frecce su cui potrete contare e a causa della pesante inferiorità numerica in cui verserete di continuo, cosa che mal si sposa con i lenti tempi di mira e ricarica.
Sempre relativamente al combat system, la maledizione di cui soffrono Denz e Esteban giocherà un ruolo attivo. Premendo un pulsante infatti, entrerete in modalità demoniaca. Poco a sorpresa sotto questa forma non solo lo scenario si dipingerà di tinte infernali, ma sarete premiati con una velocità e forza fuori dall’ordinario. Non solo, ma potrete contare su abilità speciali come il lancio di sfere di fuoco o l’individuazione di passaggi altrimenti celati. Questa forma sarà comunque indissolubilmente legata a una specifica barra che se da una parte si ricaricherà automaticamente, dall’altra vi costringerà a un prematuro game over nel caso venga consumata del tutto.
In ambito RPG, oltre al già citato sistema di crescita relativo alle mosse, bisogna segnalare la presenza di determinate caratteristiche, come forza, armatura e costituzione, potenziabili tra un livello e l’altro.

INVIA COMMENTO

The Cursed Crusade

Disponibile per: PS3 | XBOX 360 | PC
Genere: Action RPG
Sviluppatore: Kylotonn Entertainment
Distributore: Leader
Pegi: 18+
Lingua: Inglese con Sottotitoli in Italiano
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione: 14/10/2011
The Cursed Crusade
4
3
3
4
20 voti
4.4
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC - Partita Iva :05619350720
Link Utili: Redazione | FAQ | Contatti | Lavora | Adv | Partners
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD