Astro's Playroom PS5: il gioco gratis per scoprire le qualità del DualSense

Preinstallato in tutte le PlayStation 5, il platform di Sony Japan Studio permetterà da subito di sondare le feature distintive del nuovo DualSense.

Astro's Playroom e le funzioni del DualSense
Anteprima: PlayStation 5
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS5
  • Se durante la scorsa generazione avete avuto la fortuna di assaporare l'ottimo Astro Bot Rescue Mission, oppure la sua versione prototipale, Alla Ricerca dei Robot, è plausibile che stiate attendendo Astro's Playroom con una certa dose di curiosità. Infatti, così come le due esperienze per PlayStation VR erano volte a mostrare le enormi possibilità insite nella Realtà Virtuale, anche il nuovo platform incentrato su Astro e gli altri robottini di Sony sceglierà d'indossare un abito dalle sfumature sperimentali, introducendo, in forma pienamente giocabile, tutte le principali funzionalità del DualSense di PlayStation 5. Un piccolo boccone di next-gen che, per altro, il colosso di Tokyo offrirà alla sua utenza "a costo zero", essendo il gioco precaricato su tutti i modelli di console che verranno messi in commercio, pronto a farsi spolpare senza che sia necessario metter mano ulteriormente al portafogli.

    Un'avventura sensoriale

    Nonostante le premesse possano far pensare l'esatto opposto, va anzitutto messo in chiaro che Astro's Playroom non sarà una semplice demo, bensì un videogioco fatto e finito.

    Le dichiarazioni rilasciate recentemente dai ragazzi di Asobi - team interno di SIE Japan Studio messo alla guida del progetto - non lasciano dubbi a riguardo: il titolo proporrà un viaggio lungo tra le quattro e le cinque ore di gioco, una breve avventura comprensiva di quattro mondi e una serie di livelli speciali, questi ultimi legati all'opportunità di entrare a far parte delle leaderboard online. La formula ludica sarà in prevalenza quella dei giochi di piattaforme in tre dimensioni, cui dovrebbero alternarsi, di tanto in tanto, dei momenti tipicamente in stile 2.5D. Passando poi alla composizione scenografica, sappiamo che Astro verrà catapultato fra i quadri di ambientazioni piacevolmente tradizionali. Dai vari trailer e video di hands-on apprendiamo che dall'interno di un hub centrale pieno di omaggi all'universo PlayStation - la CPU Plaza - il personaggio potrà raggiungere le calde spiagge di una location marittima, i ghiacci scivolosi di un ambiente invernale, i sentieri verdeggianti di una giungla e infine uno spazio avulso da ogni genere di paesaggio naturale, artificialmente venato di luci a LED.

    Pertanto eventi e cambi climatici saranno all'ordine del giorno, che è poi un modo facile, ma potenzialmente efficace, per evidenziare le qualità del feedback aptico, forse l'elemento distintivo per eccellenza del nuovo pad di PS5.

    Trasmettere in forma scritta le impressioni derivanti da questa particolare feature, neanche a dirlo, è un compito decisamente arduo, a maggior ragione non avendo ancora avuto modo di testarla con un DualSense stretto fra i palmi. Secondo chi ha avuto questo privilegio, comunque, gli effetti tattili saranno straordinariamente concreti e diversificati in base alle situazioni che il robotico alter ego si ritroverà ad affrontare volta per volta.

    Il feeling respingente e "granelloso" che si avvertirà camminando in direzione inversa rispetto a una tempesta di sabbia sarà quindi ben distinguibile da quello che emergerà slittando sopra una lastra ghiacciata, evidentemente contraddistinta da una risposta sensoriale più sgusciante. Inutile poi specificare che a sostegno del senso d'immersività interverranno pure i suoni provenienti dallo speaker integrato nella periferica, anch'essi coerenti con tutto ciò che si manifesterà sullo schermo.

    Androide a pressione

    Chiaramente Astro's Playroom rappresenterà anche un buon banco di prova per l'altra caratteristica peculiare dei DualSense di PlayStation 5, ossia l'adattività dei nuovi grilletti. Fra tutti i segmenti osservati nel corso dei vari playtest, quello più utile a intuirne i possibili impieghi creativi riguarda una fase a scorrimento laterale in cui l'avatar entra in contatto con una stramba tuta a molla, sorta di buffo ranocchio cibernetico.

    Ogniqualvolta Astro vestirà i panni dell'anfibio, il giocatore potrà gestirne i salti da ogni singolo punto di vista: sarà messo nelle condizioni di poterne regolare l'energia in base alla pressione dei tasti L2 e R2, nel contempo definendo la direzione del balzo tramite giroscopio e accelerometro.

    Neanche a dirlo i trigger adattivi rivestiranno un ruolo importante anche nelle sezioni di puro platforming 3D. La conferma giunge nientemeno che dalle parole del game director Nicolas Doucet, il quale ha fatto riferimento ai momenti in cui il piccolo eroe s'impossesserà di un jet pack studiato per farlo librare tra una superficie e l'altra. In questi frangenti l'utente avrà il potere di calibrarne la spinta propulsiva al millimetro, e non è da escludere che, all'esaurirsi del power-up, i grilletti possano persino iniziare a opporre resistenza all'azione delle dita.

    A parte questo, non va dimenticato che Astro's Playroom sarà verosimilmente ricco di piccoli enigmi ambientali, pretesto perfetto per riservare qualche attenzione anche alle funzioni del microfono interno al controller. Parla chiaro un frammento di gameplay incentrato sulla necessità di roteare una girandola senza toccarla, compito da portare a termine soffiando fisicamente nel dispositivo, così da interagire direttamente con l'oggetto virtuale. Chissà che non sia solo la prima di tante sfide... "a sbuffo".

    Astro's Playroom Più di ogni altra cosa, Astro’s Playroom punta insomma a essere l'ufficiale apripista delle magie tecnologiche che, grazie all’avvento del DualSense, ci accompagneranno nel corso dell’intero ciclo di vita di PlayStation 5. Detto questo, è bene non sottovalutare il vivace robottino di Japan Studio nemmeno sotto il profilo dell’esperienza platform in sé e per sé. Perlomeno i filmati e le notizie pubblicati sino ad oggi suggeriscono che il prodotto possa avere qualche -pur piccolo- asso ludico nella manica. Tutto grasso che cola, considerando i suoi intenti sostanzialmente dimostrativi.

    Quanto attendi: Astro's Playroom

    Hype
    Hype totali: 42
    85%
    nd