Anteprima Dead Rising: Chop Till You Drop

Arrivano gli Zombie anche su Wii!

anteprima Dead Rising: Chop Till You Drop
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Wii
  • Dead Rising, uno dei primi titoli ad inaugurare la seconda generazione di software per Xbox 360, è pronto per imperversare anche su Wii. L’acclamato prodotto firmato Capcom ottenne un grandioso successo di critica che gli permise, oltre che di vendere un cospicuo numero di copie, di essere tuttora uno dei giochi più gettonati (le richieste di un seguito da parte dei giocatori sembrano provarlo). Il merito è della spensieratezza e della freschezza di un gameplay incredibilmente immediato, che permette al giocatore di affrontare orde di zombie (letteralmente centinaia) con una gamma vastissima di armi, molte delle quali ironicamente improvvisate.
    A distanza di più di due anni dalla release per la console Microsoft, è pronto il Wii-Make del gioco, chiamato Dead Rising: Chop 'till you Drop. Il titolo non prevede sostanziali novità sotto il profilo della story-line e tutto ciò che concerne gli eventi e le ambientazioni. A grandi linee infatti Capcom riproporrà la stessa formula vincente del passato, riservando tutte le novità per il gameplay. L’implementazione dei comandi del Wii ha infatti richiesto un lavoro particolare, in quanto un buon risultato avrebbe fatto guadagnare molti punti al titolo, altrimenti davvero troppo simile a quello di due anni fa. Da ciò che si è potuto notare (grazie alle tech-demo rilasciate dagli sviluppatori a Lipsia), il gioco promette di donare una seconda giovinezza a questo divertente Action.

    Un occhio al capitolo originale...

    Come tutti i giornalisti freelance, Frank West è alla ricerca dello scoop della sua carriera. E’ nomale quindi che, appresa la notizia di una misteriosa quarantena imposta ad una cittadina nell’entroterra statunitense di nome Wilamette, non ci pensi su due volte e parta per l’avventura. Sorvolando con un elicottero lo spazio aereo della cittadina, e scatta le prime foto al subbuglio che imperversa per le strade. Scorge nella confusione un eliporto situato sul tetto dell’enorme centro commerciale che troneggia sulla piccola città, e dà ordine di atterrare. Comincia così l’avventura di Frank nel centro commerciale degli orrori: non passerà molto infatti prima che scopra che l’intera popolazione abitante è stata trasformata, per qualche strana ragione, in zombie cannibali. Altalenando fra spirito di sopravvivenza e l'anima giornalistica, la priorità sarà quella di salvarsi la pelle per 72 ore, ovvero finchè l’elicottero non tornerà a prendere Frank.
    Una storyline molto semplice fa da cornice ad un gioco che fonda la sua anima ludica sul divertimento spensierato. Dead Rising non ama prendersi sul serio, nonostante ci sia in gioco la vita di molte persone. L’ironia che sfuma i contorni del titolo ci porterà a combattere con spade giocattolo o enormi peluches, magari vestiti da donna con tacchi a spillo e indossando un enorme copricapo Lego in testa. Ogni elemento dello scenario è interattivo, e sul campo dovremo trovare cibo e armi, eventualmente saccheggiando anche negozi di vestiario e librerire (i volumi teorici sono utili per ottenere interessanti bonus, se tenuti nell’inventario). L’inesauribile scorta di articoli fruibili nell’attrezzatissimo centro commerciale fa si che l’azione non abbia mai pause di rilievo. La lentezza degli zombie è un pretesto per rifocillarsi (e così recuperare energia eventualmente perduta negli scontri) e rimpinguarsi di armi.
    Sebbene il gioco lasci una discreta libertà al giocatore, che volendo può attivare in questa incarnazione la Rambo-mode e abbattere zombie per ore, è stata strutturata ovviamente anche una modalità principale. Frank tutto sommato è un giornalista alla caccia di uno scoop, per cui la ricerca della verità che è dietro la tragedia degli abitanti di Wilamette è l’obiettivo primo del suo lavoro. La storia, che scoprirà pian piano tutti i retroscena della vicenda, è suddivisa in tanti casi perseguibili ad uno ad uno secondo uno schema propedeutico: la risoluzione di uno ci istruirà su come proseguire al prossimo. Un sistema di finali multipli eleva notevolmente il replay value.

    ... e un altro al capitolo che verrà.

    Le novità della versione Nintendo verteranno soprattutto sul gameplay, come già accennato in precedenza. Innanzitutto è stata posta l’attenzione su alcune imperfezioni del titolo originale, suggerite dai commenti dei fruitori del gioco: il save system, che in precedenza costringeva il giocatore a recarsi in determinate stanze, è ora molto più elastico. Al termine di ogni caso sarà infatti possibile salvare la propria partita, evitando spiacevoli inconvenienti derivati dagli interminabili scontri con gli zombi. Nell’ ipotesi poi che stiate lavorando ad un caso, e decideste di focalizzare l’attenzione sul salvataggio di un superstite intrappolato chissà dove nel centro commerciale (una sorta di missione secondaria, presenti a iosa per tutto il gioco) non riceverete più nessuna penalità sul tempo impiegato a risolvere il caso principale. In più, per motivi legati ai nuovi controlli del Wii, è stata data maggiore enfasi soprattutto alle armi da fuoco. Sono disponibili ora ben quattro slot solo per queste tipologie di armi, a sottolineare che saranno loro le vere protagoniste. Il WiiRemote permette infatti una grande immedesimazione nei controlli, e la mira sarà più che mai intuitiva e soddisfacente. Il controllo delle armi bianche, come anche la gestione di determinate situazioni derivate dall’aggressione diretta di uno o più zombie, saranno affidate anch’esse all’agitamento del WiiRemote, abbinato all’uso classico dei tasti.
    Per quanto concerne, infine, l’aspetto estetico, il gioco sfrutterà lo stesso motore grafico utilizzato per la trasposizione su Wii di Resident Evil 4. Dai video rilasciati fin’ora si può ampiamente notare come sia stato fatto un egregio lavoro sotto questo punto di vista, che insieme poi all’introduzione dei nuovi comandi, renderà Dead Rising di nuovo fresco e accattivante.

    Dead Rising: Chop Till You Drop Dead Rising fu una graditissima sorpresa per tutti i possessori di Xbox 360. Un gioco originale, semplice, e molto divertente. Sebbene la scelta di non cambiare nulla della storia, nè eventi centrali nè tanto meno finali, risulti controversa, Dead Rising: Chop Till You Drop ha le potenzialità per stupire anche i possessori della console Nintendo, grazie ad un gameplay ristorato dall'adattamento al WiiRemote e al motore grafico già visto in Resident Evil 4.

    Che voto dai a: Dead Rising: Chop Till You Drop

    Media Voto Utenti
    Voti: 23
    6.8
    nd