Blue Protocol: gameplay e novità sull'MMO in stile anime di Bandai Namco

Bandai Namco ha alzato il sipario su alcune delle caratteristiche di Blue Protocol: scopriamo il nuovo MMORPG per PC.

Blue Protocol
Anteprima: PC
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • L'annuncio di Blue Protocol ha saputo conquistarsi rapidamente l'attenzione di molti appassionati di MMO. Con un setting spiccatamente fantasy ed uno stile grafico fortemente ispirato alle produzioni anime giapponesi, questa nuova creatura videoludica è stata per diverso tempo avvolta da una fitta nebbia di mistero, che ha iniziato a diradarsi solo di recente. Dopo il reveal datato estate 2019 ed una prima fase di Alpha Test, il team di Project Blue Sky, che raccoglie al suo interno membri di Bandai Namco Online e Bandai Namco Studios, è ora pronto a dare il via ad una ricca Closed Beta. Attesa per la fine di marzo, quest'ultima accoglierà la bellezza di 50.000 giocatori, che potranno andare alla scoperta del titolo per circa 75 ore, distribuite nell'arco di quattro giornate. Per celebrare l'avvicinarsi di quest'importante tappa nel processo di sviluppo, gli autori di Blue Protocol hanno inaugurato un programma di dirette streaming, che hanno offerto informazioni e spunti alquanto interessanti.

    Un'antica civiltà divina ed un misterioso potere: il mondo di Regnus

    Dopo averne plasmato l'aspetto grazie ad un apposito editor, il nostro alter-ego digitale sarà pronto ad avventurarsi all'interno del coloratissimo universo di Blue Protocol, creato dagli sviluppatori tramite il versatile Unreal Engine 4.

    L'inizio del viaggio è tuttavia alquanto turbolento. Dalle profondità di una misteriosa luce, dalle tonalità che spaziano lungo diverse intensità di blu e viola, si leva una voce lontana: è quest'ultima a risvegliarci da un sonno di cui ignoriamo le origini. Ci ritroviamo così, smarriti e confusi, a muovere i nostri primi passi all'interno di un'angusta caverna.

    Neppure il tempo di provare a capire cosa stia accadendo, che una giovanissima ragazza si precipita a capofitto nella grotta, inseguita da un mostro che non esita a scagliarci contro con violenza l'arma che brandisce.

    Fortunatamente, nonostante il torpore che ci ottenebra la mente, i nostri riflessi sembrano essere più che vigili: evitato l'attacco, siamo pronti ad allearci alla minuta sconosciuta. Già dotati di spada e scudo, è il momento di affrontare l'ostile creatura: qualche fendente ed un paio di parate sono sufficienti a mettere a tacere la minaccia. Comprensibilmente, il nostro avatar è rimasto piuttosto provato da quest'improvvisa scarica di adrenalina e nello spazio di pochi secondi cade nuovamente a terra svenuto.

    Al nostro (secondo) risveglio, l'accoglienza è decisamente più adeguata alle condizioni di un viaggiatore spossato e confuso: la ragazza che abbiamo salvato si è infatti sdebitata conducendoci alla locanda di una grande città. Da qui, potremo iniziare ad esplorare il mondo di gioco. Ci troviamo su Regnus, pianeta che vanta una storia ammantata di poteri arcani e magia. Sulla sua superficie ha un tempo prosperato una stirpe divina, i Bapharian, in grado di esercitare il proprio controllo su di una mistica forma di luce detta Engram, grazie alla quale si era persino guadagnata il potere di controllare il tempo.

    A millenni di distanza, di questa antica civiltà non restano nient'altro che rovine, preziosi tesori ed un oscuro segreto, mentre il pianeta ha visto svilupparsi sulla sua superficie il genere umano. Il giocatore sarà dunque chiamato a dipanare la matassa di mistero che avvolge questo "paradiso rinnegato", prima che ogni sforzo diventi vano. Sul futuro di Regnus incombe infatti un cupo destino di distruzione, che dovremo cercare di evitare ad ogni costo, unendo le forze con numerosi alleati ed "attraversando le terre, i mari ed il tempo".

    Regnus si presenta come un mondo di gioco animato da atmosfere che si rifanno al filone degli universi fantasy medievali. Arricchite da alcuni tocchi di modernità e dipinte con colori sgargianti, queste ultime vantano uno stile anime che appare, a primo impatto, decisamente curato. Tra le ambientazioni presentate da Project Blue Sky spicca una grande città, brulicante di vita ed attività commerciali. Dominata da grandi palazzi e da una vista sul mare, il luogo accoglie diversi punti d'interesse. È ad esempio presente una stazione di frontiera, dove è possibile accettare quest, un istituto di ricerca, una locanda animata da musicisti, una spiaggia attrezzata ed un porto presso il quale galleggia placida una gigantesca imbarcazione. Col calare della notte, le strade e gli edifici si illuminano progressivamente, mentre la luna spunta nel cielo offrendo scenari decisamente pittoreschi.

    Il nostro alter ego videoludico non ha problemi a cimentarsi nell'esplorazione del luogo: può infatti correre, compiere balzi da altezze considerevoli, spostarsi lungo i tetti di palazzi e abitazioni e nuotare. Il nostro girovagare è agevolato dalla presenza di una minimappa nell'angolo superiore sinistro della schermata. Dal menu di gioco è inoltre possibile visionare la planimetria dell'area che si sta attraversando, arricchita da icone che indicano le diverse attività presenti in loco. Su quest'ultima è anche possibile posizionare diverse tipologie di segnalini per evidenziare luoghi di particolare interesse. Innocue sfere di luce azzurra, infine, consentono di teletrasportarsi rapidamente nei diversi quartieri della città.

    Classi, Abilità e Skill

    Le potenzialità di ogni personaggio sono definite da un ampio set di parametri, influenzati da un tradizionale sistema di progressione a livelli e relativi ad attacco, difesa e caratteristiche di base (forza, resistenza, destrezza, intelligenza, potere mentale). In aggiunta alle armi che porta con sé, il protagonista ha la possibilità di disporre di quattro Skill e di tre Abilità, entrambe equipaggiabili in appositi slot presenti nel menu di gioco. Con il progredire dell'avventura sarà possibile ottenere punti da investire nello sviluppo delle nostre speciali capacità, lungo un articolato skill tree.

    È prevista la possibilità di resettare completamente la board dedicata, ottenendo così una nuova chance di distribuzione dei punti raccolti. Per farlo sarà necessario possedere uno strumento apposito, ottenibile sconfiggendo boss o tramite l'acquisto presso negozi selezionati.

    Sino ad ora, il team Bandai Namco ha presentato quattro diverse classi personaggio, che andranno ad influenzare lo stile di combattimento adottato dal protagonista. Un Aegis Fighter, ad esempio, ha come caratteristica dominante la propria forza fisica ed è adatto a sferrare attacchi ravvicinati. Armato di spada, è in grado di attrarre su di sé l'attenzione dei nemici, così da ridurre la pressione sui propri compagni di squadra. È inoltre dotato di scudo, il cui utilizzo è vincolato ad un'apposita barra: ogni volta che pareremo un attacco, parte di questa si svuoterà. Per riempirla nuovamente, sarà sufficiente non difendersi per un breve periodo di tempo.

    La classe Twin Striker caratterizza un combattente più agile, il cui focus principale è la rapidità di attacco. Per questa ragione, affronta gli avversari maneggiando un'ascia in ciascuna mano, cercando di mettere a segno potenti combo dalla breve distanza. Assestando colpi aumenteremo il potere dei nostri assalti, andando ad accrescere un apposito indicatore. Quando questo raggiungerà il massimo, si genererà il 130% di danni in più rispetto ad un attacco base. Nel caso in cui si venga colpiti da un avversario, tuttavia, il valore crollerà immediatamente a zero, vanificando gli sforzi precedenti.

    Come facilmente intuibile dal nome, la classe Blast Archer definisce guerrieri abili nell'utilizzo di arco e frecce, e dunque particolarmente adatti ad ingaggiare battaglia dalla lunga distanza. Per colpire il proprio bersaglio è possibile ricorrere sia ad un sistema di lock sia regolare manualmente la mira. Quest'ultima opzione risulta la più adatta per centrare i punti deboli di un particolare nemico. Grazie alle proprie abilità, l'arciere è inoltre in grado di scoccare frecce capaci di addormentare od avvelenare l'avversario.

    Infine, troviamo la classe dello Spell Caster: maestro nelle arti magiche, riveste di fatto il ruolo di incantatore. Armato di bacchetta, può scatenare sortilegi elementali in grado di generare sfere infuocate, tempeste di ghiaccio o potenti fulmini. I suoi incantesimi possono inoltre produrre speciali effetti sui nemici, ad esempio rallentandone l'azione. In quanto mago, lo Spell Caster può dedicarsi anche alle evocazioni. Particolarmente interessante, in tal senso, la possibilità di chiamare a sé creature simili a lupi, che possono essere utilizzate come cavalcature d'eccezione.

    Un ambizioso free-to-play

    Attualmente, Blue Protocol è privo di una data di pubblicazione precisa. Il team di sviluppo ha già ufficializzato che il gioco esordirà come free-to-play, con implementazione di microtransazioni legate ad oggetti cosmetici. Prevista inoltre la commercializzazione di una sorta di Season Pass, sul quale non sono però stati offerti molti dettagli. Ad ora, l'ambizioso MMORPG è atteso in esclusiva su PC e l'unico mercato di destinazione confermato è quello giapponese. I giocatori europei non devono però disperare: un recente annuncio di lavoro pubblicato da Bandai Namco e dedicato ad un direttore della localizzazione per Blue Protocol sembra infatti offrire speranze per un'edizione occidentale del gioco.

    Oltre a quanto già mostrato, Project Blue Sky è al lavoro anche su di una significativa mole di ulteriori contenuti. È stato ad esempio confermato che gli sviluppatori hanno in programma di elaborare classi di gioco aggiuntive rispetto alle quattro già presentate. Ma non solo: il team sta riflettendo sull'introduzione di un sistema di Gilde, mentre opzioni legate ad attività differenti da sfide e combattimenti sono anch'esse in discussione.

    Blue Protocol Blue Protocol mette in campo uno stile grafico decisamente accattivante, accompagnato da un combat system dalla natura fortemente action e fondato su di un sistema di classi. Al momento, è tuttavia complesso offrire una panoramica elaborata sulle potenzialità della produzione: molti degli elementi su cui il team è al lavoro non sono infatti stati ancora presentati, mentre il gameplay mostrato ha coinvolto per lo più un'unica area del mondo di gioco. La scelta di approdare sul mercato come free-to-play potrebbe contribuire a rendere il titolo una presenza interessante nel panorama degli MMORPG, ma, anche su questo fronte, risulta comunque opportuno attendere maggiori dettagli, in particolare su quelle che saranno le caratteristiche definitive di Season Pass e microtransazioni. Fortunatamente, gli appassionati del genere possono aspettarsi nuove informazioni relativamente a breve: altri streaming dedicati a Blue Control accompagneranno infatti il percorso di avvicinamento al lancio della Closed Beta, che includerà al suo interno parte della storia e numerosi contenuti aggiuntivi rispetto all'Alfa Test, con molteplici Skill inedite, aree da esplorare, dungeon e boss.

    Quanto attendi: Blue Protocol

    Hype
    Hype totali: 15
    82%
    nd