Anteprima Anno 1701

Torna Anno, con un terzo capitolo tutto da scoprire!

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Secolo che vai... Anno che trovi!

    A tre anni da Anno 1503, titolo che sul mercato seppe ritagliarsi un cospicuo numero di fans, e con un periodo di gestazione di oltre 24 mesi alle spalle, dedicati in parte allo sviluppo ma anche a prestare ascolto alla community dei giocatori, Sunflowers rispolvera il suo RTS portandoci dal 1500 al 1700, con Anno 1701. La community, preme a sottilineare la soft-co, ha rivestito un ruolo cruciale durante lo sviluppo di questo seguito, perchè non solo ha contribuito ad individuare gli aspetti meno riusciti del predecessore ma ha infuso una serie di idee e nuovi punti di vista che sono stati prontamente integrati senza stravolgere un gameplay di per sè convincente e ben rodato.

    Ma ora basta guardare al passato... c'è un impero ad attenderci!

    3 secoli fa...

    Ci troviamo, come da cappello introduttivo, agli inizi del XVIII° secolo; un'epoca caratterizzata da grandi esplorazioni e scoperte di nuovi territori, grazie soprattutto al trasporto marittimo che sta vivendo un periodo di forte espansione e consolidamento, a causa del sempre maggior numero di rotte percorse da navi, siano esse mercantili o di altra natura... un'epoca d'oro per i pirati!

    Proiettati in questa vecchia seppur nuova realtà, il compito che ci attende é semplice ed intuibile: la conquista del mondo, o meglio, dell'arcipelago che fa da teatro alle nostre gesta. Per attuare i nostri propositi di predominio globale saremo chiamati ad agire per espandere i confini dello stato che ci vede sovrani conquistando nuove terre con ogni mezzo e, in definitiva, progredire, come società, come potenza tecnologica o magnati dell'economia. La decisione finale riguarda solo noi ed il modo di relazionarci con le popolazioni e le culture con cui entreremo in contatto, valutando, secondo la loro propensione ad interagire con noi, il criterio con cui operare le scelte espansionistiche: essere belligeranti o pacifisti o, meglio ancora, politici é il primo grosso interrogativo che dovremo chiarire, o meglio chiarirci, perché la diplomazia rappresenta una componente determinante per la buona riuscita di questo gioco, in quanto ci si potrà rapportare alle altre fazioni in maniera leale ed onesta, oppure mediante losche macchinazioni sotterranee (in guerra, in amore, ma soprattutto nei videogames, tutto é lecito!).

    Poco importa il mezzo, il fine é qui l'unica cosa che conta e se riusciremo a progredire demograficamente, militarmente ed economicamente, ma soprattutto politicamente, potremo tranquillamente goderci il frutto di tanto lavoro.

    Da nord a sud!

    Inizieremo la scalata alla conquista del mondo da un paesello rurale: la nostra, momentanea, "nazione" sarà una spartana isoletta (seppur ricca di risorse naturali) una fra le numerose che, a bordo del nostro veliero, potremo colonizzare nelle fasi iniziali di gioco.

    A noi spetta l'onore e l'onere di edificare da una palafitta un vero e proprio impero costruendo tutto, dalle scuole alle chiese, dai negozi ai cantieri navali senza trascurare l'anima (i luoghi di culto e soprattutto le statue dei protettori) e l'istruzione del popolo, che rappresenterà un elemento fondamentale per l'espansione dei nostri possedimenti. Ignorare uno di questi aspetti potrebbe dare adito ad insanabili rappresaglie in quanto la popolazione produce ricchezza, contribuendo alla rapidità del progresso degli insediamenti, che prospereranno di pari passo con l'evoluzione tecnologica a patto di essere abili ad operare scelte oculate e tempestive. L'umore dei cittadini non sarà l'unica cosa di cui preoccuparsi: ciò che influirà sulla nostra marcia verso il potere é anche il fattore climatico e meteorologico.

    Le condizioni atmosferiche dell'ambiente che ci circonda sono caratterizzate principalmente da aree settentrionali ed aree meridionali, contraddistinte dai macro-climi tipici delle varie zone. La diversità meteorologica e geologica porterà in seno calamità naturali differenti, quali uragani al sud, tanto per citarne uno. I cataclismi avranno un ruolo cruciale nell'economia di gioco e, se sottovalutati, potrebbero determinare la prematura dipartita delle nostre ambizioni. Inondazioni, colate piroclastiche di vulcani, terremoti, maremoti e via dicendo sono alcuni dei passatempi con cui ci spetterà entrare a contatto, il che, converrete, dona un senso di dinamismo e costante vivacità al gioco... gli imprevisti sono uno dei piaceri della vita e gli sviluppatori, anche se di calamità..., ne hanno intuito l'importanza.

    Un documentario fantasioso

    Ogni area, quindi, è ben contraddistinta e rappresentata da flora e fauna... cura per i particolari ha quasi del maniacale! Sarà possibile effettuare ingrandimenti e rimpicciolimenti con la telecamera oltre che modificare l'angolo di visuale al fine di rendere la nostra avventura il più immersiva possibile; supportati anche da un buon comparto sonoro: un borbottio costante e lamentoso, ad esempio, ci avviserà quando le cose non saranno particolarmente gradite ai popolani, mentre hurrà di gioia faranno da colonna sonora nei momenti di prosperità della nostra nazione. Gli animali che vivono nelle foreste si fanno sentire in continuazione: barriti di elefanti, stridii di pappagalli possono rendere bene l'idea...

    Inoltre le voci dei PNG principali che avranno il piacere di interagire con noi sono credibili e convincenti, o almeno, nella versione di prova, in inglese. Oltre all'impegno profuso nei comparti sonoro e grafico c'é da aggiungere quello della documentazione: non possiamo esimerci dal notare che é stata anche implementata dagli sviluppatori una particolare enciclopedia, l'ANNOpedia, che ci aiuta a conoscere meglio il gioco e a coglierne i vari aspetti e peculiarità, spiegando anche i vari comandi utente (utile soprattutto a chi, come noi, non si é voluto sorbire l'esaustivo ma lento tutorial).

    Facendo rotta verso i nostri PC...

    La possibilità di vivere un documentario a 360° su usi e costumi del 1700 é una delle chiavi di lettura possibili: il titolo, seppur accurato, é forse un po' lento come trama e dinamicità di evoluzione. A livello medio si dedica gran parte del tempo a crescere tecnologicamente, costruendo attrezzi per svolgere le mansioni più varie; bisognerà fare affidamento soprattutto sul commercio marittimo ed é qui forse il punto negativo: le traversate sono lunghe e spezzano il ritmo. Ciò potrebbe anche rappresentare un punto a favore in quanto garantisce una maggiore durata che i videogiocatori amanti del genere non potranno non apprezzare ma c'è da dire che con ogni probabilità anche gli avversari controllati dal computer avranno i nostri stessi problemi, limitandosi a complimentarsi con noi o a rimproverarci per nostre scelte che non gli andassero a genio.

    Difficile essere attaccati anche se si effettuano azioni scorrette nei loro confronti: un rimbrotto e uno sguardo in cagnesco e' quello che otterremo in diversi casi, soprattutto nelle prime, lunghissime, isole. Gli unici dotati di maggior verve sono i pirati che incrociandoci sul loro cammino, seppur con mezzi di fortuna, non ci penseranno troppo ad attaccarci anche se sferrando loro un contrattacco degno di note, anziché vendicarsi, si daranno ad una mesta ritirata. IA, quindi, da calibrare ed affinare anche se talvolta il modo di agire dei personaggi controllati dalla CPU fa pensare che gli sviluppatori stessi abbiano adottato un approccio più lascivo, meno reattivo alle nostre azioni.

    L'altro aspetto che forse andrebbe curato meglio, ma che non mina comunque il gioco, é l'impatto visivo delle calamità naturali: non sono dettagliate come il mondo che le "ospita" a prescindere dalla risoluzione utilizzata e dalla scheda grafica adottata che anche con il dettaglio minimo, a livello di paesaggio circostante mantiene una definizione dei particolari e molto buona anche se, spostando la visuale in maniera rapida, il framerate cala paurosamente.

    Anno 1701 Anno 1701 ha tutte le carte in regola per bissare il successo del suo precedessore a cui si aggiunge la modalità di gioco multiplayer, che gli sviluppatori promettono essere avvincente ed intrigante. Nella versione in nostro possesso non è stato possibile valutarla, poichè non presente, ma non bisognerà attendere molto prima di avere fra le mani il gioco completo!

    Quanto attendi: Anno 1701

    Hype
    Hype totali: 0
    ND.
    nd