Destruction AllStars: lotte tra macchine su PlayStation 5

Collisioni automobilistiche, piloti abili nel parkour e abilità speciali: Destruction AllStars propone su PS5 una formula di gioco chiassosa e intrigante.

Destruction AllStars
Anteprima: PlayStation 5
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS5
  • C'è un po' di Gran Bretagna nella line-up di lancio di PlayStation 5. Tra i giochi pronti a debuttare al Day One della console next-gen, troviamo infatti Destruction AllStars, peculiare produzione nata negli studi di Lucid Games, team di sviluppo indipendente di stanza a Liverpool. Ponendo il pubblico nei panni di improbabili piloti con una particolare predilezione per il caos e il rischio estremi, il titolo invita a conquistarsi il titolo di vera e propria leggenda della distruzione automobilistica. Cosa significa esattamente? Ecco che cosa abbiamo potuto scoprire sino ad ora!

    La Federazione Globale della Distruzione

    Destruction AllStars propone ai giocatori di cimentarsi in una competizione sportiva quantomeno insolita. Nei panni di professionisti della Federazione Globale della Distruzione, ci ritroveremo ben presto a fare il nostro ingresso in arene tanto spettacolari quanto folli, da percorrere a tutta velocità a bordo di rombanti e letali veicoli. Il nostro obiettivo, del resto, è decisamente poco ortodosso: danneggiare e distruggere le vetture avversarie, in uno scontro che non sembra escludere il ricorso ad alcun espediente.

    Nei panni di eccentrici ed atletici concorrenti, ci ritroveremo a fare ingresso in uno stadio dove una serie di veicoli ci attendono pazienti. Raggiunta la relativa sicurezza di un abitacolo, prenderà il via una furiosa competizione volta all'annientamento degli avversari. Sfruttando le peculiarità di ciascuna vettura, i giocatori dovranno combinare un approccio difensivo e offensivo: sfrecciando alla massima velocità all'interno dell'arena, si dovranno schivare gli assalti altrui e cercare al contempo di assestare quanti più danni possibili tramite collisioni attuate col giusto tempismo.

    Caratteristica peculiare, le nostre opportunità di vittoria non si esauriranno una

    volta che il nostro veicolo sarà ridotto ad un ammasso di lamiera fumante: anche appiedati, gli AllStars possono infatti continuare a combattere! Estremamente agili e abili nel parkour, questi improbabili sportivi possono cimentarsi in acrobazie volte a schivare gli attacchi avversari o a improvvisare furti di veicoli e manovre ingannevoli. Ogni arena risulta attrezzata con piattaforme sopraelevate sulle quali cercare una sicurezza almeno temporanea, ma siamo piuttosto certi che sostarvi a lungo non risulterà particolarmente conveniente.

    A rendere il tutto ancora più dinamico, troviamo la possibilità per ogni personaggio di sbloccare alcuni boost speciali. Ciascun AllStars vanta infatti un'abilità unica in grado di garantirgli un prezioso vantaggio competitivo sugli avversari, alla quale si affianca la capacità di attivare un veicolo speciale, dotato di caratteristiche offensive particolarmente distruttive. Complessivamente, dunque, gli scontri proposti dalla produzione vedranno i piloti fronteggiarsi sia all'interno sia all'esterno dell'abitacolo, tra corse, pericolo di investimenti e tamponamenti sfrenati!

    Distruzione in solitaria e in compagnia

    L'offerta ludica assemblata da Lucid Games include diverse modalità di fruizione della produzione, plasmata per rappresentare un'esperienza godibile sia in single player sia in multigiocatore.

    Sul primo fronte, Destruction AllStars promette competizioni da affrontare con un gruppo selezionato di atleti giocabili. Non è chiaro se quest'ultima assumerà la struttura di una vera e propria campagna, ma la conferma della presenza in-game di sequenze cinematiche narrative volte a esplorare le motivazioni dei personaggi potrebbe rappresentare un indizio in tal senso. Ad ogni modo, i contenuti riservati al single player non sembrano essere pochi. Il team di sviluppo fa accenno a "oltre 50 eventi" da sbloccare giocando e nei quali dimostrare di essere una vera leggenda della distruzione. Sfidare l'IA consentirà inoltre di garantirsi l'accesso a nuove Skin, Emote e Banner.

    Per quanto concerne invece il comparto multigiocatore, anche in questo caso il team di sviluppo non sembra aver voluto lesinare sulla mole di contenuti proposti. Destruction AllStars consentirà di cimentarsi in match online da 16 giocatori, per competizioni sia amichevoli sia classificate. Sarà inoltre possibile sfidare gli avversari in sessioni a partita multipla, mentre non mancheranno all'appello nemmeno eventi speciali, durante i quali mettere alla prova le proprie abilità con regolamenti temporanei. Elemento interessante, Lucid Games ci invita a entrare nell'arena "da solo o con i tuoi compagni di squadra": non ci sentiamo dunque al momento di escludere la presenza in Destruction AllStars di competizioni a squadre.

    Nel presentare la produzione, gli sviluppatori di Lucid Games hanno già

    confermato di star conservando nel cassetto una tabella di marcia post-lancio volta a espandere i confini dell'esperienza. Tramite aggiornamenti gratuiti, gli autori mirano a rendere disponibili nuove funzionalità e modalità completamente inedite, oltre a variazioni per quelle già esistenti. Non vi sono al momento dichiarazioni ufficiali in tal senso, ma è probabile che nel tempo Lucid Games possa rendere l'esperienza di gioco più dinamica anche tramite l'introduzione di ulteriori personaggi, arene e veicoli, con aggiunte strutturate su base stagionale.

    La scheda descrittiva di Destruction AllStars presente sul portale PlayStation conferma la presenza nel titolo di un sistema di microtransazioni. Su quest'ultimo non sono stati al momento offerti dettagli, ma sembra realistico ipotizzare che possa coinvolgere in maniera esclusiva la personalizzazione estetica dell'esperienza, alla quale Lucid Games promette di riservare un occhio di riguardo. Accanto a una selezione di Skin, Emote, Banner e Avatar sbloccabili tramite progressione in-game, ci aspettiamo dunque di trovare altrettanti item riservati all'acquisto con valuta reale.

    Gli AllStars: tra motori e parkour

    Al debutto, la creatura di Lucid Games proporrà un cast composto da 16 AllStars, per un roster dalle proporzioni non indifferenti. A disposizione dei nostri esperti globali di distruzione automobilistica, troviamo un parco vetture costituito da 28 veicoli, differenziati per grado di velocità e maneggevolezza. Più contenuto è invece il numero di ambientazioni, con sole 5 arene per ora confermate per i frequentatori della Federazione Globale della Distruzione.

    Come accennato, ogni pilota vanterà a curriculum un'abilità unica, in grado di offrire un interessante vantaggio sugli avversari. Nel presentare il gioco, il team di sviluppo ha offerto alcuni esempi di ciò che possiamo aspettarci. Il personaggio di Shyft, ad esempio, potrà sfruttare una tecnologia di occultamento per divenire temporaneamente invisibile e assumere non vista il controllo di altri veicoli. Da parte sua, il più possente Ultimo Barricado diverrà invulnerabile ad attacchi da parte di veicoli o altri piloti, mentre Lupita potrà fare affidamento su scie di fuoco che causano danni a veicoli e KO ai personaggi.

    Interessanti anche i primi dettagli offerti sui veicoli speciali assegnati a ciascun pilota. Tra automobili in grado di entrare in Berserk o attivare un immenso scudo, le prospettive per l'impatto di questi ultimi sui match sembrano notevoli. Non mancano poi all'appello veicoli in grado di dimezzare gli avversari con una lama celata o di infliggere danni devastanti ad altre quattro ruote sfruttando l'accelerazione offerta da enormi razzi.

    Motori e distruzione su PlayStation 5

    Destruction AllStars sarà uno dei titoli parte della line-up di lancio della nuova ammiraglia Sony. In quanto tale, la produzione punta a sfruttare alcune delle caratteristiche chiave di PS5.

    Sul fronte grafico, ad esempio, la creatura di Lucid Games offrirà una risoluzione dinamica in 4K. Gli autori garantiscono inoltre tempi di caricamento sostanzialmente istantanei, grazie all'efficienza dell'SSD al cuore dell'hardware della console next gen. A completare il quadro, contribuisce il supporto a Tempest 3D AudioTech, con un comparto audio che mira a ricostruire la sensazione di trovarsi al centro dell'azione, circondati a 360° dagli spalti delle arene di Destruction AllStars. Immancabile infine la volontà di sfruttare a pieno le feature del nuovo controller Sony: il peculiare titolo promette un feedback unico per ogni veicolo grazie ai grilletti adattivi del DualSense, al quale si affianca l'immersività garantita dalla tecnologia del feedback aptico.

    In chiusura, segnaliamo che, in qualità di esclusiva PlayStation 5, Destruction AllStars rientra tra i giochi coinvolti dalla politica di aumento del prezzo dei titoli next gen, con un prezzo di lancio che si assesta sui 79,99€, esattamente come accaduto per il remake di Demon's Souls.

    Destruction AllStars Destruction AllStars si presenta al pubblico come una produzione fieramente sopra le righe. Con l'arduo compito di inaugurare la next-gen firmata Sony, il gioco mette in campo una formula chiassosa e goliadica, per un'esperienza che, se ben implementata, potrebbe avere tutte le carte in regola per trasformarsi in un piccolo, grande fenomeno videoludico, al pari di un Rocket League o di un Fall Guys: Ultimate Knockout. Tuttavia, va sottolineato, rispetto a questi ultimi, il prezzo del biglietto d'ingresso è decisamente più elevato. Con un piano di aggiornamenti gratuiti già in programma, il team di Lucid Games punta con decisione alla creazione di una community attiva e in costante ampliamento. A un primo sguardo, gli ingredienti per un esperimento ben confezionato sembrano essere presenti: per scoprire se saranno sufficienti a portare Destruction AllStars alla ribalta, non resta che attendere le poche settimane che ci separano dal debutto di PlayStation 5.

    Quanto attendi: Destruction AllStars

    Hype
    Hype totali: 13
    77%
    nd